Frasi di Ezra Pound

Ezra Pound foto

168   27

Ezra Pound

Data di nascita: 30. Ottobre 1885
Data di morte: 1. Novembre 1972
Altri nomi: Ezra Loomis Pound

Ezra Weston Loomis Pound è stato un poeta, saggista e traduttore statunitense, che passò la maggior parte della sua vita in Italia.

Visse per lo più in Europa e fu uno dei protagonisti del modernismo e della poesia di inizio XX secolo. Costituì, assieme a Thomas Stearns Eliot, la forza trainante di molti movimenti modernisti, principalmente dell'imagismo e del vorticismo, correnti che prediligevano un linguaggio d'impatto, un immaginario spoglio e una netta corrispondenza tra la musicalità del verso e lo stato d'animo che esprimeva, in contrasto con la letteratura vittoriana e coi poeti georgiani.

Durante gli anni trenta e quaranta espresse ammirazione per Mussolini, Hitler e Oswald Mosley; trasferitosi in Italia nel 1924, sostenne il regime fascista fino alla caduta della Repubblica di Salò. Catturato dai partigiani, venne consegnato alle forze armate degli Stati Uniti, dove fu sottoposto a processo per tradimento. Dichiarato incapace, fu detenuto tredici anni in un manicomio giudiziario fino a quando, liberato, tornò in Italia dove trascorse gli ultimi anni.

Benché avesse preso poi le distanze dalla Germania nazista, ma non dal fascismo italiano, l'associazione del suo nome con queste ideologie costò a Pound, nel secondo dopoguerra, la possibilità di partecipare all'assegnazione del premio Nobel per la letteratura, nel 1959, in quanto l'Accademia di Svezia rifiutò la candidatura espressa a suo favore da uno dei componenti della commissione.


„Meno sappiamo, più lunghe sono le nostre spiegazioni.“

„Lo schiavo è quello che aspetta qualcuno a liberarlo.“


„La banca trae beneficio dall'interesse | su tutta la moneta che crea dal nulla“ Canto XLVI

„Provincialismo: ignoranza dei costumi degli altri e desiderio di controllare le loro azioni.“

„Se un mecenate acquista da un artista che ha bisogno di soldi (bisogno di soldi per comprare gli strumenti, il tempo, il cibo), il mecenate allora si mette alla pari dell'artista, sta costruendo dell'arte nel mondo; egli crea.“

„Un'affermazione imperfetta e interrotta, se espressa con sincerità, spesso dice di più a chi la ascolta di quanto non dice l'espressione più meticolosamente accurata.“

„Io credo più nelle cose che nelle parole.“

„Credo nelle idee che diventano azioni.“


„Le idee sono vere quando si trasformano in azioni.“

„La stessa ostinatezza di (A. R.) Orange costituì un valore.“ p. 70

„Pensiamo perché non sappiamo.“

„Il provincialismo è qualcosa di più dell'ignoranza. È ignoranza più una volontà di uniformità. È una malevolenza latente, spesso una malevolenza attiva, e l'odium teologicum ne è solo un aspetto. È molto insidioso, ed uno raramente può esserne libero, anche tenendo gli occhi aperti.“


„L'incompetenza si manifesta nell'uso di troppe parole.“ p. 72

„I poeti che non s'interessano alla musica sono, o diventano, cattivi poeti.“ p. 57

„Ci sono voluti due secoli di Provenza e uno di Toscana per sviluppare i mezzi del capolavoro di Dante.“ p. 48

„Uno dei piaceri della mezza età è di scoprire che uno AVEVA ragione, e che aveva più ragione di quanto se ne rendesse conto all'età di diciassette o ventitré anni.“

Autori simili