Frasi di Lev Nikolajevič Tolstoj

Lev Nikolajevič Tolstoj photo
281   70

Lev Nikolajevič Tolstoj

Data di nascita: 9. Settembre 1828
Data di morte: 20. Novembre 1910
Altri nomi:Лев Толстой, Lev Tolstoj, Lev N. Tolstoj

Pubblicità

Lev Nikolàevič Tolstòj, in russo: Лев Николаевич Толстой?, /ˈlʲɛf nʲɪkaˈɫaɪvʲɪtɕ taɫˈstoj/ , è stato uno scrittore, filosofo, educatore e attivista sociale russo.

Divenuto celebre in patria grazie ad una serie di racconti giovanili sulla realtà della guerra, il nome di Tolstoj acquisì presto risonanza mondiale per il successo dei romanzi Guerra e pace e Anna Karenina, a cui seguirono altre sue opere narrative sempre più rivolte all'introspezione dei personaggi ed alla riflessione morale. La fama di Tolstoj è legata anche al suo pensiero pedagogico, filosofico e religioso, da lui espresso in numerosi saggi e lettere che ispirarono, in particolare, la condotta non-violenta dei tolstoiani e del Mahatma Gandhi.

Autori simili

Sergej Hessen photo
Sergej Hessen18
pedagogista russo
Leonid Nikolaevič Andreev photo
Leonid Nikolaevič Andreev3
scrittore e drammaturgo russo
John Dewey photo
John Dewey23
filosofo e pedagogista statunitense
Anton Pavlovič Čechov photo
Anton Pavlovič Čechov48
scrittore, drammaturgo e medico russo
Aleksandr Zinovyev photo
Aleksandr Zinovyev5
scrittore russo
Pietro Siciliani photo
Pietro Siciliani7
pedagogista e filosofo italiano
Augusto Conti photo
Augusto Conti12
filosofo e pedagogista italiano
Pëtr Alekseevič Kropotkin photo
Pëtr Alekseevič Kropotkin30
filosofo, geografo, zoologo e anarchico russo
Johann Heinrich Pestalozzi photo
Johann Heinrich Pestalozzi3
pedagogista svizzero

Frasi Lev Nikolajevič Tolstoj

Pubblicità

„Vrònskij andò nella vettura dietro al capotreno e all'entrata dello scompartimento si fermò, per lasciare il passo a una signora che usciva.
Col tatto abituale dell'uomo di mondo, da una sola occhiata all'aspetto esteriore di questa signora Vrònskij giudicò in modo certo ch'ella apparteneva all'alta società. Egli si scusò e stava per andare nella vettura, ma provò la necessità di guardarla ancora una volta, non perché ella fosse molto bella, non per quell'eleganza e quella grazia modesta che si vedevano in tutta la sua persona, ma perché nell'espressione del volto leggiardo, quand'ella gli era passata vicino, c'era qualcosa di particolarmente carezzevole e tenero.
Quand'egli si volse a guardarla, ella pure voltò il capo. I scintillanti occhi grigi, che sembravan neri per le ciglia folte, si fermarono amichevolmente, con attenzione sul volto di lui, come se ella lo riconoscesse, e immediatamente si portarono sulla folla che passava, come cercando qualcuno. Vrònskij fece a tempo a notare l'animazione rattenuta che balenava sul volto di lei e svolazzava fra gli occhi scintillanti e il sorriso appena percettibile, che incurvava le sue labbra vermiglie. Come se un'abbondanza di qualcosa colmasse talmente il suo essere, da esprimersi all'infuori della sua volontà ora nello scintillio dello sguardo, ora nel sorriso. Ella aveva spento deliberatamente quella luce nei suoi occhi, ma essa splendeva suo malgrado nel sorriso appena percettibile.“

