„Un giorno dell'anno 1830, entrando di sera in una chiesa di Parigi, vidi la bara d'una giovinetta, coperta da una coltre bianca. Questa bara mi ricordò Graziella. Mi nascosi all'ombra di un pilastro e pensai a Procida, piangendo a lungo.
Le mie lagrime si asciugarono, ma le nubi che avevano attraversato il mio pensiero durante la tristezza del funerale non dileguarono.
Rientrai silenzioso nella mia camera, svolsi i ricordi che sono tracciati in questo libro e scrissi tutto d'un fiato, piangendo, i versi intitolati: Primo rimpianto. È la nota, resa fievole da vent'anni di distanza, d'un sentimento che fece zampillare la prima sorgente del mio cuore. Ma vi si sente ancora la lacerazione d'una fibra intima che non guarirà mai.
Ecco queste strofe, balsamo d'una ferita, sboccio di un cuore, profumo di un fiore sepolcrale: Non vi manca che il nome di Graziella. Ve lo incastonerei in una strofa, se vi fosse quaggiù un cristallo abbastanza puro per rinchiudere questa lagrima, questo ricordo, questo nome!“

—  Alphonse De Lamartine, p. 151
Pubblicità

Citazioni simili

Alfredo Cerruti photo
Pubblicità
Naguib Mahfouz photo
Adriano Celentano photo
Gianluca Nicoletti photo
Joumana Haddad photo

„Chi sei, strano ricordo al tatto | e strane radici in fuga | rilassamento oscuro simile alla coltre delle nubi | ed estinzione simile all'essenza dell'essere?“

—  Joumana Haddad poetessa, giornalista e traduttrice libanese 1970
da Il tuo paese, questa notte ardente, in Non ho peccato abbastanza

Frans Eemil Sillanpää photo
Nicholas Sparks photo
Pubblicità
 Morgan photo
 Papa Francesco photo
Christa Wolf photo
Cesare Pavese photo
Pubblicità
Gustave Flaubert photo
Haruki Murakami photo
Fabrizio De André photo
Stephen King photo