„Rivivo la mia vita come guardando un lungo film. La giovinezza difficile in un'isola deserta. L'evasione verso il Nord, Ca' Foscari, l'antifascismo e il fascismo a Venezia. L'incontro a Roma con Giovanni Amendola. L'Enciclopedia Treccani e il gruppo degli antifascisti. L'amicizia con Cattani, Fenoaltea, Gallo Granchelli, la casa di Ruini e gli incontri con de Ruggiero, Luigi Russo, Valgimigli. Il trasferimento a Milano e casa Mattioli, la fraterna amicizia con Adolfo Tino e poi, nella Comit, con Enrico Cuccia e Corrado Franzi. L'amicizia e la frequentazione continua di Ferruccio Parri, dei Damiani, di Bruno Quarta e di Morandi, della famiglia Bauer, di Ada Rossi. I viaggi a Roma, Napoli e Parrella. Uno straordinario viaggio con Mattioli, da Milano attraverso Torino distrutta dai bombardamenti fino a Dogliani per vedere Einaudi. La costituzione del Partito d'Azione, l'uscita clandestina del primo numero dell'"Italia libera" a Milano, Albertelli alle Fosse ardeatine. La lotta contro la monarchia nel CLN. Il governo Parri e la scissione del Partito d'Azione. La milizia nel Partito Repubblicano. I governi De Gasperi e le visite al "Mondo", il ricordo di Mario Pannunzio, la battaglia per il centro-sinistra e le delusioni. La crisi, i comunisti e il compromesso storico. Alla fine una grande amarezza. Ora osservo che non c'è quell'Italia che avevamo in mente.“

— Ugo La Malfa, p. 124

Pubblicità

Citazioni simili

Baltasar Gracián foto
Pubblicità
Susanna Tamaro foto
Lev Nikolajevič Tolstoj foto
Francesco Totti foto

„Era ora che facessi il ciucciotto.“

— Francesco Totti calciatore italiano 1976
da un'intervista RAI, dopo la partita Italia-Australia in cui segna il suo primo gol dopo 3 partite

Adolf Hitler foto
Marc Bloch foto
Pubblicità
Vasco Rossi foto
Elsa Morante foto
Papa Benedetto XVI foto
Eleanor Roosevelt foto
Pubblicità
Giorgio Gaber foto

„Qualcuno era comunista perché abbiamo avuto il peggiore Partito Socialista d'Europa.“

— Giorgio Gaber cantautore, commediografo e regista teatrale italiano 1939 - 2003
da Qualcuno era comunista

Simone Weil foto
Sandro Pertini foto
Arnold Schwarzenegger foto
Avanti