—  Lev Nikolajevič Tolstoj
Anna Karenina

Pubblicità

„Allargai il raggio delle mie osservazioni, esaminai la vita di enormi masse di uomini, sia di quelli passati sia di quelli contemporanei. E di uomini che avevano capito il senso della vita, che avevano saputo vivere e morire io ne vedevo non due, tre, dieci, bensì centinaia, migliaia, milioni. E tutti loro, infinitamente diversi per indole, intelligenza, educazione, condizione, tutti allo stesso modo e in completa contrapposizione alla mia ignoranza conoscevano il senso della vita e della morte, sopportavano privazioni e sofferenze, vivevano e morivano vedendo in ciò non la vanità, ma il bene.
Ed io fui preso da amore per quegli uomini. Quanto più penetravo nella loro vita di uomini viventi e nella vita degli uomini che erano già morti, dei quali leggevo o sentivo raccontare, tanto più io li amavo, e tanto più mi diventava facile vivere. Vissi così circa due anni e in me si verificò quel rivolgimento che da tempo già si preparava e del quale erano sempre esistite dentro di me le premesse. Mi accadde che la vita della nostra cerchia – dei ricchi, delle persone istruite non solo mi disgustò, ma perse qualsiasi senso. Tutto quello che noi facevamo, i nostri ragionamenti, la nostra scienza, le nostre arti, tutto ciò mi apparve come un trastullo da ragazzi. Io capii che non si doveva cercare un senso in tutto ciò. E invece quel che faceva il popolo lavoratore, il quale costruisce la vita, mi appariva come l'unica occupazione degna di rispetto. E capii che il senso che veniva attribuito a quella vita era la verità, e l'accettai.“

—  Lev Nikolajevič Tolstoj
cap. X

Pubblicità

„Non siamo struzzi, e non possiamo credere che se non guarderemo, ciò che non vogliamo vedere non esisterà più. E tanto meno lo possiamo, quando ciò che non vogliamo vedere è quel che vogliamo mangiare. E soprattutto, se almeno fosse necessario tutto ciò! O magari non necessario, ma se non altro almeno utile a qualcosa. E invece? Niente, non è di nessuna utilità. (Coloro che ne dubitano leggano quei numerosi libri che sono stati scritti a questo proposito da scienziati e da medici, e nei quali viene appunto dimostrato che la carne non è affatto necessaria all'alimentazione umana. E non ascoltino invece quei medici veterotestamentari che difendono a spada tratta la necessità di far uso di carne solamente perché la carne è stata ritenuta necessaria per lungo tempo dai loro predecessori e poi anche da loro stessi; costoro la difendono caparbiamente, con malevolenza, così come si difende sempre quel che è vecchio e va ormai cadendo in disuso.) Serve soltanto a educare la gente ai sentimenti bestiali, a sviluppare la bramosia, la lussuria, l'ubriachezza. Il che trova perennemente conferma nel fatto che uomini giovani, buoni, non guastati ancora, e in particolar modo le donne e le fanciulle, sentono, pur senza saperlo, che così come da una cosa ne deriva un'altra, allo stesso modo la virtù non è compatibile con la bistecca, e non appena desiderano esser buoni, abbandonano appunto i cibi a base di carne.“

—  Lev Nikolajevič Tolstoj

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating
Anniversari di oggi
Marco Masini photo
Marco Masini18
cantautore italiano 1964
 Ronaldo photo
Ronaldo13
calciatore brasiliano 1976
Jimi Hendrix photo
Jimi Hendrix18
chitarrista e cantautore statunitense 1942 - 1970
Dag Hammarskjöld photo
Dag Hammarskjöld48
2º segretario generale delle Nazioni Unite 1905 - 1961
Altri 87 anniversari oggi
Autori simili
Sergej Hessen photo
Sergej Hessen18
pedagogista russo
Leonid Nikolaevič Andreev photo
Leonid Nikolaevič Andreev3
scrittore e drammaturgo russo
John Dewey photo
John Dewey23
filosofo e pedagogista statunitense
Anton Pavlovič Čechov photo
Anton Pavlovič Čechov48
scrittore, drammaturgo e medico russo
Aleksandr Zinovyev photo
Aleksandr Zinovyev5
scrittore russo