Frasi da libro
La casa in collina

La casa in collina

La casa in collina è un romanzo dello scrittore Cesare Pavese, scritto tra il 1947 e il 1948 e pubblicato nel novembre 1948 insieme a Il carcere nel volume Prima che il gallo canti a Torino dalla casa editrice Einaudi.


Cesare Pavese photo
Cesare Pavese photo

„Ma ho visto i morti sconosciuti, i morti repubblichini. Sono questi che mi hanno svegliato. Se un ignoto, un nemico, diventa morendo una cosa simile, se ci si arresta e si ha paura a scavalcarlo, vuol dire che anche vinto il nemico è qualcuno, che dopo averne sparso il sangue bisogna placarlo, dare una voce a questo sangue, giustificare chi l'ha sparso. Guardare certi morti è umiliante. Non sono piú faccenda altrui; non ci si sente capitati sul posto per caso. Si ha l'impressione che lo stesso destino che ha messo a terra quei corpi, tenga noialtri inchiodati a vederli, a riempircene gli occhi. Non è paura, non è la solita viltà. Ci si sente umiliati perché si capisce – si tocca con gli occhi – che al posto del morto potremmo essere noi: non ci sarebbe differenza, e se viviamo lo dobbiamo al cadavere imbrattato. Per questo ogni guerra è una guerra civile: ogni caduto somiglia a chi resta, e gliene chiede ragione.“

—  Cesare Pavese, libro La casa in collina

XXIII; p. 122
La casa in collina
Variante: Se un ignoto, un nemico, diventa morendo una cosa simile, se ci si arresta e si ha paura a scavalcarlo, vuoi dire che anche vinto il nemico è qualcuno, che dopo averne sparso il sangue bisogna placarlo, dare una voce a questo sangue, giustificare chi l'ha sparso. Guardare certi morti è umiliante. Non sono più faccenda altrui: non ci si sente capitati sul posto per caso. Si ha l'impressione che lo stesso destino che ha messo a terra quei corpi, tenga noialtri inchiodati a vederli, a riempircene gli occhi. Non è paura, non è la solita viltà. Ci si sente umiliati perché si capisce - si tocca con gli occhi - che al posto del morto potremmo essere noi: non ci sarebbe differenza, e se viviamo lo dobbiamo al cadavere imbrattato. Per questo ogni guerra è una guerra civile: ogni caduto somiglia a chi resta, e gliene chiede ragione.

Cesare Pavese photo
Cesare Pavese photo
Cesare Pavese photo
Cesare Pavese photo
Cesare Pavese photo
Cesare Pavese photo
Cesare Pavese photo
Cesare Pavese photo

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating
Cesare Pavese photo
Cesare Pavese photo
Cesare Pavese photo

„Conta quello che si fa, non che si dice.“

—  Cesare Pavese, libro La casa in collina

Cate, citando Fonso: XV; p. 82
La casa in collina

Autori simili

Cesare Pavese photo
Cesare Pavese244
scrittore, poeta, saggista e traduttore italiano 1908 - 1950
Erri De Luca photo
Erri De Luca238
scrittore, traduttore e poeta italiano
Jorge Luis Borges photo
Jorge Luis Borges133
scrittore, saggista, poeta, filosofo e traduttore argentino
Mario Benedetti photo
Mario Benedetti6
poeta, saggista e scrittore uruguaiano
Ezra Pound photo
Ezra Pound150
poeta, saggista e traduttore statunitense
Nino Salvaneschi photo
Nino Salvaneschi38
scrittore, giornalista e poeta italiano
Haruki Murakami photo
Haruki Murakami253
scrittore, traduttore e saggista giapponese
Alessandro Baricco photo
Alessandro Baricco459
scrittore e saggista italiano
Jean Cocteau photo
Jean Cocteau101
poeta, saggista e drammaturgo francese
Pier Paolo Pasolini photo
Pier Paolo Pasolini158
poeta, giornalista, regista, sceneggiatore, attore, parolie…
Autori simili
Cesare Pavese photo
Cesare Pavese244
scrittore, poeta, saggista e traduttore italiano 1908 - 1950
Erri De Luca photo
Erri De Luca238
scrittore, traduttore e poeta italiano
Jorge Luis Borges photo
Jorge Luis Borges133
scrittore, saggista, poeta, filosofo e traduttore argentino
Mario Benedetti photo
Mario Benedetti6
poeta, saggista e scrittore uruguaiano
Ezra Pound photo
Ezra Pound150
poeta, saggista e traduttore statunitense