„Negli stessi anni in cui Virgilio compone il poema destinato ad esaltare i valori tradizionali del popolo romano, Livio – secondo una felice definizione di Syme – scrive il corrispondente in prosa dell'epopea virgiliana, ponendo l'accento sull'esaltazione della Roma antica: chiaro è il suo intento di dimostrare che costumi, tradizioni ed istituzioni antiche rappresentano il fondamento dell'impero e il presupposto necessario per il suo sviluppo e per la sua sopravvivenza; e come Virgilio si sofferma con nostalgia sui costumi semplici delle antiche stirpi italiche, così Livio innalza le figure dei Romani delle origini a simbolo della potenza romana e dei suoi valori essenziali. […] È possibile, dunque, prospettare l'ipotesi che l'impiego costante di arcaismi da parte di Livio non sia semplicemente il frutto di una concessione al gusto di alcuni poeti contemporanei o un omaggio allo stile di Sallustio, ma il risultato di una precisa e costante scelta ideologica.“

da Ideologia e stile: i poetismi e gli arcaismi liviani, in Quaderni di Storia 3, 1976, p. 278
Origine: Citato in Vittorio Citti, Claudia Casali, Camillo Neri, Scrittori latini nel tempo, Zanichelli, Bologna, 2000, p. 854. ISBN 978-88-08-09995-2

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 21 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Quinto Ennio photo

„La potenza romana poggia sui costumi e gli uomini antichi.“

—  Quinto Ennio poeta, drammaturgo e scrittore romano -239 - -169 a.C.

1996, dagli Annales, 156 Skutsch
Aforismi

Gaetano De Sanctis photo

„Se Livio non vede che Roma è perché egli è del tutto legato agli schemi della storiografia romana che, in contrasto con quella greca, ha un interesse esclusivo e profondo per le vicende del proprio popolo e che dalle sue origini fino al suo declinare non è e non vuole essere se non la storia del popolo e dello Stato romano.“

—  Gaetano De Sanctis storico italiano 1870 - 1957

Origine: Citato in Vittorio Citti, Claudia Casali, Camillo Neri, Scrittori latini nel tempo, Zanichelli, Bologna, 2000, p. 858, ISBN 978-88-08-09995-2. Vedi anche Gaetano De Sanctis, Scritti minori, vol. V, 1931-1947 http://books.google.it/books?id=ZsJSY23qm9AC&pg=PA44&dq=non+%C3%A8+e+non+vuole+essere+se+non+la+storia+del+popolo+e+dello+Stato+romano.&hl=it&ei=qFWCTpbFCoTesgap48GJDg&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=1&ved=0CC0Q6AEwAA#v=onepage&q=non%20%C3%A8%20e%20non%20vuole%20essere%20se%20non%20la%20storia%20del%20popolo%20e%20dello%20Stato%20romano.&f=false.

Tito Lívio photo
Edoardo Bennato photo

„Noi siamo un popolo di eroi e di grandi inventori e discendiamo dagli antichi romani.“

—  Edoardo Bennato cantautore, chitarrista e armonicista italiano 1946

da In fila per tre
I buoni e i cattivi

Marco Fabio Quintiliano photo
Tito Lívio photo

„[Gli antichi romani] tutti volevano che un re fosse scelto perché non avevano ancora gustato la dolcezza della libertà.“

—  Tito Lívio, libro Ab Urbe condita libri

I, 17; 1997
In variis voluntatibus regnari tamen omnes volebant, libertatis dulcedine nondum experta.
Ab urbe condita, Proemio – Libro X

David Herbert Lawrence photo
Piero Martinetti photo

„Gli antichi romani pranzavano al suono della cetra, noi abbiamo Bruno Vespa e Paolo Frajese.“

—  Cesare Marchi scrittore, giornalista e personaggio televisivo italiano 1922 - 1992

Origine: Quando siamo a tavola, p. 16

Tito Lívio photo

„Le vicende, liete e dolorose, dell'antico popolo romano furono tramandate da illustri scrittori e a narrare dei tempi di Augusto non mancarono splendidi ingegni.“

—  Tito Lívio storico romano -59 - 17 a.C.

Publio Cornelio Tacito
Originale: (la) Sed veteris populi Romani prospera vel adversa claris scriptoribus memorata sunt; temporibusque Augusti dicendis non defuere decora ingenia.

Publio Cornelio Tacito photo
Richard Wright (scrittore) photo
Mario Praz photo

„Secondo Impero, età non più eroica come quella napoleonica, ma democratica, borghese, ove nessuna mascherata di stile antico era possibile nella vita pratica.“

—  Mario Praz critico d'arte, critico letterario e saggista italiano 1896 - 1982

Origine: Da Gusto neoclassico, Sc. Italiane, Napoli, 1959, p. 370.

Francesco Granata photo
Eugenio Scalfari photo
Luciano Pellicani photo
Maffeo Pantaleoni photo

Argomenti correlati