Frasi di Gregory Scott Paul

Gregory Scott Paul photo
15   2

Gregory Scott Paul

Data di nascita: 24. Dicembre 1954

Pubblicità

Gregory Scott Paul è un paleontologo, sociologo e illustratore statunitense.

Ricercatore libero professionista, scrittore e illustratore nel campo della paleontologia, si dedica attualmente anche all'esame della sociologia e teologia. Noto per la sua ricerca sui dinosauri teropodi e le sue relative dettagliate illustrazioni, sia in carne che in scheletro. Coinvolto nell'indagine e restauro di dinosauri per tre decenni, Paul ha ricevuto riconoscimenti e citazioni su schermo quale specialista di dinosauri su Jurassic Park, L'impero dei dinosauri e Il pianeta dei dinosauri. È l'autore e illustratore di molteplici libri, tra i quali Predatory Dinosaurs of the World , The Complete Illustrated Guide to Dinosaur Skeletons , Dinosaurs of the Air , The Princeton Field Guide To Dinosaurs , Gregory S. Paul's Dinosaur Coffee Table Book , e curatore del volume The Scientific American Book of Dinosaurs . La sua recente ricerca sulle interazioni tra religione e società ha ricevuto risonanza internazionale.

Autori simili

Alberto Angela photo
Alberto Angela5
divulgatore scientifico italiano
Vincenzo Mollica photo
Vincenzo Mollica8
giornalista e scrittore italiano
Herbert Marcuse photo
Herbert Marcuse26
filosofo, sociologo e politologo tedesco
Sabino Acquaviva photo
Sabino Acquaviva13
sociologo, giornalista e scrittore italiano
Jeffrey Alexander photo
Jeffrey Alexander18
sociologo statunitense
Alfred Kubin photo
Alfred Kubin6
illustratore e scrittore austriaco
Roland Topor photo
Roland Topor2
scrittore, sceneggiatore e illustratore francese
Thorstein Veblen photo
Thorstein Veblen3
economista e sociologo statunitense
Tomi Ungerer photo
Tomi Ungerer6
scrittore e illustratore francese

Frasi Gregory Scott Paul

„Ahimè, i produttori dei prodotti commerciali dei dinosauri continuano a rigurgitare materiali di bassa qualità che sono o obsoleti o inappropriatamente derivativi. I documentari e i libri sui dinosauri sono diventati così numerosi che non hanno più fascino e non provo più nemmeno ad aggiornarmi. Ci sono anche dei seri problemi con la qualità e l'affidabilità, che spesso non soddisfano le aspettative degli scienziati. Ecco un esempio; ho quasi sferrato un calcio allo schermo della tv quando un documentario ha affermato che il cervello di Tyrannosaurus fosse grande quanto quello di un gorilla, nonostante il suo quoziente intellettivo fosse di poco superiore rispetto a quello di un coccodrillo. E perché i teropodi vengono spesso raffigurati immobili, pronti a sfidare le proprie prede prima di attaccarle, quando il vero scopo dei predatori è quello di colpire e sopraffare le proprie vittime prima che esse si accorgano di quello che sta accadendo? Questi standard bassi non mi sorprendono, siccome i media e la stampa spesso promuovono la credenza nel paranormale. Ma questi sono cavilli. La scienza dei dinosauri è quasi completamente cambiata nel mezzo secolo in cui sono stato cosciente. Vecchie star come Allosaurus e il sempre bizzarro Stegosaurus hanno ancora il loro fascino, ma ora sappiamo dell'esistenza dei sauropodi corazzati, dei terizinosauri panciuti e dei dromaeosauri dalle ali multiple simili a quelle degli uccelli. Il modello rettiliano è superato e quello uccello-mammifero è dominante.“

