Frasi di Donatien Alphonse François de Sade

Donatien Alphonse François de Sade foto

44   7

Donatien Alphonse François de Sade

Data di nascita: 2. Giugno 1740
Data di morte: 2. Dicembre 1814

Il conte Donatien-Alphonse-François de Sade, , conosciuto anche come D.A.F. de Sade, Marchese de Sade, Divin marchese, o semplicemente De Sade o Sade , è stato uno scrittore, filosofo, poeta, drammaturgo, saggista, aristocratico, criminale e politico rivoluzionario francese, delegato della Convenzione nazionale.

Autore di tutta una serie di classici della letteratura erotica, ma anche di drammi teatrali, testi vari e saggi filosofici, molti dei quali scritti mentre si trovava in prigione, la sua opera e il suo pensiero lo hanno fatto considerare un esponente dell'ala estremista del libertinismo, nonché dell'Illuminismo più radicale e materialista.

Il suo nome è all'origine del termine sadismo, atteggiamento che emerge dai suoi romanzi, incentrati sulla descrizione di comportamenti sessuali trasgressivi e perversi, quelli che saranno chiamati sadomasochismo, oltre che su scene di esplicita violenza e sui temi filosofici della ricerca del piacere, consistente nel soddisfare gli istinti naturali , dell'ateismo e del rifiuto verso ogni forma di autorità costituita.

Durante la sua vita Sade venne accusato di vari reati, come pratiche di violenza sessuale, sodomia, tentativi di avvelenamento e condotta immorale , ma venne riconosciuto colpevole solo di "libertinaggio" e produzione di materiale pornografico. Fu perseguito prima dal regime monarchico, poi, in quanto nobile, dalla Rivoluzione francese e infine anche dal governo napoleonico.

Passò molti anni della sua vita, a causa di una lettre de cachet e di varie disposizioni successive, prima in carcere - tra cui alla Bastiglia per qualche anno - e infine all'"albergo dei pazzi", dove scrisse molte delle sue opere più celebri. Per molto tempo ritenuto un autore immorale o di scarso valore, è stato rivalutato e riscoperto nel XX secolo a opera del surrealismo, della psicoanalisi e dell'esistenzialismo.

A partire dal 1800 e fino alla morte quattordici anni dopo, rinuncia a ogni titolo nobiliare e si firma semplicemente «D.-A.-F. Sade».

Frasi Donatien Alphonse François de Sade


„Non è il mio modo di pensare che ha fatto la mia rovina, ma il modo di pensare degli altri. (citato in Focus n. 71, p. 158)“

„Vi era di realmente giusto soltanto quel che faceva piacere e di ingiusto quel che dava dolore.“


„Per il povero la virtù è una necessità. (p. 108, 2007)“

„(Taluni) sicurissimi di pentirsi dei piaceri che assaporano, se li concedono fremendo, in modo da diventare contemporaneamente virtuosi nel crimine e criminali nella virtù.“

„Lo spirito dell'uomo, ancora troppo bambino per trovare nel seno della natura le leggi del movimento, unica molla di tutto quel meccanismo che lo stupiva, credette più semplice supporre un motore separato dalla natura piuttosto che crederla motrice di se stessa. (p. 65, 2007)“

„Possedere in esclusiva una donna è tanto ingiusto quanto possedere degli schiavi. (da La philosophie dans le boudoir)“

„Nessuna azione, per quanto singolare possiate supporla, è veramente criminale; e nessuna può realmente chiamarsi virtuosa. Tutto è in rapporto ai nostri costumi e all'ambiente in cui abitiamo. (p. 61, 1986)“

„[sulle prostitute] SAINT-ANGE: Bellezza mia, si chiamano così le vittime pubbliche del vizio degli uomini, sempre pronte a darsi per passione o per interesse; buone e rispettabili creature, che la società disprezza e la voluttà esalta; assai più necessarie alla società delle puritane [... ]. (p. 52, 1986)“


„L'indomani, siccome gli esempi del giorno prima incutevano timore, non si riuscì a trovare nessuno in colpa. Le lezioni continuarono sui fottitori, e siccome non capitò nulla di nuovo fino al caffè, parleremo della giornata solo a partire da quel momento. (p. 149, 1986)“

„Unico risultato dei costumi e dell'educazione è ciò che si chiama un'abitudine. (da Juliette ou le prospèritès du vice)“

„L'universo è una causa, non un effetto. (p. 105, 2007)“

„Quando il più forte vuole opprimere il più debole lo convince che Dio santifica le sue catene, ed il debole, abbrutito, gli crede.“


„No, non c'è nessun Dio, la natura basta a se stessa; non ha alcun bisogno di un autore. (2011)“

„Se si ama il proprio dolore, esso diviene voluttà. (da Aline et Valcour)“

„Sii uomo, sii umano, senza timore né speranza; abbandona i tuoi dèi e le tue religioni; tutto ciò è buono solo per armare la mano degli uomini, e il solo nome di questi orrori ha fatto versare più sangue sulla terra di tutte le altre guerre e di tutti gli altri flagelli messi insieme. Rinuncia all'idea di un altro mondo, che non esiste, ma non rinunciare al piacere di essere felice, e di godertela in questo! (da Dialogo fra un prete e un moribondo)“

„Bisogna rendere gli altri felici tanto quanto noi si desidera esserlo. (da Dialogo fra un prete e un moribondo)“

Mostrando 1-16 frasi un totale di 44 frasi