„«Quando ti porti dietro un libro» le aveva rivelato Mo quando Meggie ci aveva messo dentro il primo «avviene qualcosa di straordinario: le sue pagine raccoglieranno i tuoi ricordi. E un giorno ti basterà risfogliarle per tornare con il pensiero al luogo dove le hai lette per la prima volta: le immagini, gli odori, il gelato che ti eri gustata… Credimi, i libri sono un po' come la carta moschicida: a nient'altro i ricordi restano attaccati come alla carta stampata.»“

Inkheart

Ultimo aggiornamento 18 Settembre 2021. Storia

Citazioni simili

Fabrizio De André photo

„Chiama i ricordi col loro nome | volta la carta e finisce in gloria.“

—  Fabrizio De André cantautore italiano 1940 - 1999

da Volta la carta, n.° 2

Carlos Ruiz Zafón photo

„«Benvenuto nel Cimitero dei Libri Dimenticati, Daniel.»

«Questo luogo è un mistero, Daniel, un santuario. Ogni libro, ogni volume che vedi possiede un'anima, l'anima di chi lo ha scritto e di coloro che lo hanno letto, di chi ha vissuto e di chi ha sognato grazie a esso. Ogni volta che un libro cambia proprietario, ogni volta che un nuovo sguardo ne sfiora le pagine, il suo spirito acquista forza. Molti anni fa, quando mio padre mi portò qui per la prima volta, questo luogo era già vecchio, quasi come la città. Nessuno sa con certezza da quanto tempo esista o chi l'abbia creato. Ti posso solo ripetere quello che mi disse mio padre: quando una biblioteca scompare, quando una libreria chiude i battenti, quando un libro viene cancellato dall'oblio, noi, i custodi di questo luogo, facciamo in modo che arrivi qui. E qui i libri che più nessuno ricorda, i libri perduti nel tempo, vivono per sempre, in attesa del giorno in cui potranno tornare nelle mani di un nuovo lettore, di un nuovo spirito. Noi li vendiamo e li compriamo, ma in realtà i libri non ci appartengono mai. Ognuno di questi libri è stato il miglior amico di qualcuno. Adesso hanno soltanto noi, Daniel. Pensi di poter mantenere il segreto?»“

—  Carlos Ruiz Zafón, libro L'ombra del vento

The Shadow of the Wind
Variante: «Benvenuto nel Cimitero dei Libri Dimenticati, Daniel.
...
«Questo luogo è un mistero, Daniel, un santuario. Ogni libro, ogni volume che vedi possiede un'anima, l'anima di chi lo ha scritto e di coloro che lo hanno letto, di chi ha vissuto e di chi ha sognato grazie a esso. Ogni volta che un libro cambia proprietario, ogni volta che un nuovo sguardo ne sfiora le pagine, il suo spirito acquista forza. Molti anni fa, quando mio padre mi portò qui per la prima volta, questo luogo era già vecchio, quasi come la città. Nessuno sa con certezza da quanto tempo esista o chi l'abbia creato. Ti posso solo ripetere quello che mi disse mio padre: quando una biblioteca scompare, quando una libreria chiude i battenti, quando un libro viene cancellato dall'oblio, noi, i custodi di questo luogo, facciamo in modo che arrivi qui. E qui i libri che più nessuno ricorda, i libri perduti nel tempo, vivono per sempre, in attesa del giorno in cui potranno tornare nelle mani di un nuovo lettore, di un nuovo spirito. Noi li vendiamo e li compriamo, ma in realtà i libri non ci appartengono mai. Ognuno di questi libri è stato il miglior amico di qualcuno. Adesso hanno soltanto noi, Daniel. Pensi di poter mantenere il segreto?»

Stefano Benni photo

„Dove sono finiti gli yes dogs? e gli Hula-hoop? E le tartarughe Ninja? E la carta moschicida? E la democrazia?“

—  Stefano Benni scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano 1947

Margherita Dolce Vita

Marcello Marchesi photo

„Si nutre | di carta stampata | produce | qualche idea | risaputa.“

—  Marcello Marchesi comico, sceneggiatore e regista italiano 1912 - 1978

Origine: Diario futile di un signore di mezza età, p. 75

Marcello Marchesi photo

„Si nutre di carta stampata produce qualche idea risaputa.“

—  Marcello Marchesi comico, sceneggiatore e regista italiano 1912 - 1978

Origine: Diario futile di un signore di mezza età, p. 74

Oriana Fallaci photo
Jules Renard photo
Renato Guttuso photo

„[In occasione degli ottant'anni di Ignazio Buttitta] Ero un bambino di dieci o dodici anni e ricordo, una sera, un corteo con una bandiera rossa, la prima bandiera rossa della mia vita. In testa al corteo c'era Ignazio, il poeta Buttitta, che aveva stampato il suo primo libro di poesie, Sintimintali…“

—  Renato Guttuso pittore e politico italiano 1911 - 1987

Origine: Citato in Matteo Collura, Ignazio Buttitta, un cantastorie dalla parte dei vinti https://web.archive.org/web/20160101000000/http://archiviostorico.corriere.it/1997/aprile/06/Ignazio_Buttitta_cantastorie_dalla_parte_co_0_9704062637.shtml, Corriere della Sera, 6 aprile 1997, p. 31.

Cornelia Funke photo
Vitaliano Brancati photo
Italo Calvino photo
Questa traduzione è in attesa di revisione. È corretto?
Michel De Montaigne photo
Norbert Leser photo
Fabri Fibra photo
Jonathan Safran Foer photo
Niccolò Ammaniti photo
Amélie Nothomb photo
Marco Carena photo

„Quanta nel mondo e nella nostra memoria e con la carta dei libri ci puliremo la storia“

—  Marco Carena cantautore italiano 1957

Origine: Canzone "Quanta... nel mondo" - CD Frittomix

Argomenti correlati