„[…] Non ti ho fatto né celeste né terreno, né mortale né immortale, perché di te stesso quasi libero e sovrano artefice ti plasmassi e ti scolpissi nella forma che avresti prescelto. Tu potrai degenerare nelle cose inferiori che sono i bruti; tu potrai, secondo il tuo volere, rigenerarti nelle cose superiori che sono divine.– […] Nell'uomo nascente il Padre ripose semi d'ogni specie e germi d'ogni vita. E a seconda di come ciascuno li avrà coltivati, quelli cresceranno e daranno in lui i loro frutti. […] se sensibili, sarà bruto, se razionali, diventerà anima celesta, se intellettuali, sarà angelo, e si raccoglierà nel centro della sua unità, fatto uno spirito solo con Dio, […].“

Ultimo aggiornamento 18 Gennaio 2019. Storia

Citazioni simili

Bruno Forte photo
Benedetto Varchi photo
Hugo Chávez photo
Isabella Andreini photo
Plinio Corrêa de Oliveira photo
Oriana Fallaci photo
Senofane photo
Lev Nikolajevič Tolstoj photo
Giordano Bruno photo
Murray Bookchin photo
Ivan Alexandrovič Gončarov photo
Tullio Avoledo photo
José Saramago photo

„Non mi dolevano né i denti né l'anima. Problemi, quelli di tutti i giorni, e a questi ci ho fatto l'abitudine.“

—  José Saramago scrittore, critico letterario e poeta portoghese 1922 - 2010

Di questo mondo e degli altri

Paolo di Tarso photo
Platone photo
Karl Rahner photo

„L'insulto non è sopportato né dall'uomo forte né da quello libero!“

—  Publilio Siro scrittore e drammaturgo romano

Sententiae
Originale: (la) Contumeliam nec fortis pote nec ingenuus pati.

Alessandra Celletti photo

„Il bello della musica è che ti lascia questo punto interrogativo, questo mistero che ognuno di noi ha. Uno suona e non sa né quello che viene fuori né quello che è. Questo mondo onirico rimane lì, sospeso, come questo mondo in cui viviamo che è un po' terreno e un po' celeste.“

—  Alessandra Celletti pianista e compositrice italiana 1966

Citazioni di Alessandra Celletti
Variante: "Il bello della musica è che ti lascia questo punto interrogativo, questo mistero che ognuno di noi ha. Uno suona e non sa né quello che viene fuori né quello che è. Questo mondo onirico rimane lì, sospeso, come questo mondo in cui viviamo che è un po' terreno e un po' celeste".

Elsa Morante photo
Karl Barth photo

„Il Logos, figlio eterno di Dio, non ha voluto essere né un angelo né un animale, ma un uomo.“

—  Karl Barth teologo svizzero 1886 - 1968

Dogmatica ecclesiale
Origine: Citato in Andrew Linzey, Teologia animale, traduzione di Alessandro Arrigoni, Cosmopolis, Torino, 1998, p. 8. ISBN 978-88-87947-01-4

Argomenti correlati