Frasi su proposito

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema proposito.

Argomenti correlati

Un totale di 574 frasi, il filtro:


Winston Churchill photo

„Non è la fine. Non è neanche il principio della fine. Ma è, forse, la fine del principio.“

—  Winston Churchill politico, storico e giornalista britannico 1874 - 1965
dal discorso alla Mansion House del 10 novembre 1942, a proposito della vittoria alleata in Egitto

Fëdor Dostoevskij photo
Pubblicità
Mary Shelley photo
Diodoro Siculo photo
Marilyn Monroe photo

„[A proposito di Montgomery Clift] È l'unica persona che io conosco che sta peggio di me.“

—  Marilyn Monroe attrice, cantante, modella e produttrice cinematografica statunitense 1926 - 1962

Marilyn Monroe photo
 Thiruvalluvar photo
Pubblicità
Mauro Forghieri photo
Umberto Galimberti photo
Hannah Arendt photo
René Guénon photo
Pubblicità
Jim Morrison photo
Francesco Domenico Guerrazzi photo
Ernst Jünger photo
Gabriele D'annunzio photo

„E l'avvenire mi apparve spaventoso, senza speranza. L'immagine indeterminata del nascituro crebbe, si dilatò, come quelle orribili cose informi che vediamo talvolta negli incubi ed occupò tutto il campo. Non si trattava d'un rimpianto, d'un rimorso, d'un ricordo indistruttibile, ma di un essere vivente. Il mio avvenire era legato a un essere vivente d'una vita tenace e malefica; era legato a un estraneo, a un intruso, a una creatura abominevole contro cui non soltanto la mia anima ma la mia carne, tutto il mio sangue e le mie fibre provavano un'avversione bruta, feroce, implacabile fino alla morte, oltre la morte. Pensavo: "chi avrebbe mai potuto immaginare un supplizio peggiore per torturarmi insieme l'anima e la carne? Il più ingegnosamente efferato dei tiranni non saprebbe concepire certe crudeltà ironiche... Non erano ancora manifesti nella persona di Giuliana i segni esterni: l'allargamento dei fianchi, l'aumento del volume del ventre. Ella si trovava dunque ancora ai primi mesi: forse al terzo, forse al principio del quarto. Le aderenze che univano il feto alla matrice dovevano esser deboli. L'aborto doveva essere facilissimo. Come mai le violente commozioni della giornata di Villalilla e di quella notte, gli sforzi, gli spasmi, le contratture, non l'avevano provocato? Tutto m'era avverso, tutti i casi congiuravano contro di me. E la mia ostilità diveniva più acre. Impedire che il figlio nascesse divenne il mio segreto proposito. Tutto l'orrore della nostra condizione veniva dall'antiveggenza di quella natività, dalla minaccia dell'intruso. Come mai Giuliana, al primo sospetto, non aveva tentato ogni mezzo per distruggere il concepimento infame? Era stata ella trattenuta dal pregiudizio, dalla paura, dalla ripugnanza istintiva di madre? Aveva ella un senso materno anche per il feto adulterino?“

—  Gabriele D'annunzio scrittore, poeta e drammaturgo italiano 1863 - 1938
da L'innocente, 1891

Avanti