„Leggere bene — e cioè leggere libri veri — è un nobile esercizio che occuperà il lettore più di qualunque altro esaltato dalla moda del giorno. Ciò richiede un allenamento pari a quelli cui si sottoponevano gli atleti, un proposito costante che duri quasi tutta la vita. I libri bisogna leggerli con la prudenza e la riservatezza con cui furono scritti, poiché c’è un salto considerevole tra la lingua parlata e la lingua scritta, tra lingua udita e lingua letta: normalmente, la prima è transitoria, un suono, un linguaggio, un semplice dialetto quasi animale, che impariamo come bruti, incoscientemente, succhiando il latte materno; la seconda è la maturità e l’esperienza della precedente. Se la prima è la nostra lingua madre, la seconda è la nostra lingua padre, espressione scelta e riservata, troppo densa di significati per essere appresa dalle orecchie; e per parlarla noi dobbiamo rinascere.“

Walden

Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Dacia Maraini photo
Georg Ebers photo

„La lingua egizia altro non è che il copto scritto con geroglifici, e per dire con maggiore esattezza, il copto non è altro che la lingua degli antichi faraoni scritta, come abbiam detto più sopra, con lettere greche.“

—  Georg Ebers egittologo e romanziere tedesco 1837 - 1898

Vol. II, Risorgimento dell'antichità egiziana, p. 52
L'Egitto antico e moderno

Jean Jacques Rousseau photo

„Nessuno, in alcuna lingua, ha scritto un romanzo che sia pari o almeno si avvicini a Clarissa.“

—  Jean Jacques Rousseau filosofo, scrittore e musicista svizzero di lingua francese 1712 - 1778

Origine: Da Lettr à d'Alembert; citato in Ian Watt, Le origini del romanzo borghese (The Rise Of The Novel), traduzione di Luigi Del Grosso Destrieri, Bompiani, Milano, 1985.

Isaac Bashevis Singer photo

„Un vero scrittore non scrive in una lingua appresa da adulto, ma nella lingua che conosce sin dall'infanzia.“

—  Isaac Bashevis Singer scrittore polacco 1902 - 1991

Origine: Citato in Corriere della Sera, 5 novembre 2009.

Vitaliano Trevisan photo

„Lingua materna e nazione concorrono a formare un concetto unico, inscindibile. […] Dal sentimento nazionale deriva anche il diritto e il dovere di coltivare la lingua materna, perché in essa si rispecchia il nostro pensiero, perché essa è vincolata ai ricordi della nostra infanzia, perché nessun’altra lingua potrà rispondere così bene ai sentimenti dell’animo nostro.“

—  Giuseppina Martinuzzi 1844 - 1925

Origine: Citato in Francesca Lacaita, Trasgredire i confini: la patria di Giuseppina Martinuzzi fra irredentismo e internazionalismo socialista http://storiaefuturo.eu/trasgredire-i-confini-la-patria-di-giuseppina-martinuzzi-fra-irredentismo-e-internazionalismo-socialista/#sdendnote38sym, storiaefuturo.eu, numero 43, febbraio 2017.

Bruno Migliorini photo
Ennio Flaiano photo

„L'italiano è una lingua parlata dai doppiatori.“

—  Ennio Flaiano, Diario degli errori

Diario degli errori

Jhumpa Lahiri photo
Dante Alighieri photo

„D'altra parte già la pura e semplice possibilità del tradurre mostra che a fondamento di tutte le lingue vi è un'unica segreta lingua originaria, la lingua dello spirito umano, senz'altro.“

—  Walther Kranz filologo e storico della filosofia tedesco 1884 - 1960

Origine: Da Die griechische Philosophie, Bremen, 1955, p. 334; citato in epigrafe a Diogene Laerzio, Vite dei filosofi, a cura di Marcello Gigante, Mondadori, Milano, 2009.

Ernst Jünger photo
Sergio Quinzio photo

„Non è più una lingua quella parlata da chi la considera come il prodotto di una convenzione.“

—  Sergio Quinzio teologo e aforista italiano 1927 - 1996

La croce e il nulla

Enzo Bettiza photo

Argomenti correlati