Frasi di Alexandr Isajevič Solženicyn

Alexandr Isajevič Solženicyn foto

40   8

Alexandr Isajevič Solženicyn

Data di nascita: 11. Dicembre 1918
Data di morte: 3. Agosto 2008
Altri nomi: Aleksandr Isaevič Solženicyn, Alexander Solženicyn, Aleksandr Isaevic Solzhenitsyn

Aleksandr Isaevič Solženicyn è stato uno scrittore, drammaturgo e storico russo.

Inizialmente marxista critico dello stalinismo, poi divenuto conservatore e anticomunista, attraverso i suoi scritti ha fatto conoscere al mondo i Gulag, i campi di lavoro forzato per i dissidenti del sistema sovietico dove fu rinchiuso per molti anni. Gli è stato assegnato il Premio Nobel per la letteratura nel 1970 e quattro anni dopo è stato esiliato dall'Unione Sovietica. Ritornò in Russia nel 1994, dopo la caduta del sistema sovietico. Nello stesso anno fu eletto membro dell'Accademia serba delle arti e delle scienze nel Dipartimento lingua e letteratura.

Frasi Alexandr Isajevič Solženicyn


„Si può avere potere sulle persone finché non gli si porta via qualcosa. Ma quando si è rubato tutto ad uomo, questi non sarà più soggetto ad alcun potere: sarà libero di nuovo.“

„Non date la caccia all'illusorio, agli averi, al titolo: questi si acquistano con il logorio nervoso di decenni e sono confiscati in una notte. Fate vostra una continua superiorità nei riguardi della vita, non abbiate paura delle sciagure, non languite nell'attesa della felicità: l'amarezza non durerà per sempre, la dolcezza non sarà mai piena.“ libro Arcipelago Gulag


„Più di mezzo secolo fa, quando ancora ero un bambino, ricordo che un certo numero di anziani offriva questa spiegazione per i disastri che avevano devastato la Russia: "Gli uomini hanno dimenticato Dio, perciò tutto questo è accaduto". Da quel giorno, ho passato 50 anni a lavorare sulla storia della nostra rivoluzione (la rivoluzione russa); ho letto centinaia di libri, raccolto centinaia di testimonianze personali. Ma se mi fosse domandato di formulare in maniera più concisa possibile la principale causa della rovinosa rivoluzione che ha inghiottito quasi 60 milioni di russi, non potrei metterla in maniera più accurata che ripetendo: "Gli uomini hanno dimenticato Dio, perciò tutto questo è accaduto.“ citato in Edward E. Ericson, Jr., "Solzhenitsyn – Voice from the Gulag", Eternity, October 1985, pp. 23–24)

„Nella vita sociale, libertà e uguaglianza tendono a escludersi reciprocamente, sono antagoniste: infatti, la libertà distrugge l'uguaglianza sociale, è proprio questa una della funzioni della libertà, mentre l'uguaglianza limita la libertà, perché diversamente non vi si potrebbe giungere.“

„Bisogna saper migliorare con pazienza quanto ogni giorno ci offre.“

„Un uomo d'ingegno sa di possedere sempre molto, non si rammarica di dover dividere con altri.“ da Il primo cerchio

„Si può rimpiangere un regime che scriveva dio con la minuscola e Kgb maiuscolo?“ citato in Antonio Socci, Nostalgici del Dio minuscolo, il Giornale, 29 dicembre 2005

„Basta avere l'uomo... l'accusa la troveremo noi.“


„La giustizia è coscienza, non di un solo individuo, ma dell'umanità tutta. Coloro che sanno ascoltare la voce della coscienza sanno ascoltare anche la voce della giustizia.“

„Il lavoro è come un palo: ha due capi. Se lavori per uno che se ne intende gli dai qualità, ma se lo fai per uno stupido, basta contentare l'occhio.“

„Togliere la polvere dall'orologio. I vostri orologi sono indietro coi tempi. Spalancate le pesanti tende che vi sono così care - non avete nemmeno il sospetto che fuori sia già spuntato il giorno.“

„La letteratura trasmette esperienze pregnanti... da generazione a generazione. In questo modo la letteratura diventa memoria vivente di una nazione intera.“


„Uno non dovrebbe mai indirizzare le persone verso la felicità, perché anche la felicità è un idolo del mercato. Uno dovrebbe indirizzarle verso l’affetto reciproco. Una bestia che mastica la sua preda può anche essere felice, ma solo gli esseri umani possono provare affetto l’un l’altro, e questa è la più alta realizzazione alle quale essi possono aspirare.“

„Per noi in Russia, il comunismo è un cane morto, mentre, per molte persone in occidente è ancora un leone vivente.“

„Per fare del male un uomo deve prima di tutto credere che ciò che stia facendo sia bene.“

„Per un paese, avere grandi scrittori è come avere un altro governo. Questo è il motivo per il quale nessun governo ha mai amato i grandi scrittori, ma solo quelli minori.“

Autori simili