Frasi da libro
Critica della ragion pratica

Critica della ragion pratica
Immanuel KantTitolo originale Critik der practischen Vernunft (Tedesco, 1788)

La Critica della ragion pratica è un'opera di Immanuel Kant pubblicata nel 1788; è la seconda per ordine cronologico delle tre celebri Critiche di Kant, di cui fanno parte anche la Critica della ragion pura e la Critica del Giudizio .


Immanuel Kant photo

„Due cose riempiono l'animo di ammirazione e venerazione sempre nuova e crescente, quanto più spesso e più a lungo la riflessione si occupa di esse: il cielo stellato sopra di me, e la legge morale in me. Queste due cose io non ho bisogno di cercarle e semplicemente supporle come se fossero avvolte nell'oscurità, o fossero nel trascendente, fuori del mio orizzonte; io le vedo davanti a me e le connetto immediatamente con la coscienza della mia esistenza. La prima comincia dal posto che io occupo nel mondo sensibile esterno, ed estende la connessione in cui mi trovo, a una grandezza interminabile, con mondi e mondi, e sistemi di sistemi; e poi ancora ai tempi illimitati del loro movimento periodico, del loro principio e della loro durata. La seconda comincia dal mio io invisibile, dalla mia personalità, e mi rappresenta in un mondo che ha la vera infinitezza, ma che solo l'intelletto può penetrare, e con cui (ma perciò anche in pari tempo con tutti quei mondi visibili) io mi riconosco in una connes­sione non, come là, semplicemente accidentale, ma universale e necessaria. Il primo spettacolo di una quantità innumerevole di mondi annulla affatto la mia importanza di natura animale che deve restituire nuovamente al pianeta (un semplice punto nell'universo) la materia della quale si formò, dopo essere stata provvista per breve tempo (e non si sa come) della forza vitale. Il secondo, invece, eleva infinitamente il mio valore, come [valore] di una intelligenza, mediante la mia personalità in cui la legge morale mi manifesta una vita indipendente dall'animalità e anche dall'intero mondo sensibile, almeno per quanto si può inferire dalla determinazione conforme a fini della mia esistenza mediante questa legge: la quale determinazione non è ristretta alle condizioni e ai limiti di questa vita, ma si estende all'infinito.“

—  Immanuel Kant, libro Critica della ragion pratica

dalla conclusione, ediz. 1966, pp. 201-202
Critica della ragion pratica

Immanuel Kant photo
Immanuel Kant photo
Immanuel Kant photo
Immanuel Kant photo

Autori simili

Immanuel Kant photo
Immanuel Kant63
filosofo tedesco 1724 - 1804
Johann Gottfried Herder photo
Johann Gottfried Herder4
filosofo e teologo tedesco
Friedrich Schiller photo
Friedrich Schiller52
poeta, filosofo e drammaturgo tedesco
Gotthold Ephraim Lessing photo
Gotthold Ephraim Lessing22
scrittore, filosofo e drammaturgo tedesco
Gottfried Wilhelm von Leibniz photo
Gottfried Wilhelm von Leibniz29
matematico e filosofo tedesco
Novalis photo
Novalis51
poeta e teologo tedesco
Georg Christoph Lichtenberg photo
Georg Christoph Lichtenberg55
fisico, scrittore e aforista tedesco
Johann Wolfgang von Goethe photo
Johann Wolfgang von Goethe264
drammaturgo, poeta, saggista, scrittore, pittore, teologo, …
Paul Henri Thiry d'Holbach photo
Paul Henri Thiry d'Holbach38
filosofo e enciclopedista tedesco
Thomas Hobbes photo
Thomas Hobbes29
filosofo britannico
Autori simili
Immanuel Kant photo
Immanuel Kant63
filosofo tedesco 1724 - 1804
Johann Gottfried Herder photo
Johann Gottfried Herder4
filosofo e teologo tedesco
Friedrich Schiller photo
Friedrich Schiller52
poeta, filosofo e drammaturgo tedesco
Gotthold Ephraim Lessing photo
Gotthold Ephraim Lessing22
scrittore, filosofo e drammaturgo tedesco
Gottfried Wilhelm von Leibniz photo
Gottfried Wilhelm von Leibniz29
matematico e filosofo tedesco