Lessing ribaltò l'intera questione della validità del cristianesimo dal piano dogmatico a quello storico. Il quale fa intanto escludere, allora, che quella validità possa basarsi su una sovrannaturale «rivelazione» contenuta nelle fonti del cristianesimo considerate tali dalla tradizione, cioè nei Vangeli. [... ]
L'aver sgombrato il campo dall'ipoteca dell'ispirazione divina gli permise di considerare la Bibbia un «libro antico» al pari di altri «libri sacri» nei quali siano depositate tradizioni religiose di altri popoli e di altre civiltà. Anche i Vangeli, pertanto, devono venir esaminati alla stregua di un qualsiasi altro documento storico.

—  Nicolao Merker , dall'Introduzione a La religione dell'umanità, p. XIII




Citazioni simili