Frasi di Bernardo Valli

181   0

Bernardo Valli

Data di nascita: 15. Ottobre 1930

Pubblicità

Bernardo Valli è un giornalista e scrittore italiano.

Autori simili

Sergio Romano photo
Sergio Romano22
storico, scrittore e giornalista italiano
Flavio Pagano photo
Flavio Pagano3
scrittore e giornalista italiano
Stefano Bartezzaghi photo
Stefano Bartezzaghi2
giornalista e scrittore italiano
Gaetano Savatteri photo
Gaetano Savatteri1
giornalista e scrittore italiano
Vladimiro Caminiti photo
Vladimiro Caminiti4
giornalista, scrittore e poeta italiano
Arrigo Levi photo
Arrigo Levi10
giornalista italiano
Sergio Atzeni photo
Sergio Atzeni7
scrittore e giornalista italiano
Gerardo Chiaromonte photo
Gerardo Chiaromonte1
politico, giornalista e scrittore italiano
Giorgio Bocca photo
Giorgio Bocca59
giornalista italiano
Enrico Emanuelli photo
Enrico Emanuelli3
scrittore e giornalista italiano

Frasi Bernardo Valli

Pubblicità

„Ci fu un tempo, non tanto lontano, in Occidente, in cui il carattere laico e moderno del presidente iracheno era apprezzato, se non proprio esaltato. Il confronto con Khomeini concedeva un notevole vantaggio a Saddam Hussein. Di fronte alla rivoluzione islamica di Teheran, esportatrice di un oscurantismo inquietante, la classica dittatura di Bagdad, senza propositi missionari, sembrava un argine non solo accettabile ma provvidenziale. È capitato a molti di noi di scrivere o di pensare qualcosa del genere durante la guerra Iran-Iraq. L'Iraq non era proprio una diga democratica, questo no, questo nessuno ha osato dirlo: ma un utile sbarramento laico e moderno, ossia efficiente, sì: un argine, appunto, in grado di contenere un fanatismo come quello iraniano ansioso di ricondurre le società musulmane ai secoli più bui della loro storia, e di aggredire attraverso il terrorismo gli infedeli dell'Occidente europeo e americano. Al contrario degli ayatollah iraniani, i dirigenti del partito Baas iracheno non erano considerati una minaccia alla stabilità del Golfo, vale a dire del mercato del petrolio. Khomeini costruiva moschee, Saddam Hussein scuole e ospedali e caserme. Egli dedicava, è vero, una particolare attenzione a quest'ultime ed anche alle prigioni, come del resto faceva Khomeini, ma, al contrario di Khomeini, era al tempo stesso favorevole all'emancipazione delle donne, alle quali a Bagdad non veniva imposto il ciador. Quando negli acquitrini della Mesopotamia meridionale, dove si incontrano il Tigri e l'Eufrate, furono scoperti nel 1984 migliaia di giovani iraniani uccisi dai gas iracheni, la nostra morale non fu affatto scossa. L'utilità di Saddam Hussein, in quanto diga del fondamentalismo musulmano, placava le nostre coscienze. Soltanto quattro anni dopo, quando i gas furono usati per mattare la città curda di Halabja, ci furono alcune reazioni.“

—  Bernardo Valli

„Milosevic è una vistosa reliquia del nazionalismo primitivo, quello che, su scala assai più grande, con le sue degenerazioni ideologiche, ha provocato le tragedie del '900 europeo. È a questo nazionalismo, ricreatosi a pochi minuti di volo dalla nostra costa adriatica, che la Nato ha dichiarato di fatto la guerra. Quasi volesse distruggerlo prima di entrare nel nuovo millennio. È roba da lasciare al secolo che se ne va. Fallito il comunismo, anche nella sua eccentrica versione jugoslava, Milosevic si è gettato in quel nazionalismo: e nel giugno '89 ha dato solennità alla conversione recandosi nella pianura di Kosovo Polje, ai piedi del monumento alla battaglia del 1389 (da cui cominciò il dominio ottomano, durato quasi mezzo millennio), per annunciare che "mai più i serbi si sarebbero lasciati maltrattare". Con quel gesto e quelle parole Milosevic ha spazzato via tutto quel che Tito aveva fatto per contenere i nazionalismi balcanici. E ha dato il via, in modo più o meno diretto, a una serie di massacri in cui i serbi sono stati carnefici ma anche vittime, e da cui sono sempre usciti sconfitti. Sono stati ripudiati dagli sloveni e dai croati, e molti loro insediamenti secolari sono stati scalzati dalle province di confine bosniache e croate. E adesso il Kosovo. Il nazionalismo serbo assume a tratti una colorazione religiosa e messianica, ereditata dal ruolo nazionale che la Chiesa ortodossa ha avuto nei secoli. Nell'Europa occidentale il territorio della nazione si è sostanzialmente delineato prima che si creassero una lingua e una cultura comune. Al contrario la nazione serba non ha un quadro territoriale di riferimento. Le comunità, non sempre maggioritarie tra cattolici, ebrei e musulmani, si identificavano in rapporto alla Chiesa serba. Era serbo chi era ortodosso. Si sono così creati spazi mistici. Sono nate rivendicazioni territoriali stravaganti, dettate dagli avvenimenti politici del momento e dalle leggende. I poemi nazionali hanno cantato per secoli il Kosovo come "culla del popolo serbo", e così lo è diventato di fatto, e tale è rimasto benché abitato al novanta per cento da albanesi. Crollato il comunismo, Milosevic ha sfruttato quel sentimento, attorno al quale, nei momenti di tensione, si raccolgono anche tanti serbi di solito estranei ad ogni tipo di estremismo. La letteratura serba è generosa in opere in cui si piangono le terre perdute e in cui la nostalgia diventa passione violenta.“

—  Bernardo Valli

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

Help us translate English quotes

Discover interesting quotes and translate them.

Translate quotes
Avanti
Anniversari di oggi
Kobe Bryant photo
Kobe Bryant37
cestista statunitense 1978
Alessandro Mannarino photo
Alessandro Mannarino12
cantautore italiano 1979
Ronald Laing photo
Ronald Laing32
psichiatra scozzese 1927 - 1989
Adolf Loos photo
Adolf Loos15
architetto austriaco 1870 - 1933
Altri 70 anniversari oggi
Autori simili
Sergio Romano photo
Sergio Romano22
storico, scrittore e giornalista italiano
Flavio Pagano photo
Flavio Pagano3
scrittore e giornalista italiano
Stefano Bartezzaghi photo
Stefano Bartezzaghi2
giornalista e scrittore italiano
Gaetano Savatteri photo
Gaetano Savatteri1
giornalista e scrittore italiano
Vladimiro Caminiti photo
Vladimiro Caminiti4
giornalista, scrittore e poeta italiano