Frasi di Isaac Newton

Isaac Newton foto
12  20

Isaac Newton

Data di nascita: 4. Gennaio 1643
Data di morte: 20. Marzo 1727
Altri nomi:Sir Isaac Newton

Pubblicità

Sir Isaac Newton è stato un matematico, fisico, filosofo naturale, astronomo, teologo e alchimista inglese.

Citato anche come Isacco Newton, è considerato uno dei più grandi scienziati di tutti i tempi. Fu Presidente della Royal Society.

Noto soprattutto per il suo contributo alla meccanica classica Isaac Newton contribuì in maniera fondamentale a più di una branca del sapere. Pubblicò i Philosophiae Naturalis Principia Mathematica nel 1687, opera nella quale descrisse la legge di gravitazione universale e, attraverso le sue leggi del moto, stabilì i fondamenti per la meccanica classica. Newton inoltre condivise con Gottfried Wilhelm Leibniz la paternità dello sviluppo del calcolo differenziale o infinitesimale.

Newton fu il primo a dimostrare che le leggi della natura governano il movimento della Terra e degli altri corpi celesti. Egli contribuì alla rivoluzione scientifica e al progresso della teoria eliocentrica. A Newton si deve anche la sistematizzazione matematica delle leggi di Keplero sul movimento dei pianeti. Oltre a dedurle matematicamente dalla soluzione del problema della dinamica applicata alla forza di gravità ovvero dalle omonime equazioni di Newton, egli generalizzò queste leggi intuendo che le orbite potevano essere non solo ellittiche, ma anche iperboliche e paraboliche.

Newton fu il primo a dimostrare che la luce bianca è composta dalla somma di tutti gli altri colori. Egli, infine, avanzò l'ipotesi che la luce fosse composta da particelle da cui nacque la teoria corpuscolare della luce in contrapposizione ai sostenitori della teoria ondulatoria della luce, patrocinata dall'astronomo olandese Christiaan Huygens e dall'inglese Young e corroborata alla fine dell'Ottocento dai lavori di Maxwell e Hertz. La tesi di Newton trovò invece conferme, circa due secoli dopo, con l'introduzione del "quanto d'azione" da parte Max Planck e l'articolo di Albert Einstein sull'interpretazione dell'effetto fotoelettrico a partire dal quanto di radiazione elettromagnetica, poi denominato fotone. Queste due interpretazioni coesisteranno nell'ambito della meccanica quantistica, come previsto dal dualismo onda-particella.

Isaac Newton occupa una posizione di grande rilievo nella storia della scienza e della cultura in generale. Il suo nome è associato a una grande quantità di leggi e teorie ancora oggi insegnate: si parla così di dinamica newtoniana, di leggi newtoniane del moto, di legge di gravitazione universale. Più in generale ci si riferisce al newtonianesimo come a una concezione del mondo che ha influenzato la cultura europea per tutto il Seicento.

Era un filosofo della natura che utilizzava metodi matematici ed enunciava leggi del moto diverse da quelle che compaiono sui nostri manuali. Newton era però attratto dalla filosofia della natura. Ben presto cominciò a leggere le opere di Cartesio, in particolare un'opera pubblicata nel 1673 in cui le curve vengono rappresentate per mezzo di equazioni. Negli anni in cui era studente a Cambridge alla cattedra presiedevano due figure di grande rilievo: Isaac Barrow e Henry Moro che esercitarono una forte influenza sul ragazzo. Newton, negli anni seguenti, costruì le sue scoperte matematiche e sperimentali facendo riferimento a un gruppo ristretto di testi.

Frasi Isaac Newton

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

„I do not know what I may appear to the world, but to myself I seem to have been only like a boy playing on the sea-shore, and diverting myself in now and then finding a smoother pebble or a prettier shell than ordinary, whilst the great ocean of truth lay all undiscovered before me.“

— Isaac Newton
Memoirs of the Life, Writings, and Discoveries of Sir Isaac Newton (1855) by Sir David Brewster (Volume II. Ch. 27). Compare: "As children gath'ring pebbles on the shore", John Milton, Paradise Regained, Book iv. Line 330

„Men build too many walls and not enough bridges.“

— Isaac Newton
This became widely attributed to Isaac Newton after Dominique Pire ascribed it to "the words of Newton" in his Nobel Lecture, 11 December 1958.[http://www.nobelprize.org/nobel_prizes/peace/laureates/1958/pire-lecture.html] Pire refers not to Isaac, but to Joseph Fort Newton, who is widely reported to have said "People are lonely because they build walls instead of bridges." This appears to be paraphrased from a longer passage found in his essays and addresses, The One Great Church: Adventures of Faith (1948), pp. 51–52: "Why are so many people shy, lonely, shut up within themselves, unequal to their tasks, unable to be happy? Because they are inhabited by fear, like the man in the Parable of the Talents, erecting walls around themselves instead of building bridges into the lives of others; shutting out life."

„If I have seen further it is by standing on ye sholders of Giants.“

— Isaac Newton, The Correspondence Of Isaac Newton
Context: If I have seen further it is by standing on ye sholders of Giants. <!-- This is DELIBERATELY left in archaic form — for modernized renditions see BELOW Letter to Robert Hooke (15 February 1676) The phrase is most famous as an expression of Newton's but he was using a metaphor which in its earliest known form was attributed to Bernard of Chartres by John of Salisbury: Bernard of Chartres used to say that we [the Moderns] are like dwarves perched on the shoulders of giants [the Ancients], and thus we are able to see more and farther than the latter. And this is not at all because of the acuteness of our sight or the stature of our body, but because we are carried aloft and elevated by the magnitude of the giants.<!-- Metalogicon (1159) bk. 3, ch. 4, as quoted in Medieval Rhetoric : A Casebook (2004) by Scott D. Troyan, p. 10 --> Modernized variants: If I have seen further it is by standing on the shoulders of giants. If I have seen further it is only by standing on the shoulders of giants.

Avanti
Anniversari di oggi
Noyz Narcos foto
Noyz Narcos129
rapper, beatmaker e writer italiano 1979
 Nerone foto
Nerone2
imperatore romano 37 - 68
Licio Gelli foto
Licio Gelli24
faccendiere e giornalista italiano 1919 - 2015
Toro Seduto foto
Toro Seduto7
condottiero nativo americano 1831 - 1890
Altri 77 anniversari oggi
Autori simili
James Jeans foto
James Jeans5
astronomo, matematico e fisico britannico
Jean Baptiste Le Rond d'Alembert foto
Jean Baptiste Le Rond d'Alembert4
enciclopedista, matematico e fisico francese
Giovanni Keplero foto
Giovanni Keplero10
astronomo, matematico e musicista tedesco
Henri Poincaré foto
Henri Poincaré12
matematico, fisico e filosofo francese
Nicola Cusano foto
Nicola Cusano9
cardinale, teologo e filosofo tedesco
Galileo Galilei foto
Galileo Galilei36
scienziato italiano
Agrippa von Nettesheim foto
Agrippa von Nettesheim7
alchimista, astrologo e esoterista tedesco
Robert Boyle foto
Robert Boyle2
chimico, fisico e inventore irlandese
Guglielmo di Ockham foto
Guglielmo di Ockham3
religioso, teologo e filosofo inglese