„Io sempre amai nella mia vita | la solitudine scontrosa, | ove in me stesso mi chiudevo, | temendo, a rivelar tristezza, | la pietà umana di destare; || non capirebbero i felici, | pensavo, il che a me stesso oscuro, | e i pensier neri non varrebbe | gioia amicale o appassionato | fuoco di baci a trarsi via. || Ai miei confusi sogni volli | dare espressione con i versi, | sì che, leggendo tali fogli, | mi conciliassi tu col mondo, | colle passioni tempestose. || Ma l'occhio tuo sereno e puro | allora mi fissò stupito, | scotesti il capo tu e dicesti | ch'era malata la mia mente, | da brama futile accecata. || credendo alle parole tue, | mi profondai dentro il mio cuore, | ma pure in esso non trovai | che fosse futile la mente | tendendo a un che di misterioso || a ciò di cui son dati in pegno | volta notturna e cori d'astri, | a ciò che ci ha promesso Iddio | e che comprendere potrei | cogli anni e le meditazioni. || Ma me un'ardente, una severa | indole rode dalla culla... | E, avendo solo provato il male, | morrò non conoscendo in cuore | pensiero né scopo meschino.“

—  Michail Jurjevič Lermontov, da A N. F. I... va, 1830
Pubblicità

Citazioni simili

Suso Cecchi D'Amico photo
Pubblicità
Mauro Covacich photo
Friedrich Nietzsche photo
 Eschilo photo
Roberto Vecchioni photo
Friedrich Schiller photo
Pubblicità
Emily Brontë photo
Henrik Ibsen photo
Irène Némirovsky photo
Carmen Consoli photo
Pubblicità
Emily Brontë photo
Thomas Stearns Eliot photo
Ibn Arabi photo