Frasi su petto

Una raccolta di frasi e citazioni sul tema petto.

Argomenti correlati

Un totale di 346 frasi, il filtro:


Alessandro Manzoni photo
Primo Levi photo
Khalil Gibran photo
Gue Pequeno photo

„Testa alta e petto avanti, anche tra mille pianti.“

—  Gue Pequeno rapper italiano 1980

da Forza campione
Fastlife mixtape vol. 3

Salvador Dalí photo

„Che cos'è il cielo? Dove si trova? Il cielo non si trova né sopra né sotto, né a destra né a sinistra; il cielo è esattamente nel centro del petto dell'uomo che ha fede!“

—  Salvador Dalí pittore, scultore, scrittore, cineasta e designer spagnolo 1904 - 1989

Origine: Citato in I classici dell'arte – il Novecento: Dalì, Rizzoli Skira Corriere della Sera, p. 16.

Carlos Ruiz Zafón photo
Tupac Shakur photo
Oscar Wilde photo
Citát „E il cuore che non ho, che non ho mai avuto, l'ho tatuato in petto, ma non ha mai battuto.“
Gue Pequeno photo
Haruki Murakami photo

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating
Publilio Siro photo

„L'amore, come la lacrima, nasce dagli occhi e cade nel petto (cuore)!“

—  Publilio Siro scrittore e drammaturgo romano

Sententiae
Originale: (la) Amor, ut lacrima, ab oculo oritur, in pectus cadit.

Pietro Paolo Parzanese photo
Archiloco photo
Francesco II delle Due Sicilie photo

„Popoli delle Due Sicilie […] si alza la voce del vostro Sovrano per consolarvi nelle vostre miserie […] quando veggo i sudditi miei, che tanto amo, in preda a tutti i mali della dominazione straniera, quando li vedo come popoli conquistati […] calpestati dal piede di straniero padrone, il mio cuore Napoletano batte indignato nel mio petto […] contro il trionfo della violenza e dell'astuzia. Io sono Napolitano; nato tra voi, non ho respirato altra aria […] i vostri costumi sono i miei costumi, la vostra lingua la mia lingua, le vostre ambizioni le mie ambizioni. […]ho preferito lasciare Napoli, la mia propria casa, la mia diletta capitale per non esporla agli orrori di un bombardamento […] Ho creduto di buona fede che il Re di Piemonte, che si diceva mio fratello, mio amico […] non avrebbe rotto tutti i patti e violate tutte le leggi per invadere i miei Stati in piena pace, senza motivi né dichiarazioni di guerra […] Le finanze un tempo così floride sono completamente rovinate: l'Amministrazione è un caos: la sicurezza individuale non esiste […] Le prigioni sono piene di sospetti […] in vece di libertà lo stato di assedio regna nelle province […] la legge marziale […] la fucilazione istantanea per tutti quelli fra i miei sudditi che non s'inchinino alla bandiera di Sardegna […] E se la Provvidenza nei suoi alti disegni permetta che cada sotto i colpi del nemico straniero […] mi ritirerò con la coscienza sana […] farò i più fervidi voti per la prosperità della mia patria, per le felicità di questi Popoli che formano la più grande e più diletta parte della mia famiglia.“

—  Francesco II delle Due Sicilie Quarto ed ultimo sovrano del Regno delle Due Sicilie (1859-1861) 1836 - 1894

Bertolt Brecht photo
Ágota Kristóf photo
Rabindranath Tagore photo
Gue Pequeno photo
Fedro photo
Erri De Luca photo

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“