Frasi di Friedrich Nietzsche

Friedrich Nietzsche photo
510   380

Friedrich Nietzsche

Data di nascita: 15. Ottobre 1844
Data di morte: 25. Agosto 1900
Altri nomi: Friedrich Wilhelm Nietzsche

Friedrich Wilhelm Nietzsche IPA: [ˈfʁiːdʁɪç ˈvɪlhɛlm ˈniːtʃə] è stato un filosofo, poeta, compositore e filologo tedesco.

Considerato tra i massimi filosofi e prosatori di ogni tempo, Nietzsche ebbe un'influenza controversa, ma indiscutibile, sul pensiero filosofico, letterario, politico e scientifico del XX secolo. La sua filosofia, appartenente al filone delle filosofie della vita, è considerata da alcuni uno spartiacque fra la filosofia tradizionale e un nuovo modello di riflessione, informale e provocatorio. In ogni caso, si tratta di un pensatore unico nel suo genere, sì da giustificare l'enorme influenza da lui esercitata sul pensiero posteriore.

Nietzsche scrisse vari saggi e opere aforistiche sulla morale, la religione , la società moderna, la scienza, intrise di una profonda lucidità ed avversione alla metafisica, seppure spesso il filosofo venga accomunato anche all'irrazionalismo, di una forte carica critica, sempre sul filo dell'ironia e della parodia. Nella sua filosofia si distingue una fase wagneriana, che comprende La Nascita della Tragedia e le Considerazioni inattuali, in cui il filosofo combatte a fianco di Richard Wagner per una "riforma mitica" della cultura tedesca.

Questa fase sarà poi abbandonata e rinnegata con la pubblicazione di Umano, troppo umano – nella stagione cosiddetta "illuministica" del suo pensiero –, per culminare infine, pochi anni prima del crollo nervoso - probabile conseguenza di una patologia neurologica ereditaria – che metterà fine alla sua attività, nella fase più prominente del suo pensiero che ha il suo apice e inizio con la pubblicazione del celeberrimo Così parlò Zarathustra.

Lavori

Così parlò Zarathustra
Friedrich Nietzsche
La volontà di potenza
Friedrich Nietzsche
Umano, troppo umano
Umano, troppo umano
Friedrich Nietzsche
Il caso Wagner
Friedrich Nietzsche

„Fra eterni dubbi e nebbie persistenti ci sforziamo chiediamo nuovamente e con più forza: che promesse ha mantenuto il profeta? Dopo che l'olezzo delle divinità è stato spazzato via dal vento della nuova verità che fine ha fatto l'abisso misterioso dionisiaco nettare dio-non-dio di cui la nuova umanità doveva cibarsi? Che forse ci siamo nuovamente imbastarditi, dunque forse ci ritroviamo rimpinzati a adorare nuovi idoli moderni resi forti proprio dalla distruzione di tutto ciò che era vetusto antiquato, d'inciampo alla manifestazione della vita? Che ne è stato della volontà di potenza che ha permesso di poter proseguire su corde tese sull'abisso più tremendamente vertiginoso? Abbiamo sciolto i legacci che impedivano alle ali di avere l'aria per poi convincersi che volare è una storia da fanciulli? Abbiamo venduto per trenta denari d'argento il segreto in cambio dello sfatamento, del disincanto? Abbiamo rotto un eterno ritorno per un nuovo ciclo di diverso periodo e rivoluzione. Abbiamo fatto rapprendere il caos in caso. Abbiamo in definitiva preteso troppo e non siamo riusciti a non scoppiare per poi accasciarci divelti e lasciarci trasportare da quello che è il mondo. Ammettiamolo siamo stati a volte e di nascosto paghi e soddisfatti, anche noi abbiamo acceso qualche lume, bruciato del grasso odoroso ai nuovi dei, commesso nuovi peccati seguito nuove virtù. C'è un qualche scarto fra quello che profondamente siamo e quello che semplicemente pensavamo pensiamo d'essere. E come se la sovrapposizione fra le due cose fosse imperfetta. Ed è li che si insinua, in quelle crepe in quelle fessure, tutto ciò che non è libertà. Cos'è a questo punto l'Uomo. Anche i prefissi hanno fallito. Dobbiamo rassegnarci? A cosa dobbiamo rassegnarci. Al fatto di non poter tornare indietro che ciò che si smaschera non può essere rivelato? all'impossibilità di reggere il tremendo paradosso di un nulla adesso non più ricolmo e saturo di potenza ma sempre più vuoto? Giuravamo guerra a quelli dell'umanità e adesso non riusciamo a reggere i nostri inganni, ecco ciò che ci siamo ridotti a pensare. Come rispondere a questi tranelli come sfuggire a queste perseguitanti domande? Ecco la mia estrema panacea e rimedio: innalzate vorticose are all'esempio unico comandamento e redentore unica grazia e liberazione. Che vibri il fiato negli ottoni per annunciare l'Unico nostro strumento contro la nostra rassegnazione.“

