Frasi di Edward Gibbon

Edward Gibbon foto

43   0

Edward Gibbon

Data di nascita: 8. Maggio 1737
Data di morte: 16. Gennaio 1794
Altri nomi: Эдвард Гиббон

Edward Gibbon fu uno storico e scrittore inglese. Membro del Parlamento britannico, la sua opera più importante e famosa, The History of the Decline and Fall of the Roman Empire, pubblicata in sei volumi dal 1776 al 1788, si distingue per la qualità e l'ironia della prosa, e per le critiche indirizzate alle confessioni religiose.


„Fintanto che l'umanità continuerà ad essere prodiga di elogi più coi suoi distruttori che coi suoi benefattori, la brama di gloria militare sarà sempre il vizio delle personalità più insigni.“

„Quasi tutti i crimini che turbano la pace interna della società sono il prodotto delle restrizioni che delle leggi necessarie ma discriminanti della proprietà hanno imposto agli appetiti del genere umano, limitando soltanto ad alcuni il possesso di quegli oggetti che sono desiderati ardentemente da molti.“


„Di tutte le passioni e di tutti i nostri appetiti, l'amore del potere è quello di natura più imperiosa ed egoistica, poiché l'orgoglio di un solo uomo esige la sottomissione della moltitudine.“

„I prìncipi sospettosi promuovono spesso l'ultimo degli uomini nella vana persuasione che chi dipende soltanto dal favore proverà attaccamento soltanto per il suo benefattore.“

„Il potere può essere conferito dal favore del sovrano ma l'autorità deriva soltanto dalla stima del popolo.“

„L'uomo che non osa esporre la propria vita in difesa dei suoi figli e della sua proprietà, ha perso nella società la prima e più attiva delle energie della natura.“

„La nostra simpatia è fredda al resoconto di una sofferenza lontana.“

„Un filosofo può deplorare le eterne discordie del genere umano, ma dovrà confessare che il desiderio di bottino è una provocazione più razionale della vanità di conquista.“


„La legge della natura insegna a molti animali ad amare ed educare la loro progenie infantile. La legge della ragione inculca alla specie umana il vantaggio economico della pietà filiale.“

„Tutte le tasse, alla fine, devono ricadere sull'agricoltura.“

„È stato sagacemente congetturato che il legislatore astuto indulgeva nei testardi pregiudizi dei suoi connazionali.“

„La storia è poco più che una registrazione dei delitti, follie e sventure dell'umanità.“


„Gli sforzi e le aspirazioni del genio, o della virtù, sia nella vita attiva che in quella speculativa, vengono misurati non tanto dalla loro reale elevazione, quanto dall'altezza alla quale essi ascendono sopra il livello del loro tempo e del loro paese; e la stessa statura, che in un popolo di giganti passerebbe inosservata, deve apparire cospicua in una razza di pigmei.“

„La separazione degli Arabi dal resto del genere umano li ha abituati a confondere le idee di straniero e nemico.“

„Tuttavia la nostra esperienza di quattromila anni dovrebbe ingrandire le nostre speranze, e diminuire la nostra apprensione: noi non possiamo determinare a quale altezza le specie umane possano aspirare nel loro cammino verso la perfezione; ma si può presumere con sicurezza, che nessun popolo, a meno che il volto della natura non cambi, ricadrà nella propria originale barbarie.“

„La corruzione, il sintomo più infallibile della libertà costituzionale.“

Autori simili