Frasi di Hans Magnus Enzensberger

Hans Magnus Enzensberger foto

28   2

Hans Magnus Enzensberger

Data di nascita: 11. Novembre 1929

Hans Magnus Enzensberger è uno scrittore, poeta, traduttore ed editore tedesco. Ha scritto anche sotto lo pseudonimo di Andreas Thalmayr e Linda Quilt. Vive a Monaco.


„Nessuno prova interesse spontaneo per il perdente radicale. È un atteggiamento reciproco. Infatti, finché lui è solo – ed è molto solo – non dà in escandescenze; è inappariscente, muto: un dormiente.“ II; 2007, p. 7

„L’Unione non si pone il compito di opprimere i suoi cittadini, bensí di omogeneizzare, possibilmente in modo tacito, le condizioni di vita sul continente.“ libro Il mostro buono di Bruxelles: ovvero L'Europa sotto tutela


„Il punto di vista giuridico va bene solo in tribunale, ed è appunto per questo che i giudici spesso non sanno di che cosa parlano.“

„La televisione è puro terrorismo. La parola scompare, e con la parola ogni possibilità di riflessione.“

„[... ] Un movimento politico che, invece con il potere dello Stato, se la rifacesse con gli scrittori ameni più anziani, non farebbe che mettere in mostra la propria viltà.»“ citato in Ester Dinacci, Realtà della Germania

„Nutrire speranza a breve scadenza è illusione. Una rassegnazione a lungo termine equivarrebbe a un suicidio.“ citato in Ester Dinacci, Realtà della Germania

„Infatti lo scopo dei perdenti radicali sta appunto nel rendere perdenti il maggior numero possibile di altri.“ XVII; 2007, p. 68

„Ogni collettivo di perdenti è incline a stati emotivi sovreccitati sfruttabili politicamente.“ XIII; 2007, p. 54


„Su quattrocento noti militanti di Al Qaeda il 63 per cento vantava un diploma di maturità, i tre quarti provenivano dalla classe superiore o media; altrettanti si situavano a livello universitario, come professori, ingegneri, architetti ed esperti di vario genere. Sicché il perdente radicale non deve affatto appartenere obbligatoriamente ai derelitti di questa terra.“ XV; 2007, pp. 61-62

„La forma piú pura del terrorismo islamico è l'attentato suicida. Sul perdente radicale essa esercita un'attrazione irresistibile, perché gli consente di sfogare le sue fantasie megalomaniache e insieme l'odio verso se stesso.“ XVI; 2007, p. 64

„In termini di politica democratica la triade composta dal Parlamento, dal Consiglio e dalla Commissione produce dunque un buco nero nel quale scompare ciò che noi intendiamo per democrazia.“ libro Il mostro buono di Bruxelles: ovvero L'Europa sotto tutela

„Tutte le caratteristiche già abbastanza note da altri contesti : la stessa disperazione per il proprio fallimento, la stessa ricerca di capri espiatori, la stessa perdita di realtà, lo stesso bisogno di vendetta, la stessa paranoia maschilista, lo stesso senso compensatorio di superiorità, la fusione di distruzione e autodistruzione e il desiderio coatto di diventare, attraverso l'escalation del terrore, padroni della vita altrui e della propria morte.“ XV; 2007, p. 60


„«Sono affari miei». «È colpa degli altri». Questi due momenti non si elidono. Al contrario: si potenziano a vicenda secondo il modello del circolo vizioso. Da questo circolo diabolico il perdente radicale non riesce a liberarsi con nessuna riflessione; da esso trae la propria forza inaudita.“ IV; 2007, pp. 16-17

„La costruzione di moschee in tutto il mondo è pretesa come un diritto inalienabile; la costruzione di chiese cristiane in molti paesi arabi è impensabile. La propaganda della fede musulmana è un dovere sacro, la missione di altre religioni un crimine. Il semplice possesso di una Bibbia viene penalmente perseguito nell'Arabia Saudita. Un califfo autonominatosi tale si scaglia contro la propria espulsione in quanto lesiva dei diritti dell'uomo. Laddove l'incitamento ad ammazzare un romanziere apostata è approvato da molti musulmani. Slogan del tipo «morte agli infedeli (agli americani, ai danesi, ai tedeschi, ecc.)» sono considerati una forma legittima di protesta, per la quale tutti devono mostrare comprensione. Con l'aria dell'innocenza bistrattata predicatori dell'odio pretendono la libertà di opinione, la cui eliminazione è il loro scopo dichiarato. La disintegrazione al tritolo delle statue di Buddha a Bamiyan è stata considerata in Afghanistan un atto di devozione; di reazioni violente in Thailandia o in Giappone non è giunta notizia. Ma non appena si prospetta la proiezione di un film che critica i costumi islamici, la plebaglia si schiera compatta e fioccano le minacce di morte. Si chiede a gran voce rispetto, ma lo si nega agli altri. Mentre le lamentele per la discriminazione dei musulmani della diaspora sono all'ordine del giorno, del tutto ovvia è la discriminazione degli «infedeli» e delle donne da parte dei musulmani stessi.“ XIII; 2007, pp. 54-56

„Evidentemente l'istinto di conservazione non è poi cosí ferreo. Basti pensare soltanto alla predilezione della specie per il suicidio, che accomuna epoche e culture. Nessun tabú e nessuna minaccia di pena ha mai impedito agli esseri umani di togliersi la vita.“ V; 2007, pp. 21-22

„Il perdente radicale non conosce la risoluzione del conflitto, il compromesso, in grado di coinvolgerlo in un normale intreccio di interessi e di disinnescare la sua energia distruttiva. Quanto piú assurdo il suo progetto, tanto piú fanaticamente lo persegue.“ VI; 2007, pp. 25-26

Autori simili