Frasi di Giulio Andreotti

Giulio Andreotti foto

94   9

Giulio Andreotti

Data di nascita: 14. Gennaio 1919
Data di morte: 6. Maggio 2013

Giulio Andreotti è stato un politico, scrittore e giornalista italiano.

È stato tra i principali esponenti della Democrazia Cristiana, protagonista della vita politica italiana per tutta la seconda metà del XX secolo.

Senatore a vita dal 1991, fu il politico più votato in Italia in tutte le elezioni politiche, tranne nel 1948 e nel 1953 e nel 1963 e 1968 . Andreotti è stato anche il politico con il maggior numero di incarichi di presidente del consiglio e di ministro nella storia della repubblica. Ecco i diversi importanti incarichi di governo, tra i quali:

sette volte presidente del Consiglio tra cui il governo di "solidarietà nazionale" durante il rapimento di Aldo Moro , con l'astensione del Partito Comunista Italiano, e il governo della "non-sfiducia"

otto volte Ministro della difesa

cinque volte Ministro degli affari esteri

tre volte ministro delle partecipazioni statali

due volte Ministro delle finanze, Ministro del bilancio e della programmazione economica e Ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato

una volta Ministro del tesoro, Ministro dell'interno , Ministro per i beni culturali e ambientali e Ministro delle politiche comunitarie

Dal 1945 al 2013 fu sempre presente nelle assemblee legislative italiane: dalla Consulta Nazionale all'Assemblea costituente, e poi nel Parlamento italiano dal 1948, come deputato fino al 1991 e successivamente come senatore a vita. Fu presidente della Casa di Dante in Roma.

A cavallo tra XX e XXI secolo subì un processo per concorso esterno in associazione mafiosa. Assolto con formula piena da tutte le accuse dal Tribunale di Palermo, venne poi assolto il 2 maggio 2003 anche dalla Corte d'Appello di Palermo per i fatti successivi al 1980, mentre per quelli anteriori si stabilì che Andreotti aveva «commesso» il «reato di associazione per delinquere» , ma fu dichiarata una sentenza di non doversi procedere per intervenuta prescrizione. La Cassazione, infine, confermò la sentenza di appello.


„La cattiveria dei buoni è pericolosissima. Gli altri la distribuiscono in dosi giornaliere, mentre chi la concentra ne fa strumenti esplosivi.“ libro Il potere logora... ma è meglio non perderlo

„Sono consapevole dei miei limiti, ma sono anche sicuro di non essere circondato da giganti.“


„Nella radicale polemica contro le tesi di Rousseau — autore di una sconvolgente introduzione di errori — de Maistre non risparmia colpi. Dalla convinzione che il suo avversario rimproverasse ogni giorno il Signore per non averlo fatto nascere nobile e duca lo bolla aspramente chiamandolo più volte plebeo. Ispirarsi oggi a Rousseau può non essere culturalmente — per tanti versi — molto illuminante. Ma nella rigidità del modello di de Maistre proprio non trovo spunti di approvazione. Né mi sembra entusiasmante quello che scrive sulla possibilità teorica di uccidere il tiranno, il quale per il resto è intoccabile totalmente super leges.“

„Vi è un genere pericoloso di numismatici: i collezionisti di moneta corrente.“

„Pochi nemici buona politica.“ libro Il potere logora... ma è meglio non perderlo

„Moro vivo non serve più a nessuno.“

„Organizzandosi, il tempo lo si trova sempre.“ p. 28

„[Su Michele Sindona] Io cercavo di vedere con obiettività. Non sono mai stato sindoniano, non ho mai creduto che fosse il diavolo in persona. [Il fatto] che si occupasse sul piano internazionale dimostrava una competenza economico finanziaria che gli dava in mano una carta che altri non avevano. Se non c'erano motivi di ostilità, non si poteva che parlarne bene.“


