Frasi di Primo Levi

Primo Levi photo
169   15

Primo Levi

Data di nascita: 31. Luglio 1919
Data di morte: 11. Aprile 1987

Pubblicità

Primo Michele Levi è stato uno scrittore, partigiano e chimico italiano, autore di racconti, memorie, poesie e romanzi.

Partigiano antifascista, il 13 dicembre 1943 venne arrestato dai nazifascisti in Valle d'Aosta venendo prima mandato in un campo di raccolta di tutti gli ebrei a Fossoli e nel febbraio dell'anno successivo, deportato nel campo di concentramento di Auschwitz in quanto ebreo. Scampato al lager, tornò avventurosamente in Italia, dove si dedicò con forte impegno al compito di raccontare le atrocità viste e subite.

Il suo romanzo più famoso, sua opera d'esordio, Se questo è un uomo, che racconta le sue terribili esperienze nel campo di sterminio nazista, è considerato un classico della letteratura mondiale, inserendosi nel filone della memorialistica autobiografica e nel cosiddetto neorealismo.

Laureato in chimica, in alcune delle sue opere appaiono riferimenti diretti ed indiretti a questa branca della scienza.

Autori simili

Luigi Meneghello photo
Luigi Meneghello19
partigiano, accademico e scrittore italiano
Dante Graziosi photo
Dante Graziosi9
politico e scrittore italiano
Beppe Fenoglio photo
Beppe Fenoglio25
scrittore italiano
Gian Carlo Pajetta photo
Gian Carlo Pajetta4
politico e partigiano italiano
Armando Cossutta photo
Armando Cossutta4
politico italiano
Tina Anselmi photo
Tina Anselmi2
politica e partigiana italiana
Ada Gobetti photo
Ada Gobetti1
insegnante, traduttrice e giornalista italiana
Alba de Céspedes photo
Alba de Céspedes5
scrittrice, poetessa e partigiana italiana
Primo Mazzolari photo
Primo Mazzolari80
presbitero, scrittore e partigiano italiano
Luigi Gui photo
Luigi Gui13
politico italiano

Frasi Primo Levi

Pubblicità

„Non salutavano, non sorridevano; apparivano oppressi, oltre che da pietà, da un confuso ritegno, che sigillava le loro bocche, e avvinceva i loro occhi allo scenario funereo. Era la stessa vergogna a noi ben nota, quella che ci sommergeva dopo le selezioni, ed ogni volta che ci toccava assistere o sottostare a un oltraggio: la vergogna che i tedeschi non conobbero, quella che il giusto prova davanti alla colpa commessa da altrui, e gli rimorde che esista, che sia stata introdotta irrevocabilmente nel mondo delle cose che esistono, e che la sua volontà buona sia stata nulla o scarsa, e non abbia valso a difesa. Cosí per noi anche l’ora della libertà suonò grave e chiusa, e ci riempí gli animi, ad un tempo, di gioia e di un doloroso senso di pudore, per cui avremmo voluto lavare le nostre coscienze e le nostre memorie della bruttura che vi giaceva: e di pena, perché sentivamo che questo non poteva avvenire, che nulla mai piú sarebbe potuto avvenire di cosí buono e puro da cancellare il nostro passato, e che i segni dell’offesa sarebbero rimasti in noi per sempre, e nei ricordi di chi vi ha assistito, e nei luoghi ove avvenne, e nei racconti che ne avremmo fatti. Poiché, ed è questo il tremendo privilegio della nostra generazione e del mio popolo, nessuno mai ha potuto meglio di noi cogliere la natura insanabile dell’offesa, che dilaga come un contagio. È stolto pensare che la giustizia umana la estingua. Essa è una inesauribile fonte di male: spezza il corpo e l’anima dei sommersi, li spegne e li rende abietti; risale come infamia sugli oppressori, si perpetua come odio nei superstiti, e pullula in mille modi, contro la stessa volontà di tutti, come sete di vendetta, come cedimento morale, come negazione, come stanchezza, come rinuncia.“

—  Primo Levi

„Dal Ka-Be la musica non si sente bene: arriva assiduo e monotono il martellare della grancassa e dei piatti, ma su questa trama le frasi musicali si disegnano solo a intervalli, col capriccio del vento. Noi ci guardiamo l'un l'altro nei nostri letti, perchè tutti sentiamo che questa è musica infernale.
I motivi sono pochi, una dozzina, ogni giorno gli stessi, mattina e sera: marce e canzoni popolari care a ogni tedesco. Esse giacciono incise nelle nostre menti, saranno l'ultima cosa del Lager che dimenticheremo: sono la voce del Lager, l'espressione sensibile della sua follia geometrica, della risoluzione altrui di annullarci prima come uomoni per ucciderci poi lentamente.
Quando questa musica suona, noi sappiamo che i compagni, fuori nella nebbia, partono in marcia come automi; le loro anime sono morte e la musica li sospinge, come il vento le foglie secche, e si sostituisce alla loro volontà. Non c'è più volontà, ogni pulsazione diventa un passo, una contrazione rilflessa dei muscoli sfatti. [... ] Ma dove andiamo non sappiamo. Potremo forse sopravvivere alle malattie e sfuggire alle scelte, forse anche resistere al lavoro e alla fame che ci consumano: e dopo? Qui, lontani momentaneamente dalle bestiemme e dai colpi, possiamo rientrare in noi stessi e meditare, e allora diventa chiaro che non ritorneremo. Noi abbiamo viaggiato fin qui nei vagoni piombati; noi abbiamo visto partire verso il niente le nostre donne e i nostri bambini; noi fatti schiavi abbiamo marciato centro volte avanti e indietro alla fatica muta, spenti nell'anima prima che dalla morte anonima. Noi non ritorneremo. Nessuno deve uscire di qui, che potrebbe portare al mondo, insieme col segno impresso nella carne, la mala novella di quanto ad Auschwitz, è bastato animo all'uomo di fare all'uomo.“

—  Primo Levi

Pubblicità
Pubblicità

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating
Anniversari di oggi
Luigi Giussani photo
Luigi Giussani90
sacerdote e teologo italiano 1922 - 2005
Friedrich Nietzsche photo
Friedrich Nietzsche510
filosofo, poeta, saggista, compositore e filologo tedesco 1844 - 1900
Robert Herrick photo
Robert Herrick2
poeta inglese 1591 - 1674
Hermann Göring photo
Hermann Göring6
politico e militare tedesco 1893 - 1946
Altri 93 anniversari oggi
Autori simili
Luigi Meneghello photo
Luigi Meneghello19
partigiano, accademico e scrittore italiano
Dante Graziosi photo
Dante Graziosi9
politico e scrittore italiano
Beppe Fenoglio photo
Beppe Fenoglio25
scrittore italiano
Gian Carlo Pajetta photo
Gian Carlo Pajetta4
politico e partigiano italiano
Armando Cossutta photo
Armando Cossutta4
politico italiano