„In questa misura appunto la psichiatria del XIX secolo converge realmente verso Freud, il primo ad aver seriamente accettato la realtà della coppia medico-malato. Mentre il malato mentale è interamente alienato nella persona del suo medico, il medico dissipa la realtà della medicina mentale nel concetto critico di follia. Verso il medico Freud ha fatto confluire tutte le strutture approntate da Tuke e Pinel nell'internamento. Ha certo liberato il malato dall'esistenza manicomiale ove l'avevano alienato i suoi "liberatori"; ma non lo ha liberato da quel che questa esistenza aveva di essenziale; ne ha radunati i poteri li ha tesi al massimo annodandoli tra le mani del medico; ha creato la situazione psicanalitica in cui, grazie a un geniale cortocircuito, l'alienazione diviene disalienazione, perché, nel medico, essa diventa soggetto. Il medico, in quanto figura alienante, rimane la chiave della psicanalisi. Forse proprio perché non ha soppresso quest'ultima struttura, e vi ha ricondotto tutte le altre, la psicanalisi non può, non potrà intendere le voci della déraison, né decifrare intrinsecamente i segni dell'insensato. La psicanalisi può sciogliere alcune forme di follia; ma rimane estranea al lavoro sovrano della déraison.“

—  Michel Foucault, p. 607
Pubblicità

Citazioni simili

Friedrich Schiller photo
Denis Ivanovič Fonvizin photo
Pubblicità
Publilio Siro photo
Padre Pio da Pietrelcina photo
Marcel Proust photo

„Una gran parte di quello che i medici sanno è insegnata loro dai malati.“

—  Marcel Proust scrittore, saggista e critico letterario francese 1871 - 1922
1990

Franco Basaglia photo
Giovanni Papini photo
Pubblicità
 Pitigrilli photo
Filippo Pananti photo
Eugéne Ionesco photo
 Epitteto photo
Pubblicità
Marcel Proust photo
Oreste Benzi photo
Ivan Illich photo
Arnold Ehret photo