„Fate quel che vi pare; il destino ha l'ultima parola nelle faccende umane. Ecco la vera tirannide. Secondo i princìpi del Progresso, è da gran tempo che il destino avrebbe dovuto essere abolito.“

da Sie sollen ihn nicht haben, 1850; citato in Eric Hobsbawm, cap. XVI, p. 373

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Becca Fitzpatrick photo

„Non sei l'unica a non avere scelta, in questa faccenda. È il destino a sceglierci, non viceversa.“

—  Becca Fitzpatrick scrittrice statunitense 1979

Hank
Sulle ali di un angelo

Lytton Strachey photo
Cesare Pavese photo
Giacomo Leopardi photo
Max Weber photo

„È destino del nostro tempo… soprattutto… il disincanto del mondo.“

—  Max Weber economista, sociologo, filosofo e storico tedesco 1864 - 1920

Origine: Citato in AA.VV., Il libro della sociologia, traduzione di Martina Dominici, Gribaudo, 2018, p. 41. ISBN 9788858015827

Nicholas Sparks photo
Frank Herbert photo
Henry David Thoreau photo
Etty Hillesum photo
Johann Wolfgang von Goethe photo

„Eppure, essere incompresi è il nostro destino.“

—  Johann Wolfgang von Goethe, libro I dolori del giovane Werther

17 maggio; 1998, p. 15
I dolori del giovane Werther, Libro primo

Agostino d'Ippona photo

„[Ultime parole secondo Possidio] Non sarà grande chi reputa gran cosa il fatto che cadono le costruzioni in legno e in pietra e che i mortali muoiono.“

—  Agostino d'Ippona filosofo, vescovo, teologo e santo berbero con cittadinanza romana 354 - 430

Origine: Citato in Le confessioni, tradotto da C.Vitali, Bur, 2011, p.29 http://books.google.it/books?id=_vv9Bxy6ja0C&pg=PT29, ISBN 8858607996.

„La vita, prolungata dai progressi delle "scienze umane", comincia ad essere vissuta come psicologicamente "eterna."“

—  Sabino Acquaviva sociologo, giornalista e scrittore italiano 1927 - 2015

La "vita eterna" e il miraggio di "non morire"

Giuseppe Mazzini photo

„Il destino può essere ritardato, non evitato.“

—  John Lyly scrittore 1554 - 1606

Galatea

George Gordon Byron photo

„Ma prima che io parta, Tom Moore, | Eccoti un doppio brindisi! | Ecco un sospiro per chi mi ama, | Ecco un sorriso per chi mi odia, | E quale che sia il cielo su di me, | Ecco un cuore per ogni destino.“

—  George Gordon Byron poeta e politico inglese 1788 - 1824

Origine: Da A Thomas Moore, luglio 1817, in Pezzi domestici e altre poesie, traduzione di Cesare Dapino, Einaudi, Torino, 1986, p. 189. ISBN 88-06-59386-2

Argomenti correlati