„La volontà di potenza, l'egoismo innalzato a sistema, il narcisismo mentale sono le radici sottili e inconsce dello spirito di avarizia.
L'avaro vuole dominare il mondo delle forme, vuole divenire padrone dei suoi fratelli schiacciandoli con il peso delle sue ricchezze. Per questo egli accumula con passione le ricchezze – non vi è cosa che non farebbe per aumentarle – e pensa che il denaro sia tutto, che la potenza economica tenga il posto di ogni altra cosa. Quanto più sarà ricco, tanto più potrà dominare, ma come farà a sapere di essere ricco? L'avaro non lo saprà mai, vedrà se stesso sempre povero, non dirà mai basta all'ingorda fame, e così la volontà di potenza che l'ha sedotto, alla fine lo beffa, muore e il suo tesoro viene disperso.
L'avarizia così offusca il lume della ragione e la conoscenza della grazia: più sarai ricco e più avrai potenza. L'accumulare diventa una mania: l'avaro non vede che il possesso, non vive che per possedere, il possesso è per lui il fine supremo. Il possesso, da schiavo, è divenuto padrone e selvaggiamente trionfa.
L'avaro non riconosce di esserlo, afferma di essere sobrio, parsimonioso, economo, di dover fare delle privazioni per non mancare ai suoi doveri, di non poter essere generoso perché altrimenti lui stesso dovrebbe mendicare, trova continuamente nuove economie e se ne vanta come di un pregio. Non vi è nulla di più spaventoso della buona fede dell'avaro, ed è questa buona fede che gli uccide l'anima.
Gli schiavi di altre passioni finiscono presto o tardi a sentirsi a disagio, le conseguenze delle loro passioni prima o poi li fanno meditare o vergognarsi; la possibilità di riconoscere il proprio peccato è una piccola via di salvezza loro offerta. Ma l'avaro di che cosa può pentirsi o vergognarsi? Frugale per non spendere, casto per economizzare, sobrio per non sprecare, convinto di sacrificarsi per il bene dei lontani eredi, si crea, a maggiore tranquillità, la visione di opere buone cui lascerà, morendo, tutto il suo. Allora si sente un eroe, un santo, un martire.“

La vita senza fine

Ultimo aggiornamento 14 Novembre 2020. Storia

Citazioni simili

William Shenstone photo
Antistene photo

„Un avaro non può mai essere virtuoso.“

—  Antistene filosofo greco antico -444 - -365 a.C.

Origine: Citato in G. B. Garassini e Carla Morini, Gemme, classe 5 maschile, Sandron, Milano [post. 1911].

„Avaro per ricchezza | non sa far larghezza.“

—  Garzo poeta e scrittore italiano

Proverbi

Saˁdi photo

„Il denaro dell'avaro esce di sotterra in quell'ora soltanto in cui l'avaro va sotterra.“

—  Saˁdi, libro Il roseto

da Disputa di Saadi con un presuntuoso intorno alla definizione della ricchezza e della povertà, vol II, p. 103
Il roseto

„L'avaro stesso è causa della sua miseria!“

—  Publilio Siro scrittore e drammaturgo romano

Sententiae
Originale: (la) Avarus ipse miseriae causa est suae.

„Che cosa di male puoi augurare a un avaro se non di vivere a lungo?“

—  Publilio Siro scrittore e drammaturgo romano

Sententiae
Originale: (la) Avaro quid mali optes nisi Vivat diu?

„L'avaro non fa nulla di buono se non quando muore!“

—  Publilio Siro scrittore e drammaturgo romano

Sententiae
Originale: (la) Avarus nisi cum moritur, nil recte facit.

Giorgio Gaber photo

„L'avaro non fa del bene a nessuno, ma fa a sé stesso il male peggiore.“

—  Publilio Siro scrittore e drammaturgo romano

Sententiae
Originale: (la) In nullum hominem avarus bonus est, in se pessimus.

Filippo Pananti photo
Jules Renard photo

„I due Dumas hanno capovolto la teoria dell'economia. Il padre è stato il prodigo, e il figlio è stato l'avaro.“

—  Jules Renard scrittore e aforista francese 1864 - 1910

17 aprile 1890; Vergani, p. 36
Diario 1887-1910

Pietro Aretino photo
Irène Némirovsky photo
Luigi Tansillo photo
Fabio Volo photo

Argomenti correlati