Frasi di Ayaan Hirsi Ali

Ayaan Hirsi Ali foto
39  8

Ayaan Hirsi Ali

Data di nascita: 13. Novembre 1969

Pubblicità

Ayaan Hirsi Ali, nata Ayaan Hirsi Magan , è una politica e scrittrice somala naturalizzata olandese, nota soprattutto per il suo impegno in favore dei diritti umani e in particolare dei diritti delle donne all'interno della tradizione islamica.

Frasi Ayaan Hirsi Ali

„I capi di governo come Blair e Bush non devono più dire che l'islam è ostaggio di una minoranza di terroristi. L'islam è ostaggio di se stesso. Sarebbe più utile se invece convincessero l'Arabia Saudita del fatto che i regimi repressivi, la pressione demografica e un certo metodo di insegnamento religioso producono estremisti.
In Europa e nei Paesi Bassi la maggioranza autoctona può aiutare la minoranza islamica non sottovalutando la gravità della condizione odierna dell'islam – che Afshin Ellian definisce oscurantismo – ma denunciandola. Ai musulmani sono anche utili le domande e le critiche che dopo l'11 settembre vengono mosse all'islam. Che all'integrazione delle minoranze vengano poste condizioni più severe è uno sviluppo positivo, anche se non tutti lo capiranno. Concedendo spazi in Occidente alla voci di dissidenti si può contribuire a controbilanciare la retorica religiosa unilaterale e paralizzante che milioni di musulmani sono costretti a sentire ogni giorno. Lasciate che i Voltaire di oggi possano adoperarsi per l'illuminismo dell'islam in un ambiente sicuro. Nel nostro mondo questa possibilità non viene concessa spesso. L'islam non ha avuto un illuminismo e le società islamiche si trovano ancora a dover affrontare gli stessi problemi della cristianità prima del processo illuministico. La conoscenza della ragione libererebbe lo spirito dei singoli musulmani dal giogo dell'aldilà, dai continui sensi di colpa, e dalla tentazione del fondamentalismo. Inoltre impareremmo ad assumerci la responsabilità della nostra arretratezza e dei nostri problemi. Per questo non abbandonateci al nostro destino, concedeteci un Voltaire.“

— Ayaan Hirsi Ali

Pubblicità

„Il musulmano ha con il suo Dio un rapporto basato sulla paura. Per il musulmano il concetto di divinità è assoluto. Il nostro Dio pretende una sottomissione completa. Ti premia se rispetti le Sue regole fino nei minimi dettagli. Se le infrangi invece ti punisce duramente sia in terra, con malattie e catastrofi naturali, sia nell'aldilà, con il fuoco dell'inferno.
La morale dell'islam deriva da un'unica fonte: il profeta Maometto. Maometto è infallibile. Si potrebbe quasi dire che sia egli stesso un dio, ma nel Corano c'è scritto specificatamente che Maometto è un uomo, l'uomo migliore, l'uomo più perfetto, pari a un dio. Noi dobbiamo vivere secondo il suo esempio. Ciò che è scritto nel Corano, è quello che Maometto ha raccontato che Dio ha detto. Le migliaia di hadíth – le testimonianze di ciò che Maometto ha detto e fatto e dei consigli che ha dato, che ci sono state tramandate in grossi volumi – indicano esattamente come doveva vivere un musulmano nel VII secolo. In questi testi i fedeli musulmani cercano quotidianamente indicazioni su come devono vivere nel XXI secolo.
L'islam subisce pesantemente il dominio di una morale sessuale derivata da valori tribali arabi che risalgono all'epoca in cui Allah rivelò il Suo messaggio al Profeta: una cultura nella quale le donne erano proprietà di padri, fratelli, zii, nonni e tutori. Della donna in sostanza conta allora soltanto la verginità, e il suo velo ricorda in permanenza al mondo esterno la morale soffocante che rende i maschi musulmani proprietari delle donne e li costringe a impedire i contatti sessuali delle loro madri, sorelle, zie, cognate, nipoti e mogli. Questo non riguarda soltanto la convivenza: alle donne è vietato anche solo guardare un uomo, sfiorargli un braccio o stringergli la mano. Il rispetto e l'onore di cui un uomo gode sono direttamente proporzionali alla castità e all'obbedienza delle donne della sua famiglia.“

— Ayaan Hirsi Ali

Pubblicità
Pubblicità
Avanti
Anniversari di oggi
Erwin Rommel foto
Erwin Rommel9
generale tedesco 1891 - 1944
Gesualdo Bufalino foto
Gesualdo Bufalino240
scrittore 1920 - 1996
Margaret Mead foto
Margaret Mead8
antropologa statunitense 1902 - 1978
Henryk Sienkiewicz foto
Henryk Sienkiewicz11
scrittore e giornalista polacco 1846 - 1916
Altri 52 anniversari oggi
Autori simili
Annalena Tonelli foto
Annalena Tonelli8
missionaria italiana
Clare Boothe Luce foto
Clare Boothe Luce1
scrittrice, giornalista e ambasciatrice statunitense
Arundhati Roy foto
Arundhati Roy26
scrittrice indiana
Katherine Pancol foto
Katherine Pancol1
scrittrice francese
Jeanette Winterson foto
Jeanette Winterson50
scrittrice britannica
Giulia Carcasi71
scrittrice italiana
Susanna Tamaro foto
Susanna Tamaro107
scrittrice italiana
Malika Mokeddem foto
Malika Mokeddem1
scrittrice algerina
Amélie Nothomb foto
Amélie Nothomb174
scrittrice belga
Marcela Serrano5
scrittrice cilena