Frasi di Piero Calamandrei

Piero Calamandrei photo
88   204

Piero Calamandrei

Data di nascita: 21. Aprile 1889
Data di morte: 27. Settembre 1956

Pubblicità

Piero Calamandrei è stato un politico, avvocato e accademico italiano, nonché uno dei fondatori del Partito d'Azione.

Autori simili

Massimo Polledri2
politico italiano
Alberto Airola photo
Alberto Airola2
politico italiano
Luca Sani photo
Luca Sani1
politico italiano
Fiorentino Sullo8
politico italiano
Antonio Razzi photo
Antonio Razzi18
politico italiano
Giorgio Almirante photo
Giorgio Almirante10
politico italiano
Gianluca Buonanno photo
Gianluca Buonanno12
politico italiano
Antonino Lo Presti photo
Antonino Lo Presti3
avvocato e politico italiano
Girgis Giorgio Sorial photo
Girgis Giorgio Sorial4
politico italiano

Frasi Piero Calamandrei

Pubblicità

„Se noi siamo qui a parlare liberamente in quest'aula, in cui una sciagurata voce irrise e vilipese venticinque anni fa le istituzioni parlamentari, è perché per venti anni qualcuno ha continuato a credere nella democrazia, e questa sua religione ha testimoniato con la prigionia, l'esilio e la morte. Io mi domando, onorevoli colleghi, come i nostri posteri tra cento anni giudicheranno questa nostra Assemblea Costituente: se la sentiranno alta e solenne come noi sentiamo oggi alta e solenne la Costituente Romana, dove un secolo fa sedeva e parlava Giuseppe Mazzini. Io credo di sì: credo che i nostri posteri sentiranno più di noi, tra un secolo, che da questa nostra Costituente è nata veramente una nuova storia: e si immagineranno, come sempre avviene che con l'andar dei secoli la storia si trasfiguri nella leggenda, che in questa nostra Assemblea, mentre si discuteva della nuova Costituzione Repubblicana, seduti su questi scranni non siamo stati noi, uomini effimeri di cui i nomi saranno cancellati e dimenticati, ma sia stato tutto un popolo di morti, di quei morti, che noi conosciamo ad uno ad uno, caduti nelle nostre file, nelle prigioni e sui patiboli, sui monti e nelle pianure, nelle steppe russe e nelle sabbie africane, nei mari e nei deserti, da Matteotti a Rosselli, da Amendola a Gramsci, fino ai giovinetti partigiani, fino al sacrificio di Anna-Maria Enriquez e di Tina Lorenzoni, nelle quali l'eroismo è giunto alla soglia della santità. Essi sono morti senza retorica, senza grandi frasi, con semplicità, come se si trattasse di un lavoro quotidiano da compiere: il grande lavoro che occorreva per restituire all'Italia libertà e dignità. Di questo lavoro si sono riservata la parte più dura e più difficile; quella di morire, di testimoniare con la resistenza e la morte la fede nella giustizia. A noi è rimasto un compito cento volte più agevole; quello di tradurre in leggi chiare, stabili e oneste il loro sogno: di una società più giusta e più umana, di una solidarietà di tutti gli uomini, alleati a debellare il dolore. Assai poco, in verità, chiedono a noi i nostri morti. Non dobbiamo tradirli.“

—  Piero Calamandrei

Pubblicità

„Ma chi è che semina le guerre? Se tra uno o tra dieci anni una nuova guerra mondiale scoppierà, dove troveremo il responsabile? Nell'ultima guerra la identificazione parve facile: bastò il gesto di due folli che avevano in mano le leve dell'ordigno infernale, per decretare il sacrificio dei popoli innocenti. Ma oggi quelle dittature sono cadute: oggi le sorti della guerra e della pace sono rimesse al popolo. Questo vuol dire, infatti, democrazia: rendere ogni cittadino, anche il più umile, corresponsabile della guerra e della pace del mondo: toglier di mano queste fatali leve ai dittatori paranoici che mandano gli umili a morire, e lasciare agli umili, a coloro ai quali nelle guerre era riservato finora l'ufficio di morire, la scelta tra la morte e la vita. Ma ecco, si vede con terrore che, anche cadute le dittature, nuove guerre si preparano, nuove armi si affilano, nuovi schieramenti si formano. Chi è il responsabile di questi preparativi? Si dice che gli uomini, che oggi sono al potere, sono stati scelti dal voto degli elettori: si deve dunque concludere che le anonime folle degli elettori sono anch'esse per le nuove carneficine? Questa è oggi la terribile verità. La salvezza è solo nelle nostre mani; ma ognuno di noi, se la nuova guerra verrà, sarà colpevole per non averla impedita. [... ]Se domani la guerra verrà, ciascuno di noi l'avrà preparata. Non potremo nascondere la nostra innocenza dietro l'ombra dei dittatori: quando c'è la libertà, tutti sono responsabili, nessuno è innocente.“

—  Piero Calamandrei

Pubblicità
Anniversari di oggi
Louis-ferdinand Céline photo
Louis-ferdinand Céline150
scrittore, saggista e medico francese 1894 - 1961
Lorenzo Milani19
sacerdote, insegnante e scrittore italiano 1923 - 1967
Joseph Roth photo
Joseph Roth52
scrittore e giornalista austriaco 1894 - 1939
Niccoló Paganini photo
Niccoló Paganini1
violinista, compositore e chitarrista italiano 1782 - 1840
Altri 95 anniversari oggi
Autori simili
Massimo Polledri2
politico italiano
Alberto Airola photo
Alberto Airola2
politico italiano
Luca Sani photo
Luca Sani1
politico italiano
Fiorentino Sullo8
politico italiano
Antonio Razzi photo
Antonio Razzi18
politico italiano