„Io credo che bisogna star molto attenti sia nel considerare le persone dei santi, e questo lo vedremo nell'altro mondo, sia quando si cerca di dare ad un piccolo gruppo la coda dei diavoletti, senza mai vedere veramente se poi lo sono davvero. Io, certamente, se le persone con cui lavoro non fanno il loro dovere, non mantengo i rapporti, ma non sono, però, così supponente da sentenziare: bah, siccome è uno di cui si dice male, devo prendere le distanze. Questo non mi pare giusto.“ pp. 47-48

„Tra gli autori di ieri, a Fogazzaro va la mia convinta simpatia. Ma resta per me insuperata l'attrattiva verso la stupenda costruzione logica delle pagine di Biagio Pascal.“

„Posso avere compiuto degli errori, non dei peccati.“

„Essendo noi uomini medi, le vie di mezzo sono, per noi, le più congeniali.“


„Si è giunti, così, alla risoluzione 678, già ricordata, del 28 novembre che, fissando un termine di 45 giorni per procedere al ritiro, lasciava tutto lo spazio necessario perché Saddam Hussein avesse a convincersi dell'inanità di un approccio fino ad allora improntato ad inflessibilità assoluta, e l'opzione negoziale avesse a prevalere. Parlare di ultimatum di fronte ad un lasso di tempo così ampio è dunque del tutto improprio.“

„Ci sorregge la convinzione che tutti gli sforzi sono stati compiuti per evitare una soluzione cruenta ed altri ancora si stanno dispiegando finché non arrivi l'irreparabile. Siamo sorretti anche dalla certezza che, in un momento in cui incominciamo ad intravvedere i contorni di un nuovo assetto internazionale, nessuno deve sottrarsi alle responsabilità che derivano dinanzi all'avvenire pacifico per le nuove generazioni. Dinanzi ai giovani noi abbiamo il diritto ed il dovere di dire che è stata proprio la fermezza delle democrazie a scongiurare nel tormentato dopoguerra i rischi di un nuovo immane conflitto ed a far maturare una stagione nuova nei rapporti internazionali. Questa è la nostra irrinunciabile carta di credito, politica e morale.“

„Le Nazioni Unite, la loro autorità politica e morale, la loro capacità di difendere l'ordine internazionale, sono oggi valori in gioco. Gli Stati Uniti, che pure avevano gli strumenti per una solitaria esibizione di forza accanto all'Arabia Saudita ed al Kuwait, hanno collegato il loro intervento ai princìpi ed alle regole della Carta delle Nazioni Unite. Un intervento conforme ad un'alta tradizione. Vorrei ricordare in particolare ai giovani che non vi era certo petrolio da salvaguardare in Europa quando gli Stati Uniti sono venuti qui a combattere ed a morire per contribuire in modo decisivo a liberarci dalla dittatura nazifascista [... ]. La risposta odierna della comunità internazionale ha portato nella penisola arabica truppe di paesi lontani e diversi, sottolineando l'esistenza di una coesione mai registrata in questo dopoguerra. I paesi che hanno inviato forze nel Golfo sono stati 28, dei quali 13 arabi ed islamici, 12 occidentali e 3 dell'Est europeo.“

„La risoluzione 678 nel secondo paragrafo conferisce agli Stati, che, come l'Italia, cooperano nella penisola arabica, il potere di adottare tutte le misure necessarie per sostenere ed attuare le pertinenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza, a cominciare dalla risoluzione 660. Queste misure comprendono, secondo quanto previsto nell'articolo 2 dello Statuto, l'obbligo degli Stati membri di fornire alle Nazioni Unite – cito testualmente – «ogni assistenza in qualsiasi azione che queste intraprendono in conformità alle disposizioni del presente Statuto». Non siamo, dunque, nell'ipotesi di guerra come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali, che l'Italia ripudia con l'articolo 11 della Costituzione. [... ] Una partecipazione con gli alleati alle azioni nel Golfo è conforme alla lettera ed allo spirito dell'articolo 11 e non comporta, quindi, il ricorso all'articolo 78 della Costituzione stessa, che prevede la deliberazione da parte delle Camere dello stato di guerra.“

Autori simili