Frasi di Dag Hammarskjöld

Dag Hammarskjöld foto

48   5

Dag Hammarskjöld

Data di nascita: 29. Luglio 1905
Data di morte: 18. Settembre 1961

Dag Hjalmar Agne Carl Hammarskjöld fu un diplomatico, economista, scrittore e pubblico funzionario svedese.

Presidente della Banca di Svezia e poi noto internazionalmente quale segretario generale delle Nazioni Unite per due mandati consecutivi, dal 1953 fino alla sua morte nel 1961 a causa di un incidente aereo occorsogli in Africa meridionale durante una missione di pace. Gli fu conferito postumo il Premio Nobel per la pace per la sua attività umanitaria.


„Devi essere severo verso te stesso per avere il diritto di essere indulgente verso gli altri.“ p. 130

„L'umiltà davanti al fiore sul limite del bosco apre la strada che porta alla vetta.“ p. 107


„La misura di quanto la vita pretende da te sta solo nella tua forza. E la tua eventuale impresa: non aver disertato.“ p. 42

„Non ci è dato di scegliere la cornice del nostro destino. Però siamo noi a immettere il contenuto.“ p. 73

„La tua posizione non ti dà mai il diritto di comandare. Solo il dovere di vivere in modo tale da permettere agli altri di seguire il tuo ordine senza esserne umiliati.“ p. 123

„Chiedo l'assurdo: che la vita abbia un senso. Mi batto per l'impossibile: che la mia vita ottenga un senso. Non oso credere, non saprei come poter credere: di non essere solo.“ p. 115

„"Tradire": sei soddisfatto quando hai domato e incanalato il tuo lato peggiore? Nella condizione umana è un tradimento non essere in ogni istante il meglio di sé. Tanto più quando altri credono in te! (p. 188)“

„Che terribile responsabilità, la nostra! Se tu tradisci, sarà Dio a tradire l'umanità nel tuo aver tradito lui. Ti illudi di poter assume­re la responsabilità verso Dio; puoi assumerti la responsabilità per Dio? (p. 188)“


„"Perdonare se stessi"? No, questo non va! Dobbiamo essere perdonati. Ma possiamo credere nel perdono, solo se noi stessi perdo­niamo. (p. 188)“

„Conoscerai la vita, e ne sarai riconosciuto, nella misura della tua trasparenza, cioè della tua capacità di svanire come fine e restare semplice mezzo. (p. 188)“

„"Trattare gli altri come fine e mai come mezzo". E me stesso come fine solo nella mia natura di mezzo: spostare il limite tra soggetto e oggetto nel mio essere fino al punto in cui il soggetto, pur essendo in me, è fuori e sopra di me... e dunque tutto il mio essere diviene uno strumento per quello che, in me, è più grande di me. (p. 85)“

„Una fiaba da raccontare: quella di una corona che era talmente pesante da poter essere portata solo da chi fosse completamente dimentico del suo splendore. (p. 93)“


„Distillare dal miele, come fa l'ape, il veleno per difendersi: il suo uso è mortale per la portatrice. (p. 77)“

„L'angoscia della solitudine porta con sé raffiche di vento dal cuore della tempesta dell'angoscia mortale. Esiste veramente solo ciò che è di altri, perché soltanto quel che hai donato – sia pure nella gratitudine del ricevere – si innalzerà dal nulla che un giorno sarà la tua vita. (p. 63)“

„Chi è sfidato dal destino non si adombra per le condizioni. (p. 186)“

„Se non parli male degli altri più di quanto tu già faccia, non è perché non ne hai voglia: sai che la maldicenza ti gioverà solo se usata in dosi ben misurate. (p. 46)“

Autori simili