„Io trovo vergognoso che tanti italiani e tanti europei abbiano scelto come vessillo il signor (si fa così per dire) Arafat. Questa nullità che grazie ai soldi della Famiglia Reale Saudita fa il Mussolini ad perpetuum e che nella sua megalomania credi di passare alla Storia come il George Washington della Palestina. Questo sgrammaticato che quando lo intervisti non riesce nemmeno a compilare una frase completa, un discorso articolato. Sicché per ricomporre il tutto, scriverlo, pubblicarlo, duri una fatica tremenda e concludi che paragonato a lui perfino Gheddafi diventa Leonardo da Vinci. Questo falso guerriero che va sempre in uniforme come Pinochet, mai che indossi un abito civile, e che tuttavia non ha mai partecipato ad una battaglia. La guerra la fa fare, l'ha sempre fatta fare, agli altri. Cioè ai poveracci che credono in lui. Questo pomposo incapace che recitando la parte del Capo di Stato ha fatto fallire i negoziati di Camp David, la mediazione di Clinton. No-no-Gerusalemme-la-voglio-tutta-per-me, Questo eterno bugiardo che ha uno sprazzo di sincerità soltanto quando (en privè) nega a Israele il diritto di esistere, e che come dico nel mio libro si smentisce ogni cinque secondi. Fa sempre il doppio gioco, mente perfino se gli chiedi che ora è, sicché di lui non puoi fidarti mai. Mai! Da lui finisci sistematicamente tradito. Questo eterno terrorista che sa fare solo il terrorista (stando al sicuro) e che negli Anni Settanta cioè quando lo intervistai addestrava pure i terroristi della Baader-Meinhof. Con loro, i bambini di dieci anni. Poveri bambini. (Ora li addestra per farne kamikaze. Cento baby-kamikaze sono in cantiere: cento!). Questa banderuola che la moglie la tiene a Parigi, servita e riverita come una regina, e che il suo popolo lo tiene nella merda. Dalla merda lo toglie soltanto per mandarlo a morire, a uccidere e a morire, come le diciottenni che per meritarsi l'uguaglianza con gli uomini devono imbottirsi d'esplosivo e disintegrarsi con le loro vittime. Eppure tanti italiani lo amano, sì. Proprio come amavano Mussolini. Tanti altri europei, lo stesso.“

Origine: Da Sull'antisemitismo http://www.oriana-fallaci.com/18-aprile-2002/articolo.html, Panorama, 18 aprile 2002.

Estratto da Wikiquote. Ultimo aggiornamento 16 Marzo 2021. Storia

Citazioni simili

Luciano Ligabue photo

„Era tanti anni fa… era e non sarà più, era soltanto che… te la scrivevi tu, La Prima Pagina del Libro d'Oro.“

—  Luciano Ligabue cantautore italiano 1960

da La Prima Pagina del Libro d'Oro, n. 7
Radiofreccia (Cd 1)

Álvaro Recoba photo
Matteo Bandello photo

„Sempre muore e mai non finisce di morire colui che ad amore si fa soggetto.“

—  Matteo Bandello vescovo cattolico e scrittore italiano 1484 - 1561

da [citation needed], in Novelle, seconda parte

Marko Pjaca photo
Aldo Busi photo
Diego Milito photo
Martina Navrátilová photo
Radovan Karadžić photo
Eugène Terre'Blanche photo

„Perché il leone dovrebbe fare posto ai babbuini? Solo perché i babbuini sono tanti? Mai!“

—  Eugène Terre'Blanche politico sudafricano 1941 - 2010

Origine: Citato in Guido Rampoldi La sfida alla storia degli ultrà sudafricani http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1992/03/12/la-sfida-alla-storia-degli-ultra-sudafricani.html?ref=search, la Repubblica, 12 marzo 1992.

Francesco di Sales photo
Elisabetta di Baviera photo
Calcutta photo
Silvio Berlusconi photo
Francesco Tullio Altan photo

„È ora di rivalutare la merda.
E quando mai è stata svalutata?“

—  Francesco Tullio Altan fumettista, disegnatore e sceneggiatore italiano 1942

Dialoghi

Walid al-Mouallem photo
Ágota Kristóf photo

„Lucas chiede:
- Non sei mai triste?
- No, perché una cosa mi consola sempre di un'altra.

(una bambina)“

—  Ágota Kristóf scrittrice ungherese 1935 - 2011

The Notebook, The Proof, The Third Lie: Three Novels

Roberto Saviano photo

Argomenti correlati