„Nel Pci esiste ed opera la volontà non solo di costruire e di far vivere qui in Italia un partito laico e democratico, come tale non teista, non ateista, non antiteista, ma di volere anche, per diretta conseguenza, uno Stato laico e democratico, anch'esso dunque non teista, non ateista, non antiteista.“

da una lettera a al monsignor Luigi Bettazzi, vescovo di Ivrea, 14 ottobre 1977

Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Sergio Romano photo

„L'Italia non è uno Stato laico: è uno Stato concordatario.“

—  Sergio Romano storico, scrittore e giornalista italiano 1929

19 luglio 2005
Lettere al Corriere, Corriere della Sera

Corrado Guzzanti photo

„Ma il nostro è un Paese laico e democratico dove un presidente del consiglio che nessuno di noi ha eletto, come primo atto ufficiale va a porgere i suoi omaggi al Papa. E il motivo per cui io e i miei colleghi scriviamo e recitiamo cose come Padre Pizzarro è che l'Italia sembra spesso uno stato teocratico di fatto.“

—  Corrado Guzzanti comico, attore e sceneggiatore italiano 1965

Origine: Da Corrado Guzzanti: l’Aiart ritira la denuncia http://www.civiltalaica.it/cms/index.php/corrado-guzzanti-laiart-ritira-la-denuncia.html, Civiltalaica.it, 20 gennaio 2013.

Palmiro Togliatti photo
Oscar Luigi Scalfaro photo
Eros Drusiani photo
Tom Wolfe photo
Giuseppe Prezzolini photo

„L'Italia non è democratica né aristocratica. È anarchica.“

—  Giuseppe Prezzolini, libro Codice della vita italiana

Codice della vita italiana, Capitolo III – Del Governo e della Monarchia

Mario Tanassi photo
Gaetano Salvemini photo
Antonio Ghirelli photo
Anton Pavlovič Čechov photo

„Un laico non può giudicare un vescovo“

—  Anton Pavlovič Čechov scrittore, drammaturgo e medico russo 1860 - 1904

Il duello

Claudio Magris photo
Nicolás Gómez Dávila photo
Gwynne Dyer photo
Jean-Luc Marion photo
Ilaria Borletti Buitoni photo

„L'Italia non è mai stato un Paese laico, e oggi fatica ad esserlo. Quindi il dibattito avviene immediatamente creando degli scontri ideologici e non avviene attraverso la predisposizione laica, e quindi di un dibattito che vada nel merito del problema. Non non siamo un paese laico: questo è uno dei grandi problemi del nostro Paese.“

—  Ilaria Borletti Buitoni manager e politica italiana 1955

Origine: Dall'intervista Eutanasia, Bonino: "Vige il silenzio della politica, ma la società è pronta" http://tv.ilfattoquotidiano.it/2015/03/19/eutanasia-bonino-vige-silenzio-della-politica-ma-societa-e-pronta/351353/, Il Fatto Quotidiano.it, 19 marzo 2015.

Giuliano Ferrara photo
Menno ter Braak photo

„Che uno possa sentirsi democratico, perché vede nel paradosso democratico un minimo che è stato raggiunto dalla disciplina cristiana, e che perciò ha valore malgrado le frasi democratiche e malgrado il suffragio universale, perfino malgrado la pedanteria etica, è cosa assolutamente incomprensibile alla mente di un democratico dottrinario; che una tale persona possa dunque perseguitare la democrazia e la sua uguaglianza « davanti alla legge», nata dal risentimento, (per tacere ancora una volta discretamente della fraternità), perseguitarla dico, col suo sarcasmo e contemporaneamente affermarla, sostenerla col suo istinto, significa per il democratico dottrinario doppiezza, ambiguità, scetticismo, tradimento alla sua vera democrazia. Ciò che gli sfugge difatti è che quel qualcuno (quel Nessuno, azzardiamo con Ulisse questo giuoco di parole), con uguale passione, è sarcastico verso la democratica pedanteria dottrinaria ed è conscio di non poter vivere diversamente che con i postulati minimi rappresentati dalla democrazia. Quei postulati minimi sono il suo stratagemma per vivere, il suo retaggio dal Cristianesimo; con questo « minimo » egli deve difendersi contro il barbaro Ciclope che minaccia di divorare lui e i suoi compagni, dopo averli radunati nella sua grotta.“

—  Menno ter Braak scrittore olandese 1902 - 1940

Libro Secondo, ...e uguaglianza cristiana, pp. 206-207
La democrazia di nessuno
Origine: Il riferimento è alla critica di Nietzsche al principio cristiano di uguaglianza di tutti gli uomini di fronte a Dio: nell'affermazione cristiana di questa uguaglianza, Nietzsche ravvisa l'espressione del risentimento, del rancore dei deboli verso i potenti. In un mondo secolarizzato, ma ancora retto dalla disciplina – anche se non più dalla fede – cristiana, l'uguaglianza di fronte a Dio si muta in uguaglianza di tutti di fronte alla legge.

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“