„A volte il fare uno scherzo cattivo lascia un gusto amaro, e Pin si trova solo a girare nei vicoli, con tutti che gli gridano improperii e lo cacciano via. Si avrebbe voglia d’andare con una banda di compagni, allora, compagni cui spiegare il posto dove fanno il nido i ragni, o con cui fare battaglie con le canne, nel fossato. Ma i ragazzi non vogliono bene a Pin: è l’amico dei grandi, Pin, sa dire ai grandi cose che li fanno ridere e arrabbiare, non come loro che non capiscono nulla quando i grandi parlano. Pin alle volte vorrebbe mettersi coi ragazzi della sua età, chiedere che lo lascino giocare a testa e pila, e che gli spieghino la via per un sotterraneo che arriva fino in piazza Mercato.
Ma i ragazzi lo lasciano a parte, e a un certo punto si mettono a picchiarlo; perché Pin ha due braccine smilze smilze ed è il più debole di tutti. Da Pin vanno alle volte a chiedere spiegazioni su cose che succedono tra le donne e gli uomini; ma Pin comincia a canzonarli gridando per il carrugio e le madri richiamano i ragazzi: – Costanzo! Giacomino! Quante volte te l’ho detto che non devi andare con quel ragazzo cosi maleducato! Le madri hanno ragione: Pin non sa che raccontare storie d’uomini e donne nei letti e di uomini ammazzati o messi in prigione, storie insegnategli dai grandi, specie di fiabe che i grandi si raccontano tra loro e che pure sarebbe bello stare a sentire se Pin non le intercalasse di canzonature e di cose che non si capiscono da indovinare. E a Pin non resta che rifugiarsi nel mondo dei grandi, dei grandi che pure gli voltano la schiena, dei grandi che pure sono incomprensibili e distanti per lui come per gli altri ragazzi, ma che sono più facili da prendere in giro, con quella voglia delle donne e quella paura dei carabinieri, finché non si stancano e cominciano a scapaccionarlo. Ora Pin entrerà nell’osteria fumosa e viola, e dirà cose oscene, improperi mai uditi a quegli uomini fino a farli imbestialire e a farsi battere, e canterà canzoni commoventi, struggendosi fino a piangere e a farli piangere, e inventerà scherzi e smorfie cosi nuove da ubriacarsi di risate, tutto per smaltire la nebbia di solitudine che gli si condensa nel petto le sere come quella".“

The Path to the Spiders' Nests

Ultimo aggiornamento 22 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Italo Calvino photo
Italo Calvino photo
Sun Pin photo
Sergio Caputo photo

„Ma adesso è bello immaginarti double-face, un po' demonio e un po' pin-up e un po' massaia Dash.“

—  Sergio Caputo cantautore e musicista italiano 1954

Flamenco amorespia, n. 9
Effetti personali

Italo Calvino photo
Federico Bernardeschi photo
Drake photo
Walt Whitman photo
Alice Munro photo
Fausto Bertinotti photo
Eros Drusiani photo
Stanisław Jerzy Lec photo

„Non fidatevi degli uomini! Sono capaci di grandi cose.“

—  Stanisław Jerzy Lec scrittore, poeta e aforista polacco 1909 - 1966

Pensieri spettinati

Baldassarre Castiglione photo

„Molte volte più nelle cose piccole che nelle grandi si conoscono i coraggiosi.“

—  Baldassarre Castiglione umanista, letterato e diplomatico italiano (1478-1529) 1478 - 1529

Il libro del Cortegiano

Madonna (cantante) photo
Charlotte Roche photo

„Le ragazze Grandi Tette della pubblicità mi fanno venire il vomito.“

—  Charlotte Roche conduttrice televisiva e scrittrice tedesca 1978

dalla quarta di copertina di Zone umide

Claudio Baglioni photo
Jerry Lewis photo
Eric Hoffer photo
Paul Annacone photo
Milan Kundera photo

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“