„Devi sapere che è invecchiato questo mondo. […] D'inverno non c'è più abbondanza di piogge per le sementi, d'estate non più il solito calore per maturarle, né la primavera è lieta del suo clima, né è fecondo di prodotti l'autunno. Diminuita, nelle miniere esauste, la produzione di argento e oro, e diminuita l'estrazione dei marmi […]. Viene a mancare l'agricoltore nei campi, sui mari il marinaio, nelle caserme il soldato, nel foro l'onestà, nel tribunale la giustizia […]. Pensi veramente che un mondo così vecchio possa ritrovare l'energia ancor fresca e nuova della sua giovinezza? Quanto alla frequenza maggiore delle guerre, all'aggravarsi delle preoccupazioni per carestie e sterilità, all'infierire di malattie che rovinano la salute, alla devastazione che la peste opera in mezzo agli uomini, anche ciò, sappilo, fu predetto: che negli ultimi tempi i mali si moltiplicano, e le avversità assumono vari aspetti, e per l'avvicinarsi al dì del giudizio, la condanna di Dio sdegnato si muove a rovina degli uomini.“

da Ad Demetrianum; citato in Santo Mazzarino, La fine del mondo antico. Le cause della caduta dell'impero romano, 1959; Rizzoli, 2002

Ultimo aggiornamento 21 Maggio 2020. Storia

Citazioni simili

Voltaire photo

„La carestia, la peste e la guerra sono i tre ingredienti più famosi di questo mondo.“

—  Voltaire filosofo, drammaturgo, storico, scrittore, poeta, aforista, enciclopedista, autore di fiabe, romanziere e saggista fran… 1694 - 1778

Dizionario filosofico

Publio Ovidio Nasone photo
Sofocle photo
Alessandro Mannarino photo
Pitigrilli photo
Alcmane photo
Ennio Flaiano photo
Pavel Aleksandrovič Florenskij photo
Marcello Marchesi photo
Ayn Rand photo
Emilio De Marchi photo
Epicuro photo
Robert Louis Stevenson photo
Lev Nikolajevič Tolstoj photo
Dylan Thomas photo
Giacomo Alberione photo
Fulton J. Sheen photo
Guglielmo III d'Inghilterra photo

„[Sugli scrofolosi] Che Dio vi dia maggior salute e più giudizio.“

—  Guglielmo III d'Inghilterra re inglese 1650 - 1702

Citazioni di Guglielmo III
Origine: Citato in Sigmund Freud, Totem e tabù, a sua volta citato in James Frazer, The Magic Art, I, p. 368.

Argomenti correlati