—  Friedrich Nietzsche

da una lettera al dott. Skitafka 24 agosto 1900

„Una volta lo spirito era Dio, poi si fece uomo, e adesso sta diventando plebe.“

—  Friedrich Nietzsche

I, Del leggere e scrivere 1963

„Caro signor professore,
alla fine sarei stato molto più volentieri professore basileese che Dio; ma non ho osato spingere così lontano il mio egoismo privato, da tralasciare, per causa sua, la creazione del mondo. Lei vede, bisogna fare sacrifici, come e dove si viva. – Tuttavia, mi sono riservata una piccola camera da studente che si trova di fronte al Palazzo Carignano (– nel quale sono nato come Vittorio Emanuele) e oltre a ciò permette di sentire, dal proprio tavolo di lavoro, la magnifica musica nella Galleria Subalpina. Pago 25 franche con servizio, preparo il mio tè e faccio tutte le spese da solo, soffro di stivali rotti e ringrazio ogni momento il cielo per il vecchio mondo, per il quale gli uomini non sono stati abbastanza semplici e silenziosi. – Poiché sono condannato a intrattenere la prossima eternità con cattive spiritosaggini, ho qui un'attività scrittoria, che invero non lascia nulla a desiderare, molto carina e nient'affatto faticosa. La posta è a cinque passi, imbuco io stesso le lettere per trasmettere il grande fogliettonista "der grende monde". Naturalmente, sono in stretti rapporti con il Figaro, e affinché lei abbia un'idea di quanto io possa essere innocuo, ascolti le mie prime due cattive spiritosaggini:
Non prenda troppo sul serio il caso Prado. Io sono Prado, sono anche il padre di Prado, oso dire che sono anche Lesseps…. Vorrei dare ai miei parigini, che amo, una nuova idea – quella del criminale dabbene.
Seconda spiritosaggine. Saluto gli immortali. Daudet appartiene ai quarante.
Astu“

—  Friedrich Nietzsche

da una lettera a Jacob Burckhardt del 5 gennaio 1889

„Per la ventesima volta ho ieri assistito al capolavoro di Bizet e ancora l'ho udito con la stessa gentile reverenza. Mi sorprende di poter così vincere la mia impazienza. Ma guardare come un'opera siffatta integri la natura di un uomo. Essa è malvagia, perversa, raffinata, fantastica, eppure avanza con passo leggero e composto; la sua raffinatezza non è quella di un individuo, bensì di una razza. Si sono mai uditi sulla scena accenti più tragici, più dolorosi? E come sono ottenuti? Senza smorfie, senza contraffazioni di alcun genere, in piena libertà dalle bugie del "grande stile". Io mi sento diventar migliore quando questo Bizet mi parla. Il mio udito si sprofonda in quella musica; ne percepisco le origini; mi par di assistere alla sua nascita e tremo davanti ai pericoli che ci accompagnano a qualunque audacia; mi trovo incantato dai felici ritrovamenti che Bizet stesso ignora. Sopra quest'opera la fatalità sta sospesa; la felicità di essa è corta, fulminea, e non conosce dilazioni. Io invidio a Bizet il coraggio di questa sua sensibilità eccezionale, che prima di adesso non aveva trovato mezzo per esprimersi nella musica colta d'Europa; il coraggio di questa sensibilità meridionale, brunita, arsa dal sole… Ah finalmente l'amore, l'amore ricondotto indietro verso la natura!… L'amore come destino, come un destino cinico, innocente, crudele, l'amore esatto nella sua forma natura. Io non conosco altro esempio dove la tragica ironia che costituisce il nocciolo dell'amore sia stata espressa con tale severità, con formula così terribile come nell'ultimo grido di José: Oui, c'est moi qui l'a tuée, Carmen, ma Carmen adorée….“

—  Friedrich Nietzsche

„Il diavolo è solo l'ozio di Dio ogni settimo giorno.“

—  Friedrich Nietzsche, libro Al di là del bene e del male

Al di là del bene e del male, 2; 1989

Autori simili

Alexander Sergejevič Puškin photo
Alexander Sergejevič Puškin42
poeta, saggista, scrittore e drammaturgo russo
Richard Wagner photo
Richard Wagner30
compositore, librettista, direttore d'orchestra e saggista …
Ralph Waldo Emerson photo
Ralph Waldo Emerson115
filosofo, scrittore e saggista statunitense
Ludwig Feuerbach photo
Ludwig Feuerbach54
filosofo tedesco
Heinrich Heine photo
Heinrich Heine35
poeta tedesco
Léon Bloy photo
Léon Bloy27
scrittore, saggista e poeta francese
Heinrich Von Kleist photo
Heinrich Von Kleist12
drammaturgo e poeta tedesco
Friedrich Engels photo
Friedrich Engels23
economista, filosofo e politico tedesco
Theodor Fontane photo
Theodor Fontane11
farmacista, scrittore e poeta tedesco
Anniversari di oggi
Giuseppe Mazzini photo
Giuseppe Mazzini62
patriota, politico e filosofo italiano 1805 - 1872
Meryl Streep photo
Meryl Streep5
attrice, doppiatrice e produttrice cinematografica statunit… 1949
Walter Bonatti photo
Walter Bonatti29
alpinista italiano 1930 - 2011
George Carlin photo
George Carlin20
comico, attore e sceneggiatore statunitense 1937 - 2008
Altri 83 anniversari oggi
Autori simili
Alexander Sergejevič Puškin photo
Alexander Sergejevič Puškin42
poeta, saggista, scrittore e drammaturgo russo
Richard Wagner photo
Richard Wagner30
compositore, librettista, direttore d'orchestra e saggista …
Ralph Waldo Emerson photo
Ralph Waldo Emerson115
filosofo, scrittore e saggista statunitense
Ludwig Feuerbach photo
Ludwig Feuerbach54
filosofo tedesco
Heinrich Heine photo
Heinrich Heine35
poeta tedesco