Frasi di Giuseppe Gioachino Belli

Giuseppe Gioachino Belli foto

54   3

Giuseppe Gioachino Belli

Data di nascita: 7. Settembre 1791
Data di morte: 21. Dicembre 1863

Giuseppe Francesco Antonio Maria Gioachino Raimondo Belli è stato un poeta italiano. Nei suoi 2279 Sonetti romaneschi, composti in vernacolo romanesco raccolse la voce del popolo della Roma del XIX secolo.

Frasi Giuseppe Gioachino Belli


„Cristo creò le case e li palazzi | P'er prencipe, er marchese e 'r cavajjere, | E la terra pe nnoi facce da cazzi. (da Li du' ggener' umani, 313)“

„L'innocenza cominciò cor prim'omo, e lì rimase. (libro Sonetti)“


„Insomma, dalla predica di ieri, | gira che ti rigira, in conclusione, | abbiamo appreso che sono misteri. (da Er frutto de la predica, sonetto numero 1358, 29 novembre 1834)“

„Ar momento c' un omo se fa pprete | Sto prete è un omo già santificato; | E quantunque peccassi, er zu' peccato | Vola via com'un grillo da la rete. (Er prete, 505)“

„E una cosa dell'antra è tanta amica | cuanto la fica tira li cudrini [i soldi], | e li cudrini tireno la fica. (da Un indovinarello)“

„Li Papi, er primo mese der papato, | So, un po' mmeno o un po' ppiù, ttanti cunijji [conigli]. | [... ] | E allora fra er pasvobbi [pax vobis] e 'r crielleisonne [Kyrie eleison], | Cuer nuvolo de ggijji te diventa | Garofoli, pe ddio, de de cinque fronne. [garofani di cinque petali, cioè pugni] (da Li papati, 212)“

„Na regazza arrivata a ssediscianni | senza conossce er perno de l'amore | Fra tutti li miracoli piú granni | Díllo er miracolone er piú maggiore. | [... ] Si cc'inganna, è una lappa [furba] da punilla | Cor méttejelo in corpo; e ss'é ssincera | Bbisoggna fà de tutto pe istruilla. | Io le so certe cose io sò rromano. | L'inzeggnà a l'iggnoranti è la maggnera | De fasse aggiudicà vvero cristiano. (da La ggnocchetta, 355)“

„Li vivi poi-poi, bboni o cattivi, | So' cquarche ccosa mejjo de li morti, | Nun fuss'antro pe'cquesto che sso' vivi. (da L'amore de li morti)“


„Panza piena nun crede ar diggiuno. (I: da La madre poverella, sonetto 914 del 18 febbraio 1833) (II: titolo del sonetto 673 del 27 dicembre 1832)“

„Er cazzo se pò ddí rradica, uscello, | ciscio, nerbo, tortore, pennarolo, | pezzo-de-carne, manico, scetrolo, | asperge, cucuzzola e stennarello. (da Er padre de li Santi)“

„Cristiani indilettissimi, l'inferno | È una locanna senza letto e ccoco, | Ch'er bon Iddio la frabbicò abbeterno, [ab aeterno] | Perché sse popolassi appoco appoco. [... ] Ggesù mmio bbattezzato e circonciso, | Arberghesce li turchi e bbadanai, [ebrei] | E a nnoi dacce l'alloggio in paradiso. (da L'inferno, sonetto 837 del 29 gennaio 1833)“

„È un gran gusto er fregà! ma ppe ggodello | più a cciccio [come si deve], ce voria che ddiventassi | Giartruda tutta sorca, io tutt'uscello. (da L'incisciature)“


„Dunque ar paese de sti du' porconi | Bbisoggna dì cche nun ce tiri vento; | Perché, ssi cce tirassi, oggni momento | J'annerebbeno in mostra li cojjoni. (da L'udienza de li du' scozzesi)“

„Conzideranno come sò accidiosi | sti pretacci maliggni e ttraditori: | esaminanno quanto sò rrabbiosi, | jotti, avari, superbi, e fottitori; | ripijji un po' de fiato, t'arincori, | t'addormi ppiú ttranquillo e tt'ariposi: | perché li loro vizzi piú ppeggiori | serveno a illuminà lli scrupolosi. (da L'essempio, 1259)“

„Da sì cc' oggni cazzaccio fa er dottore, | e sputa in càtedra, e almanacca, e spera | De pesà ll'aria drento a la stadera, | Se n'hanno da sentì dd'ogni colore | [... ] | E mmentr'er corpo spiggionato e brutto | È ssord' e mmuto e nnun z'arregge in piede, | lei [L'anima] cammina da sé, pparla, e ffa ttutto. (da L'anima, 254)“

„[... ] nun è vvero mica | Che ppe ubbidí cce vò ttanta pazienza. | È un gran riposo all'omo l'ubbidienza; | E ppe cquesto in ner monno è ccusí antica. | Ma ssentite, ch'Iddio ve bbenedica, | Che bbella verità: er Zovrano penza, | E er zúddito esiguissce; e in conzeguenza | Oggnuno fa ppe ssé mmezza fatica. | [... ] Un essempio e ffinisco. Ar teatrino | Chi la sostiè la parte ppiú ssudata? | Dite, er burattinaro o er burattino? (da L'ubbidienza, 459)“

Autori simili