„Il piacere di leggere? Che roba è questa, il piacere di leggere?
Domande che infatti presuppongono un gran bell'esame di coscienza!
E per cominciare l'ammissione di una verità che si oppone radicalmente al dogma: la maggior parte delle letture che ci hanno modellati non le abbiamo fatte per, ma contro. Abbiamo letto (e leggiamo) per proteggerci, per rifiutare o per opporci. Se questo ci dà un'aria da fuggiaschi, se la realtà dispera di raggiungerci oltre l'incantesimo - della nostra lettura, siamo però dei fuggiaschi impegnati a costruirci, degli evasi intenti a nascere.
Ogni lettura è un atto di resistenza. Di resistenza a cosa?
A tutte le contingenze. Tutte:
- Sociali. -
- Professionali. -
- Psicologiche.-
- Affettive. -
- Climatiche.-
- Familiari. -
- Domestiche.-
- Gregarie. -
- Patologiche.-
- Pecuniarie. -
- Ideologiche.-
- Culturali. -
- O narcisistiche.-
Una lettura ben fatta salva da tutto, compreso da se stessi.
E, soprattutto, leggiamo contro la morte.“

Comme un roman

Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Daniel Pennac photo
Daniel Pennac photo
Emil Cioran photo

„La lettura – il più grande piacere passivo.“

—  Emil Cioran filosofo, scrittore e saggista rumeno 1911 - 1995

Quaderni 1957-1972

Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
John Locke photo
Daniel Pennac photo
Pascal Quignard photo
Daniel Pennac photo
Harold Bloom photo
Roberto Bolaño photo
Gianni Rodari photo
Daniel Pennac photo
Italo Calvino photo
Nicolás Gómez Dávila photo
Henry Miller photo

Argomenti correlati