„Poiché dunque il pensiero di un dio si nutre di intelletto e di scienza pura, anche quello di ogni anima che abbia a cuore di accogliere quanto le si addice, quando col tempo abbia scorto l'essere, ne gioisce e, contemplando la verità, se ne nutre e si trova in buona condizione, finché la rotazione circolare non riconduca allo stesso punto. Durante l'evoluzione esso vede la giustizia in sé, vede la saggezza, vede la scienza, non quella alla quale è connesso il divenire, né quella che è diversa perché è nei diversi oggetti che noi ora chiamiamo enti, ma quella che è realmente scienza nell'oggetto che è realmente essere. E dopo aver contemplato allo stesso modo le altre entità reali ed essersene saziata, si immerge nuovamente nell'interno del cielo e torna a casa. E una volta arrivata, l'auriga, arrestati i cavalli davanti alla mangiatoia, li foraggia di ambrosia e dopo questa li abbevera di nettare.“

—  Platone, libro Fedro

Fedro

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 21 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Albert Einstein photo

„Il rapporto tra reciprocità ed economia è espressione del modo particolare con il quale la scienza economica vede la socialità.“

—  Luigino Bruni economista e accademico italiano 1966

Reciprocità. Dinamiche di cooperazione, economia e società civile

Giordano Bruno photo
Denis Ivanovič Fonvizin photo
Alda Merini photo

„Ma ti immergi in Tomaso e vi ricavi | quell'acqua nuova della scienza pura.“

—  Alda Merini poetessa italiana 1931 - 2009

Uomo che ingigantisci la tua ombra
La poesia luogo del nulla

Pierre Joseph Proudhon photo

„La scienza non ha fatto progressi che dopo aver eliminato Dio.“

—  Pierre Joseph Proudhon filosofo, sociologo, economista e anarchico francese 1809 - 1865

da Studio di filologia sacra, 1838

Ludwig Wittgenstein photo
Bertrando Spaventa photo
Hans Urs Von Balthasar photo
Augustin-Louis Cauchy photo
Victor Hugo photo
Patañjali photo
Plotino photo
Alejandro Jodorowsky photo
Anton Pavlovič Čechov photo
Carlo Michelstaedter photo
Ambrose Bierce photo

„Cinico (s. m.). Mascalzone che, a causa di un difetto alla vista, vede le cose come realmente sono e non come dovrebbero essere.“

—  Ambrose Bierce scrittore, giornalista e aforista statunitense 1842 - 1914

1988, p. 48
Dizionario del diavolo
Origine: Oscar Wilde: «Il cinismo è semplicemente l'arte di vedere le cose come sono, non quali dovrebbero essere».

Carlos Ruiz Zafón photo
Osho Rajneesh photo

Argomenti correlati