„Ciò che i discepoli hanno constatato riguardo alla risurrezione contiene quindi, in ogni caso, un elemento oggettivo, visibile all'esterno, osservabile, perfettamente dimostrabile e controllabile: il fatto del sepolcro vuoto“

Gesù il Cristo

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Vittorio Messori photo
Matteo apostolo ed evangelista photo
Wilhelm Reich photo

„Ciò che caratterizza la schizofrenia, è l'esperienza di questo elemento vitale;… per quanto riguarda il loro sentimento della vita, il nevrotico e il perverso stanno allo schizofrenico come il bottegaio sordido al grande avventuriero.“

—  Wilhelm Reich medico e psichiatra austriaco 1897 - 1957

citato in Gilles Deleuze e Félix Guattari, L'Anti-Edipo, Minuit, 1972. pp. 496, ISBN 2.7073.0067.5, trad.it. L'anti-Edipo, Capitalismo e schizofrenia, tr. Alessandro Fontana, Einaudi, Torino 1975-2002

Eugenio Scalfari photo
Victor Hugo photo
Fritjof Capra photo
Papa Benedetto XVI photo
Confucio photo

„Nulla è più visibile di ciò che è nascosto.“

—  Confucio filosofo cinese -551 - -479 a.C.

Origine: Citato ne L'invariabile mezzo, 1, in Testi confuciani.

Claudio Magris photo
Eraclito photo
Silvio Berlusconi photo

„Non è un complesso di superiorità, è un fatto oggettivo. Berlusconi ha una caratura imparagonabile.“

—  Silvio Berlusconi politico e imprenditore italiano 1936

2001
Origine: Dalla conferenza stampa sulla nave Azzurra, 24 febbraio 2001; citato in Felice Froio, Il cavaliere incantatore: chi è veramente Berlusconi, Edizioni Dedalo, 2003, p. 61 https://books.google.it/books?id=Ok8jmHHjW78C&pg=PA61. ISBN 8822062663

Alexandr Alexandrovič Blok photo
Emil Cioran photo
Milan Kundera photo
Dante Alighieri photo

„Fu lui il primo a creare un'arte che osservava il mondo esterno con ottimismo e in maniera oggettiva, rompendo con l'espressionismo astratto preoccupato soltanto della sensibilità e tormento poetico intimista dell'artista. Fu una rivoluzione.“

—  Ivan Karp 1926 - 2012

citato in Corriere della Sera https://web.archive.org/web/20160101000000/http://archiviostorico.corriere.it/2010/gennaio/26/Vidi_tele_sul_pick_Pensai_co_9_100126057.shtml, 25 gennaio 2010

„Il discepolo deve stare accanto al Maestro. Questi deve applicare, per la trafissione, bocca a bocca, forma a forma, sino a non fondersi perfettamente cogli oggetti (di tali sue operazioni). Fusosi perfettamente il mentale, discepolo e maestro vengono a trovarsi nel cosiddetto stato transmentale, grazie a cui il discepolo è immediatamente iniziato. Unitosi sole e luna, il vivente si identifica (con lo stato unitivo venuto a verificarsi).“

—  Abhinavagupta, Tantrāloka

2013, 273-275
Tantrāloka, Capitolo XXIX
Origine: La citazione fa riferimento al rito di iniziazione detto "per trafissione", destinato a chi aspira a "fruizioni". Con tale termine si intende la possibilità, per l'adepto, di fruire dei piaceri mondani della vita e di ottenere la liberazione soltanto in punto di morte. Rinunciando invece alle fruizioni si può aspirare alla liberazione in vita.

Argomenti correlati