„La Francia, in misura sempre maggiore, integra il suo esercito con gli elementi di colore del suo gigantesco impero e, dal punto di vista della razza, si va così rapidamente "negrizzando", che in verità si può parlare della nascita di uno stato africano sul suolo europeo. Se questa mescolanza continuasse per altri trecento anni, sparirebbero gli ultimi resti di sangue franco e si formerebbe un compatto stato africano-europeo che va dal Reno al Congo, popolato da una razza inferiore, figlia di un costante imbastardimento.“

—  Adolf Hitler, libro Mein Kampf

Mein Kampf

Ultimo aggiornamento 13 Dicembre 2020. Storia
Adolf Hitler photo
Adolf Hitler157
dittatore della Germania nazista dal 1933 al 1945 1889 - 1945
Modifica

Citazioni simili

Giuseppe Prezzolini photo
Kwame Nkrumah photo

„Ho dichiarato pubblicamente la posizione del Ghana nei confronti dell'Algeria. Abbiamo pubblicamente appoggiato i nazionalisti algerini. La tesi che i coloni europei avevano fatto dell'Algeria la loro casa e si consideravano algerini è irrilevante. Se fossero stati veramente dei patrioti algerini, non si sarebbero opposti ai nazionalisti algerini. Non avrebbero ucciso e terrorizzato, e infranto le clausole dei trattati di pace franco-algerini. Per l'africano, il colono europeo, che viva in Sudafrica, Kenya, Angola o altrove in Africa, è un intruso, uno straniero che si è impossessato della terra africana. Nessun tipo di argomentazione sui cosiddetti benefici d'un governo europeo può alterare il diritto fondamentale degli africani di dirigere i loro propri affari.“

—  Kwame Nkrumah rivoluzionario e politico ghanese 1909 - 1972

Africa Must Unite
Variante: Ho dichiarato pubblicamente la posizione del Ghana nei confronti dell'Algeria. Abbiamo pubblicamente appoggiato i nazionalisti algerini. La tesi che i coloni europei avevano fatto dell'Algeria la loro casa e si consideravano algerini è irrilevante. Se fossero stati veramente dei patrioti algerini, non avrebbero si sarebbero opposti ai nazionalisti algerini. Non avrebbero ucciso e terrorizzato, e infranto le clausole dei trattati di pace franco-algerini. Per l'africano, il colono europeo, che viva in Sudafrica, Kenya, Angola o altrove in Africa, è un intruso, uno straniero che si è impossessato della terra africana. Nessun tipo di argomentazione sui cosiddetti benefici d'un governo europeo può alterare il diritto fondamentale degli africani di dirigere i loro propri affari.

Carl August Schneegans photo
Ashley Montagu photo
Yannick Noah photo
Napoleone Bonaparte photo

„[Ultime parole] Francia, esercito – capo dell'esercito – Giuseppina.“

—  Napoleone Bonaparte politico e militare francese, fondatore del Primo Impero francese 1769 - 1821

Simón Bolívar photo
Thomas Stearns Eliot photo

„Un cittadino europeo può non credere che il cristianesimo sia vero e tuttavia quello che dice e fa scaturisce dalla cultura cristiana di cui è erede. Senza il cristianesimo non ci sarebbe stato neppure un Voltaire o un Nietzsche. Se il cristianesimo se ne va, se ne va anche la nostra cultura, se ne va il nostro stesso volto.“

—  Thomas Stearns Eliot poeta, saggista e critico letterario statunitense 1888 - 1965

Origine: Citato in Reginaldo M. Pizzorni, Diritto, etica e religione: il fondamento metafisico del diritto secondo Tomaso d'Acquino, Edizioni Studio Domenicano, 2006, p. 427.

Henry Ford photo
Kwame Nkrumah photo
Haile Selassie photo
Noam Chomsky photo
Richard Nixon photo
Milton Obote photo
Kwame Nkrumah photo
Adolf Hitler photo
Richard Nixon photo
Bobby Riggs photo

„Le donne che giocano a tennis sono di una razza inferiore.“

—  Bobby Riggs tennista statunitense 1918 - 1995

Origine: Dopo una serie di dichiarazioni del genere, decise a 55 anni di sfidare due delle più grandi giocatrici del tempo nell'evento poi diventato celebre come "Battaglia dei Sessi". Riggs si aggiudicò il primo incontro per 6-1, 6-2 contro Margaret Smith Court, ma perse il secondo contro Billie Jean King per 6-4, 6-3, 6-3. (Citato in Gaia Piccardi, Il tennis riscopre la battaglia dei sessi https://web.archive.org/web/20160101000000/http://archiviostorico.corriere.it/2008/giugno/30/tennis_riscopre_battaglia_dei_sessi_co_9_080630101.shtml, Corriere della sera, 30 giugno 2008)

Margaret Thatcher photo

„Signor presidente, mi hai invitato a parlare sul tema della Gran Bretagna in Europa. Forse dovrei congratularmi per il suo coraggio. Se conosce alcune delle cose dette e scritte e i miei punti di vista sull'Europa, deve sembrare un po' come invitare Gengis Khan a parlare sulle virtù della coesistenza pacifica! […] La Comunità europea è una [delle tante] manifestazione dell'identità europea, ma non solo. Non dobbiamo mai dimenticare che ad est della cortina di ferro, ai popoli che un tempo godevano di una piena condivisione della cultura europea, la libertà e l'identità sono state tagliate fuori dalle loro radici. Staremo sempre a guardare Varsavia, Praga e Budapest come grandi città d'Europa. […] Cercare di sopprimere una nazione e concentrare il potere al centro di un conglomerato europeo sarebbe altamente dannoso e metterebbe a repentaglio gli obiettivi che cerchiamo di raggiungere. L'Europa sarà più forte proprio perché la Francia è Francia, perché la Spagna è Spagna, la Gran Bretagna è la Gran Bretagna, ognuna con le proprie usanze, tradizioni e identità. Sarebbe una follia cercare di inserirli in una sorta di identikit della personalità europee […], è ironico che proprio nel momento in cui in quei paesi come l'Unione Sovietica, che hanno cercato di eseguire tutto dal centro, stanno imparando che il successo dipende dalla dispersione del potere e delle decisioni decentralizzate, ci sono alcuni nella Comunità che sembrano voler muoversi in direzione opposta. In Gran Bretagna non abbiamo implementato con successo le frontiere di Stato, solo per vederle nuovamente infrante a livello europeo con un super-stato europeo che esercita un nuovo dominio da Bruxelles.“

—  Margaret Thatcher primo ministro del Regno Unito 1925 - 2013

dal Discorso di Bruges rivolto al presidente dell'Unione Europea Andreas Papandreou, 20 settembre 1988

Vincenzo Monti photo

„A franco | Parlar risponderò franche parole.“

—  Vincenzo Monti poeta italiano 1754 - 1828

II, 7
Aristodemo

Argomenti correlati