„La vita è un viaggio sperimentale fatto involontariamente. Ḕ un viaggio dello spirito attraverso la materia, e poiché è lo spirito che viaggia, è in esso che noi viviamo. Ci sono perciò anime contemplative che hanno vissuto più intensamente, più largamente, più tumultuosamente di altre che hanno visuto la vita esterna. Conta il risultato. Ciò che abbiamo sentito è ciò che abbiamo vissuto. Si ritorna stanchi da un sogno come da un lavoro reale. Non si è mai vissuto tanto come quando si è pensato molto.“

1992, p. 97
Il libro dell'inquietudine

Ultimo aggiornamento 21 Maggio 2020. Storia
Fernando Pessoa photo
Fernando Pessoa174
poeta, scrittore e aforista portoghese 1888 - 1935

Citazioni simili

Alexandr Alexandrovič Blok photo
Fernando Pessoa photo
Max Stirner photo
Fernando Pessoa photo
Vasco Rossi photo
Prem Rawat photo
Eugenio Scalfari photo
Marguerite Yourcenar photo
Mauro Leonardi photo
Marilyn Monroe photo
Fëdor Dostoevskij photo
Prem Rawat photo
José Saramago photo

„Quantunque stanco, non sono ancora vissuto.“

—  Angelo Fiore scrittore italiano 1908 - 1986

Origine: Il supplente, p. 9

Annette Curtis Klause photo
Dino Campana photo

„II Il viaggio e il ritorno“

—  Dino Campana poeta italiano 1885 - 1932

Salivano voci e voci e canti di fanciulli e di lussuria per i ritorti vichi dentro dell'ombra ardente, al colle al colle. A l'ombra dei lampioni verdi le bianche colossali prostitute sognavano sogni vaghi nella luce bizzarra al vento. (p. 14)
Dal giardino una canzone si rompe in catena fievole di singhiozzi: la vena è aperta: arido rosso e dolce è il panorama scheletrico del mondo. (p. 15)
O il tuo corpo! il tuo profumo mi velava gli occhi: io non vedevo il tuo corpo (un dolce e acuto profumo): là nel grande specchio ignudo, nel grande specchio ignudo velato dai fumi di viola, in alto baciato da una stella di luce era il bello, il bello e dolce dono di un dio: e le timide mammelle erano gonfie di luce, e le stelle erano assenti, e non un Dio era nella sera d'amore di viola: ma tu leggera tu sulle mie ginocchia sedevi, cariatide notturna di un incatevole cielo. (p. 15)
Aprimmo la finestra al cielo notturno. Gli uomini come spettri vaganti: vagavano come gli spettri: e la città (le vie le chiese le piazze) si componeva in un sogno cadenzato, come per una melodia invisibile scaturita da quel vagare. Non era dunque il mondo abitato da dolci spettri e nella notte non era il sogno ridesto nelle potenze sue trionfale? Qual ponte, muti chiedemmo, qual ponte abbiamo noi gettato sull'infinito, che tutto ci appare ombra di eternità? A quale sogno levammo la nostalgia della nostra bellezza? La luna sorgeva nella sua vecchia vestaglia dietro la chiesa bizantina. (p. 16)
Canti orfici e altri scritti

Gene Gnocchi photo

„Il topo che non vuole essere usato per esperimenti come scusa dice che è molto stanco del viaggio.“

—  Gene Gnocchi comico, conduttore televisivo e ex calciatore italiano 1955

Origine: Il mondo senza un filo di grasso, p. 67

Annalena Tonelli photo

Argomenti correlati