„"Tu sei uno sciocco" diceva il Signore delle Mosche "nient'altro che uno sciocco, un ignorante." Simone mosse la lingua, ch'era tutta gonfia, ma non disse nulla. "Non ti pare?" disse il Signore delle Mosche "non sei uno sciocco e basta?" Simone gli rispose con la stessa voce senza suono. "E allora" disse il Signore delle Mosche "faresti meglio a correr via e a giocare con gli altri. Credono che tu sia un po' tocco. Tu non vuoi mica che Ralph creda che tu sia un po' tocco, no? Ti è simpatico Ralph, no? E anche Piggy, anche Jack, no?" La testa di Simone era alzata un po' in su. I suoi occhi non si potevano staccare dal Signore delle Mosche sospeso nel vuoto davanti a lui. "Che cosa stai a fare qui tutto solo? Non ti faccio paura?" Simone ebbe un sussulto. "Non c'è nessuno che ti possa dare aiuto. Solo io. E io sono la Bestia." La bocca di Simone si aprì a fatica e vennero fuori delle parole comprensibili: "Una testa di maiale su un palo." "Che idea pensare che la Bestia fosse qualcosa che si potesse cacciare e ucciddere!" disse la testa di maiale. Per un po' la foresta e tutti gli altri posti che si potevano appena vedere risuonarono della parodia di una risata. "Lo sapevi no?.. che io sono una parte di te? Vieni vicino, vicino, vicino. Che io sono la ragione per cui non c'è niente da fare? Per cui le cose vanno come vanno?" La risata echeggiò di nuovo. "Su" disse il Signore delle Mosche ".. torna dagli altri, e dimenticheremo tutto quanto." La testa di Simone girava, scoppiava. I suoi occhi erano semichiusi, come se imitassero quella cosa oscena sul palo. Egli sapeva che stava per venirgli uno dei suoi accessi. Il Signore delle Mosche si gonfiava come un pallone. "Questo è ridicolo. Tu sai benissimo che non mi incontrerai altro che lì.. dunque non cercare di fuggire." Il corpo di Simone era inarcato e rigido. Il Signore delle Mosche parlava con la voce d'un maestro di scuola. "Questo scherzo è durato abbastanza, davvero. Mio povero bambino traviato, credi di saperne più di me?" Ci fu una pausa. "Ti metto in guardia. Sto per perdere la pazienza. Non vedi? Non c'è posto, per te. Capito? Su quest'isola ci divertiremo. Capito? Su quest'isola ci divertiremo. Dunque non provarci nemmeno, mio povero ragazzo traviato, altrimenti.. " Simone si accorse che stava guardando dentro una gran bocca. Dentro c'era buio, un buio, che dilagava. "Altrimenti.." disse il Signore delle Mosche "ti faremo fuori. Capisci? Jack e Ruggero e Maurizio e Roberto e Guglielmo e Piggy e Ralph. Ti faremo fuori. Capisci?" Simone era dentro la bocca. Cadde e perse coscienza.“

Origine: Il Signore delle Mosche, p. 168 "Il signore delle mosche" edizione oscar mondadori

Ultimo aggiornamento 28 Agosto 2020. Storia

Citazioni simili

Giovanni apostolo ed evangelista photo
Pietro apostolo photo
Gesù photo
William Golding photo
Miguel de Cervantes photo

„Nella bocca chiusa non entrano le mosche.“

—  Miguel de Cervantes scrittore, romanziere, poeta, drammaturgo e militare spagnolo 1547 - 1616

Attribuite

Cassandra Clare photo
Albert Camus photo

„E anche Simone Weil – a volte i morti sono più vicini a noi dei vivi.“

—  Albert Camus filosofo, saggista e scrittore francese 1913 - 1960

da una conferenza a Stoccolma in occasione del ricevimento del Nobel

Thomas Mann photo
Raymond Queneau photo
Giobbe Covatta photo
Kobayashi Issa photo

„[Haiku] Con la bocca aperta | va a caccia di mosche | un cane da guardia“

—  Kobayashi Issa poeta e pittore giapponese 1763 - 1828

citato in Haiku antichi e moderni, parte prima, p. 50

Fabrizio De André photo
Petronio Arbitro photo
Toni Morrison photo
Enzo Ferrari photo

„All'Alfa sanno fare i guanti alle mosche.“

—  Enzo Ferrari imprenditore, pilota 1898 - 1988

Origine: Citato in Rita Querzé, Il museo dell’Alfa Romeo «patrimonio culturale» http://milano.corriere.it/milano/notizie/arte_e_cultura/10_luglio_26/museo-alfa-romeo-querze-1703461022699.shtml, Milano. Corriere.it, 26 luglio 2010.

Cassandra Clare photo
Ascanio Celestini photo

„Per le mosche la vita è una cosa ridicola. È soltanto un'inutile attesa prima del pranzo.“

—  Ascanio Celestini attore teatrale, regista cinematografico e scrittore italiano 1972

da Scemo di guerra, Einaudi

Joë Bousquet photo

„Lei [Simone Weil] aveva il dono di pronunciar parole con significato umano illimitato.“

—  Joë Bousquet poeta francese 1897 - 1950

Origine: Da una lettera a Hélène e Pierre Honnorat, 26 gennaio 1945, in Corrispondenza, p. 43.

„Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit. Etiam egestas wisi a erat. Morbi imperdiet, mauris ac auctor dictum.“