Frasi di Marcello Lippi

Marcello Lippi foto

34   1

Marcello Lippi

Data di nascita: 12. Aprile 1948

Marcello Lippi è un allenatore di calcio, dirigente sportivo ed ex calciatore italiano, di ruolo difensore.

Cinque volte campione d'Italia con la Juventus nei due periodi in cui l'allenò , fu commissario tecnico della Nazionale italiana dal 2004 al 2006 e dal 2008 al 2010, conducendola alla vittoria della Coppa del Mondo FIFA 2006, dopo la quale divenne il primo allenatore nella storia del calcio ad aver vinto le massime competizioni internazionali a livello di nazionali e club , successivamente condividendo tale primato col CT della Nazionale spagnola ed ex allenatore del Real Madrid Vicente Del Bosque; nonché a raggiungere 31 partite consecutive senza subire sconfitte a cavallo tra le sue due esperienze come commissario tecnico della nazionale, superando quello che era stato il record di Vittorio Pozzo che raggiunse le 30 partite utili consecutive ed eguagliando, nel 2008, il record mondiale appartenente ex aequo ad Alfio Basile e Javier Clemente. In ambito internazionale è l'allenatore, insieme a Miguel Muñoz, Alex Ferguson, Carlo Ancelotti, ad aver disputato il maggior numero di finali di Champions League , di cui tre consecutive, record condiviso con Fabio Capello.

Riconosciuto migliore allenatore dall'Associazione Italiana Calciatori , dall'UEFA , allenatore e CT dell'anno dall'Istituto di Storia e Statistica del Calcio ; inserito dal quotidiano britannico Times nella lista dei cinquanta migliori allenatori della storia del calcio stilata nel 2007 e, sei anni dopo, dall'emittente televisiva statunitense ESPN nella classifica dei venti più grandi allenatori. Introdotto nella Hall of Fame del calcio italiano nel 2011.

Nel 2013 Lippi diventò il primo allenatore al mondo ad aver vinto le massime competizioni internazionali organizzate da almeno due Confederazioni dopo il trionfo in AFC Champions League 2013, un primato eguagliato da Luiz Felipe Scolari due anni più tardi.

Frasi Marcello Lippi


„Itálie je jediná země, kde jsou čtyři výhradně sportovní deníky a to nemluvím o tom, kolik prostoru dávají fotbalu ostatní média. Aby se ten prostor zaplnil, všechno se zveličuje a dramatizuje. A představte si, jak by se zacházelo s homosexuálními fotbalisty. A i kdyby společnost jejich orientaci akceptovala, zájem o ně by byl takový, že by to nedělalo dobrotu. “

Autori simili