„Poiché dunque – io credo – l'amore e la percezione della parentela universale pervadevano tutta quanta la realtà, nessuno uccideva, in quanto l'uomo considerava familiari tutte le creature viventi. Ma da quando al potere giunsero Ares e Tumulto ed ebbero origine tutti i conflitti e le guerre, nessuno risparmiò più il suo prossimo. Bisogna però esaminare anche la questione seguente. Noi avvertiamo un senso di parentela verso tutti gli uomini, ma riteniamo comunque necessario eliminare e punire tutti i malfattori e chiunque sia spinto da un impulso di naturale malvagità a nuocere a qualcun altro. Probabilmente è giusto agire alla stessa maniera con gli animali privi di ragione, tra cui occorre sopprimere quelli che per natura sono aggressivi o nocivi o inclini a fare del male a chi si avvicina a loro. Quanto invece a tutti gli altri esseri viventi che non commettono alcuna ingiustizia né tendono per natura a fare il male, non c'è alcun dubbio: trucidarli e farne strage è un atto d'ingiustizia non meno grave che sopprimere uomini altrettanto innocenti. È solo un'apparenza che tra noi e gli altri animali non sussiste alcun diritto comune [... ].“

—  Porfírio, II; 2015, p. 343

Pubblicità

Citazioni simili

Papa Leone XIII foto
Margherita Hack foto
Pubblicità
 Pitagora foto
Giovanni Crisostomo foto
Carl von Clausewitz foto
Tito Lucrezio Caro foto
 Solone foto
Ludwig Wittgenstein foto
Pubblicità
Charles Baudelaire foto
Publio Ovidio Nasone foto
Fulton J. Sheen foto
Marco Tullio Cicerone foto
Pubblicità
Thomas Hobbes foto
George Bernard Shaw foto
Immanuel Kant foto
Avanti