Frasi di Mauro Leonardi

Mauro Leonardi photo
105   25

Mauro Leonardi

Data di nascita: 4. Aprile 1959

Mauro Leonardi , presbitero, scrittore e opinionista italiano.

Frasi Mauro Leonardi

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Start translating

„Cercare il raccoglimento all'inizio dell'orazione, significa allora imparare a evitare la «solitudine dei pensieri»: quei pensieri che ronzano incessantemente nella nostra testa e ci impediscono di ascoltare Dio. È necessario imparare a raccoglierli uno per uno e ad abbandonarli nelle sue mani, fossero anche pensieri per le nostre offese a Dio. Guardare a Cristo, piuttosto che rimanere soli nel fastidioso brontolio di quegli sciami che ronzano nella nostra testa, significa aver individuato la differenza tra Pietro e Giuda. Entrambi tradiscono Cristo. Anzi forse Pietro, che tradisce il Maestro per paura di una donnetta e non al cospetto di Caifa, lo fa in maniera più umiliante. Eppure Pietro diventa santo e invece Giuda si suicida. La differenza è molto semplice: Pietro quando si accorge del proprio peccato, non guarda sé stesso ma Cristo («E Pietro si ricordò della parola di Gesù che aveva detto "Prima che il gallo canti, tu mi rinnegherai tre volte"» Mt 26, 75). Invece Giuda ha occhi solo per sé stesso, per il progetto della propria vita ormai andato perso, irrecuperabile («Ho peccato, perché ho tradito sangue innocente», Mt 27, 4). Pietro si conosce nello sguardo di Cristo, Giuda si vede con i propri occhi. Il primo vede la propria grandezza: Cristo mi ama non perché io "lo meriti", ma perché sì; e proprio quest'amore mi renderà amabile ai suoi occhi. Il secondo crede ormai di doversi arrangiare da solo. Di essere diventato grande. Adulto. Cioè orfano.“

—  Mauro Leonardi
Mezz'ora di orazione, p. 23

„Maria non si stupì affatto della presenza di un angelo. Fu invece l'angelo a stupirsi di lei. Maria vedeva il Creatore in tutte le creature, e vederlo negli occhi di un angelo le sembrava altrettanto sublime che vederlo in quelli di un uomo. Non la stupiva scorgere ovunque il Creatore. Era intenta a normali lavori domestici. Aveva forse un panno in mano o una spazzola di legno che a un certo punto le erano caduti non perché fosse rimasta trasecolata dall'apparizione di Gabriele, ma per lo stesso identico motivo per cui a ciascuno di noi cascano di mano le penne e gli smartphone. Gabriele ha il volto di un giovane molto bello, dai lineamenti molto delicati. Capelli leggermente ondulati, castani. Occhi verdi. Niente ali però, questo no. Solo una veste candida. È lui a stupirsi. Molto, molto più di Maria. Gabriele è un arcangelo eviterno abituato a guardare fisso l'eterno Dio, e sa bene tutta l'opaca caligine che avrebbe trovato arrivando sulla terra. Aveva ancora fresca una certa esperienza con Zaccaria (cfr Lc 1). Proprio per questo si stupì. Di Maria. Si stupì molto. Non si aspettava di vedere il Creatore guardando una creatura. Di vedere una creatura "tutta così piena di Creatore. Così stracolma, così piena di grazia, così kecharitoménê. Devo aver sbagliato strada, pensò Gabriele. Credevo d'esser sceso sulla terra, e guarda un po' sono arrivato in cielo. Si guardava attorno nella stanza mentre Maria curava cose casalinghe impercettibili a un angelo, e quel principe del cielo pensava: «Guarda un po', qui è tutto pieno di cielo. È tutto pieno degli spirituali sorrisi che si sorridono nei cieli, delle trepidanti parole che alitano su da noi nei cieli». Era molto stupito, Gabriele, di fronte a Maria. Era stupefatto. Non aveva mai visto nulla di simile. Con nessuna creatura aveva mai visto Dio comportarsi in simile modo. Gabriele disse «il Signore è con te» (Lc 1, 28) e non lo aveva mai detto a nessuno. Una cosa così non l'aveva mai detta. Era una prima volta, una primizia. Di tutta la creazione, di tutte le creazioni. Mai vista una cosa simile, pensava Gabriele, mentre Maria lo guardava e non si stupiva più di tanto. E lui proprio di questo era stupefatto. Dell'atmosfera famigliare, normale, che lo sguardo di Lei, le sue mani, la sua presenza, creavano. Lei era quasi seduta a terra (forse a filare o a pulire) e lui, che veniva dal più alto dei cieli, era molto affascinato da quelle dita, da quelle mani. E si chiedeva se stesse filando o forse solo pulendo, e si stupiva di essere affascinato da una cosa così semplice e umile.“

—  Mauro Leonardi
Il Signore dei Sogni

Autori simili

Fabio Caressa photo
Fabio Caressa56
giornalista e conduttore televisivo italiano
Diego De Silva photo
Diego De Silva43
scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano
Vittorio Arrigoni photo
Vittorio Arrigoni69
scrittore e attivista italiano
Eros Ramazzotti photo
Eros Ramazzotti66
cantautore italiano
Brunori Sas photo
Brunori Sas41
cantautore italiano
Carlo Zannetti photo
Carlo Zannetti65
chitarrista, cantautore e scrittore italiano
Emis Killa photo
Emis Killa41
rapper italiano
Caparezza photo
Caparezza379
cantautore e rapper italiano
Noyz Narcos photo
Noyz Narcos127
rapper, beatmaker e writer italiano
Alessandro D'Avenia photo
Alessandro D'Avenia173
scrittore, insegnante e sceneggiatore italiano
Anniversari di oggi
Massimo Marianella photo
Massimo Marianella30
giornalista italiano 1966
Mario Merola photo
Mario Merola9
cantante e attore italiano 1934 - 2006
Giovanni Pascoli photo
Giovanni Pascoli87
poeta italiano 1855 - 1912
Isaac Asimov photo
Isaac Asimov33
biochimico e scrittore statunitense 1920 - 1992
Altri 73 anniversari oggi
Autori simili
Fabio Caressa photo
Fabio Caressa56
giornalista e conduttore televisivo italiano
Diego De Silva photo
Diego De Silva43
scrittore, giornalista e sceneggiatore italiano
Vittorio Arrigoni photo
Vittorio Arrigoni69
scrittore e attivista italiano
Eros Ramazzotti photo
Eros Ramazzotti66
cantautore italiano
Brunori Sas photo
Brunori Sas41
cantautore italiano
x