„Ora conosco la vera natura dell'impero e di Galbatorix: essi sono il male. Galbatorix è una piaga purulenta sulla faccia della terra. ha distrutto i Cavalieri e cancellato la pace e la prosperità. I suoi servi sono demoni ripugnanti generati da chissà quale nero abisso. Ma Galbatorix si contenta di schiacciarci sotto il suo tallone? No! Lui vuole avvelenare tutta Alagaesia e soffocarci sotto una coltre di miseria. I nostri figli e i loro discendenti dovranno vivere all'ombra delle sue tenebre fino alla fine dei tempi, ridotti in schiavitù come vermi, come insetti da torturare a suo piacimento!“

Roran
Eldest

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Christopher Paolini photo
Christopher Paolini photo
Christopher Paolini photo

„Sotto le coperte non si conosce miseria.“

—  Piero Jahier scrittore e poeta italiano 1884 - 1966

Con me e con gli alpini

Christopher Paolini photo
Christopher Paolini photo
Edward Lear photo
Jorge Luis Borges photo

„Mi occupo solo di letteratura, la mia mente riposa sotto una coltre di sogni.“

—  Jorge Luis Borges scrittore, saggista, poeta, filosofo e traduttore argentino 1899 - 1986

Vittorio Arrigoni photo

„Dante ammonisce che «seggendo in piuma in fama non si vien né sotto coltre.»“

—  Dino Provenzal scrittore italiano 1877 - 1972

Il letto

Norodom Sihanouk photo
Dante Alighieri photo
Boris Andreevič Pil'njak photo
Haile Selassie photo

„L'uomo fondamentalmente è una creatura pacifica; eppure, le esigenze dei nostri tempi hanno spesso richiesto che, per sopraffare il male e assicurare la pace e la prosperità, l'energia dell'uomo dovesse essere applicata all'apparato di difesa.“

—  Haile Selassie negus neghesti etiope 1892 - 1975

Citazioni tratte dai discorsi
Origine: Dal discorso si S.M.I. Haile Selassie I alla scuola tecnica per le forze di guerra, 1º febbraio 1963; citato in Discorsi di sua maestà imperiale Haile Selassie I tradotti in italiano.

Gustave Flaubert photo
Albert Einstein photo

„La nostra morte non è una fine se possiamo vivere nei nostri figli e nella giovane generazione. Perché essi sono noi: i nostri corpi non sono che le foglie appassite sull'albero della vita.“

—  Albert Einstein scienziato tedesco 1879 - 1955

Origine: Da una lettera alla vedova di Heike Kamerlingh Onnes, 25 febbraio 1926; Archivio Einstein 14-389.
Origine: Pensieri di un uomo curioso, p. 87

Alda Merini photo
Giulio Terzi di Sant'Agata photo
Mikha'il Nu'ayma photo

Argomenti correlati