„Ognuno deve lasciarsi qualche cosa dietro quando muore, diceva sempre mio nonno: un bimbo o un libro o un quadro o una casa o un muro eretto con le proprie mani o un paio di scarpe cucite da noi. O un giardino piantato col nostro sudore. Qualche cosa insomma che la nostra mano abbia toccato in modo che la nostra anima abbia dove andare quando moriamo, e quando la gente guarderà l'albero o il fiore che abbiamo piantato, noi saremo là. Non ha importanza quello che si fa, diceva mio nonno, purché si cambi qualche cosa da ciò che era prima in qualcos'altro che porti poi la nostra impronta. La differenza tra l'uomo che si limita a tosare un prato e un vero giardiniere sta nel tocco, diceva. Quello che sega il fieno poteva anche non esserci stato, su quel prato; ma il vero giardiniere vi resterà per tutta una vita.“

Fahrenheit 451

Ultimo aggiornamento 21 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Riccardo Cocciante photo
Thomas Bernhard photo

„I più intelligenti sono continuamente minacciati dalla pazzia, diceva mio nonno.“

—  Thomas Bernhard scrittore, romanziere e drammaturgo austriaco 1931 - 1989

Un bambino

Thomas Bernhard photo
Irvine Welsh photo
Sully Prudhomme photo
Henryk Sienkiewicz photo
Marie-Dominique Philippe photo
Alessandro Baricco photo
Papa Francesco photo
Jeff Dunham photo
Hermann Hesse photo
Elias Canetti photo
Fabrizio De André photo
Jovanotti photo
Umberto Eco photo
Nicholas Sparks photo

Argomenti correlati