Frasi di Raymond Radiguet

Raymond Radiguet foto

32   1

Raymond Radiguet

Data di nascita: 18. Giugno 1903
Data di morte: 12. Dicembre 1923

Raymond Radiguet è stato uno scrittore e poeta francese.

La precoce cultura, spaziante dal Seicento francese ai simbolisti, e la singolare produzione di versi, riuniti nella raccolta postuma Les joues en feu , lo introdussero nell'ambiente artistico parigino, ove collaborò, anche con l'appoggio di Jean Cocteau, a riviste di avanguardia.

Nel romanzo Le diable au corps , apparso dapprima col titolo Coeur vert , l'amore fra un adolescente ed una giovane signora, che nel clima eccezionale della prima guerra mondiale trova libero spazio per una vacanza cui la realtà porrà tragicamente fine, viene presentato, sull'esempio dello psicologismo del Seicento e del settecento, nella sua cadenza di gioco sottile e ciecamente crudele.

Più dichiarata radice letteraria ha il secondo romanzo di Radiguet, Le bal du comte d'Orgel che da La principessa di Clèves di Madame de La Fayette assume il motivo del nascere inconsapevole di un sentimento e della gelosia che segue la sua confessione; tema colto nel quadro di una vita mondana i cui attori sono incapaci o timorosi di vera passione.

Muore di febbre tifoidea a soli vent'anni.

Nel 1957, a cura di Jean Cocteau, è stato pubblicato il libretto di sentenze Règle de jeu .

Frasi Raymond Radiguet


„L'uomo molto giovane è un animale ribelle al dolore. (p. 110)“

„Probabilmente siamo tutti dei Narcisi, che amano e detestano la propria immagine, ma provano indifferenza per tutte le altre. È questo istinto di somiglianza che ci guida nella vita, gridandoci «Alt!» davanti a un paesaggio, a una donna, a una poesia. Possiamo ammirarne altri, ma senza rimanere così colpiti. L'istinto di somiglianza è la sola linea di condotta che non sia artificiosa. (p. 106 ed. BUR)“


„Non è nella novità, ma nell'abitudine che si trovano i maggiori piaceri. (p. 67 ed. BUR)“

„Sepolcro di Venere
Trastulli delle onde, i vostri rosei orechhi. Cugine mie, più leggere dei flutti, perché la fanfara dell'oceano vi fa rabbividire?. Ecco Venere. (Ma se volete crescere, cuginette mie, non avete tempo da perdere.)
Oggi, raccolta delle piume di struzzo; mazzolino d'onde ricciute, il ventaglio di Venere.
Se annegherà, le innalzeremo un sepolcro di conchiglie.
Tombeau de Vénus
Jouets des vagues, vos oreilles roses. Ô mes cousines, plus légères que l'onde, porquoi l'orphéon océanique vous fait-il frissonner? Voici Vénus. (Mais si vous voulez grandir, mes petites cousines, vous n'avez pas de temps à perdre.)
Aujourd'hui, cueillette des plumes d'autruche; bouquet de vagues frisées, l'éventail de Vénus.
Si elle se noie, nous lui élèverons un tombeau en coquillages.“

„Paolo e Virginia
Oh cielo! le colonie. || Di nidi razziatore, | Senza ali volatore. | Solo, Paolo che fa? | Virginia che fa? ||Si ringiovanirà || Bel cielo di colonia, | Paolo e la Virginia: | Ma per questa e per quello | Era come un ombrello.
Paul et Virginie
Ciel! les colonies. || Dénicheur des nids, | Un oiseau sans ailes. | Que fait Paul sans elle? | Où est Virginie? || Elle rajeunit. || Ciel des colonies, | Paul et Virginie: | Pour lui et pour elle, | C'était une ombrelle.“

„Stéphane Mallarmé
Un ventaglio, volatrice che | Fu delizia delle immiti estati, | D'un fresco colpo d'ala ha sfiorato | l'uccello della tazza di tè.
Mallarmé
Un évent qui fut l'oiselle | Exquise des rudes étés | Effleure fraîchement de l'aile
L'oiseau peint sur la tasse à thé.“

„Un uomo disordinato che sta per morire e non lo sospetta, mette improvvisamente ordine attorno a sé. La sua vita cambia. Archivia documenti. Si alza presto, si corica di buon'ora. Rinuncia ai suoi vizi. Quelli che gli vivono accanto si rallegrano. Così, la sua morte brutale sembra tanto più ingiusta. "Stava per vivere felice". (p. 112)“

„I veri presentimenti si formano a profondità che la nostra mente non visita. (p. 112)“


„Ciò che indebolisce i nostri sistemi educativi è che si rivolgono ai mediocri, a causa del loro numero. (p. 68)“

„Considerare la morte con salma conta solo se la si considera in solitudine. La morte in due non è più la morte, anche per gli increduli. Ciò che affligge non è lasciare la vita, bensì lasciare la persona che le dà un senso. Quando un amore è la nostra vita, che differenza c'è tra vivere insieme e morire insieme? (p. 49)“

„Chi ama irrita sempre chi non ama. (1995, p. 40)“

„Il sapore del primo bacio mi aveva deluso come un frutto che si assaggia la prima volta. Non è nella novità, ma è nell'abitudine che si provano i piaceri più grandi. Qualche minuto dopo, non solo ero abituato alla bocca di Marthe, ma non potevo neanche più farne a meno. E proprio allora lei parlava di privarmene per sempre. (1995, p. 38)“


„Non è per vizio che desideravo Svèa, ma per golosità. Mi sarebbero bastate le sue guance, in mancanza delle labbra. (p. 116 ed. BUR)“

„Queste liriche rappresentano il sentimento genuino della più incauta adolescenza, insieme misteriosa e febbrile. Esse corrispondono infatti, punto per punto, alle esaltazioni e alle precoci stanchezze dell'età breve. (Giacinto Spagnoletti)“

„Il fulmine che si abbatte su un uomo è così rapido che egli non soffre. Ma, per colui che lo accompagna, è un triste spettacolo. (p. 112)“

„Crediamo di essere i primi a provare certi turbamenti, non sapendo che l'amore è come la poesia, e che tutti gli amanti, anche i più mediocri, pensano d'innovare. (p. 48)“

Autori simili