—  Gregory Scott Paul

Pubblicità

„Quali sarebbero i nostri pensieri e i nostri sentimenti riguardo i dinosauri carnivori se fossero vivi al giorno d'oggi? Gli umani hanno da tempo sentito antipatia verso i carnivori, i nostri concorrenti per le proteine scarseggianti. Ma i nostri sentimenti sono leggermente placati dai tratti attraenti che vediamo in loro. Per quanto siano grandi e possenti, i leoni ci rammentano delle bestiole che si raggomitolano sui nostri grembi e che fanno le fusa quando li accarezziamo. Allo stesso modo, i nobili lupi ci rammentano dei nostri compagni canini. I cani e i gatti sono buoni compagni perché sono intelligenti, sensibili alle nostre esigenze e i loro corpi flessibili li rendono piacevoli da toccare e per giocarci. Più importante, sono ammaestrabili. I loro occhi rivolti di fronte ci fanno ricordare noi stessi. Al contrario, neanche i dinosauri carnivori più piccoli presenterebbero un vantaggio di questo tipo. Nessuno di loro era abbastanza intelligente per essere addomesticabile o ammaestrabile e infatti avrebbero rappresentato un pericolo continuo per i loro padroni. I loro corpi rigidi, forse piumati, non sarebbero del tipo che ci piacerebbe avere ai piedi in letto. I giganti dai tratti rettiliani, i grandi carnivori, sarebbero stati veramente orribili e terrificanti. Avremmo ammirato la loro grandezza e la loro potenza, nello stesso modo in cui molti s'interessano alle macchine da guerra, ma non ci piacerebbero. Le loro immagini nella letteratura e nella musica sarebbero demoniache e potenti — mostri da temere e distruggere ma, allo stesso tempo, d'ammirare.“

—  Gregory Scott Paul

Pubblicità
Pubblicità

„Il mondo dei dinosauri con cui ero cresciuto era in qualche modo classico. Essi erano universalmente visti come rettili squamosi che abitavano i continenti immobili. Non c'era alcun indizio che fossero gli antenati diretti degli uccelli. Essendo rettili, i dinosauri erano a sangue freddo e piuttosto lenti, con l'eccezione degli esemplari più piccoli, più simili agli uccelli. Tutti i dinosauri trascinavano le loro code sul suolo. Gli arti anteriori erano spesso spalancati. I muscoli delle gambe erano snelli, tratto tipico dei rettili. Le loro capacità intellettuali erano minime e lo stesso valeva per le loro attività sociali e materne... Gli adrosauridi e soprattutto i sauropodi erano gli ippopotami dei dinosauri. Gli ultimi infatti erano forse un po' troppo colossali per emergere sulla terraferma e quando lo facevano il loro grande peso li costringeva ad alzare dal suolo solo una zampa alla volta. Erano adatti solo per il clima tropicale umido, caldo e soleggiato che avvolgeva la terra da un polo all'altro prima del Cenozoico. Un clima che andava raffreddandosi e la formazione di nuove catene montuose rappresentarono la condanna degli arcosauri obsoleti, risparmiando solo i coccodrilli. I dinosauri e i pterosauri, simili a pipistrelli, erano semplicemente degli interludi evolutivi, un periodo di inerzia geo-biologico prima che le cose si facessero serie con l'ascesa degli uccelli e soprattutto dei mammiferi energetici e astuti, per poi condurre con l'inevitabile progress all'apice della selezione naturale: l'uomo. Era quasi tutto sbagliato. Sentivo in fondo che qualcosa non andava. Nel disegnare i dinosauri, trovai che erano molto più simili agli uccelli e ai mammiferi che non ai rettili, che sarebbero dovuti essere. Ero pronto a un nuovo punto di vista.“

—  Gregory Scott Paul

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating
Anniversari di oggi
William Golding photo
William Golding14
scrittore britannico 1911 - 1993
Umberto Bossi photo
Umberto Bossi102
politico italiano 1941
Italo Calvino photo
Italo Calvino319
scrittore italiano 1923 - 1985
Konstantin Eduardovič Ciolkovskij photo
Konstantin Eduardovič Ciolkovskij1
scienziato russo 1857 - 1935
Altri 82 anniversari oggi
Autori simili
Alberto Angela photo
Alberto Angela5
divulgatore scientifico italiano
Vincenzo Mollica photo
Vincenzo Mollica8
giornalista e scrittore italiano
Herbert Marcuse photo
Herbert Marcuse26
filosofo, sociologo e politologo tedesco
Sabino Acquaviva photo
Sabino Acquaviva13
sociologo, giornalista e scrittore italiano