„[L'alchimista esperiva inconsciamente] la sua proiezione come qualità della materia. Ma ciò di cui viveva l'esperienza era in realtà il suo inconscio […] Tutto ciò che era inconscio era, se attivato, proiettato sulla materia, veniva cioè incontro all'uomo dall'esterno […] [A causa del] miscuglio di fisico e psichico [egli ignora del tutto] se le trasformazioni ultime del processo alchimistico vadano ricercate maggiormente in campo materiale o in campo spirituale […] a quei tempi non si trattava di alternativa; esisteva piuttosto un regno intermedio tra materia e spirito: cioè un regno psichico di corpi sottili aventi la proprietà di manifestarsi in forma sia spirituale sia materiale […] Naturalmente questo regno intermedio di corpi sottili cessa di colpo di esistere qualora si tenti di indagare la materia in sé e per sé […] finché noi crediamo di sapere qualcosa di definitivo sulla materia e sull'anima. Ma se viene il momento in cui la fisica sfiora «regioni inesplorate, inesplorabili», e contemporaneamente la psicologia è costretta ad ammettere che esistono altre forme d'esistenza psichica al di fuori delle acquisizioni personali della coscienza, in cui cioè anche la psicologia cozza contro un'oscurità impenetrabile, allora quel regno intermedio ritorna in vita, e il fisico e lo psichico si fondono una volta di più in un'unità indivisibile. Oggi ci siamo molto avvicinati a questa svolta.“

Origine: Da Psicologia e alchimia (1935); citato in von Franz, Psiche e materia, p. 124.

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Marie-Louise von Franz photo
Jack London photo
Piergiorgio Odifreddi photo
Avicenna photo
Marie-Louise von Franz photo
Alexander Sergejevič Puškin photo
Filippo Tommaso Marinetti photo
Jane Roberts photo
Rudolf Steiner photo
Charles Baudelaire photo
Herman Melville photo
Karl Marx photo
Carl Gustav Jung photo
Carl Gustav Jung photo
Pëtr Dem'janovič Uspenskij photo
Vito Mancuso photo
Carl Gustav Jung photo
Carl Gustav Jung photo

Argomenti correlati