Frasi di Enzo Biagi

Enzo Biagi foto

221   10

Enzo Biagi

Data di nascita: 9. Agosto 1920
Data di morte: 6. Novembre 2007

Enzo Marco Biagi è stato un giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano.

È considerato uno dei giornalisti italiani più popolari del XX secolo.


„Tolstoj non ha espresso soltanto il desiderio di fratellanza, così profondo nel popolo russo, ma il bisogno di pace di tutti noi. E ha cercato, anche per noi, una fede.“ p. 50

„Nella storia dell'umanità non cala mai il sipario. Se solo ci si potesse allontanare dal teatro prima della fine dello spettacolo.“ da Fatti personali


„Le verità che contano, i grandi principi, alla fine, restano due o tre. Sono quelli che ti ha insegnato tua madre da bambino.“ da Strettamente personale

„La mancanza di valori, l'individualità sempre protagonista rispetto al comune agire, l'egoismo sfrenato e, soprattutto, l'assenza di speranza, possono essere alcune delle ragioni che hanno portato la corruzione e il degrado nella nostra società.“ p. 209

„Quando le mie figlie erano piccole, ho letto loro dei versi di Trilussa: "C'è un'ape che si posa/ su un bocciolo di rosa/ lo succhia e se ne va.../ Tutto sommato, la felicità/ è una piccola cosa". Bisogna apprezzare quello che ti danno i piccoli piaceri. Il resto ci può stare, ma è un di più.“

„Mi dispiace lasciare questa redazione, ma non posso stare in un giornale che chiede al suo direttore la tessera della massoneria. *“ Dopo lo scandalo P2; 1981

„È il culto del potere, che in Italia è un sentimento estremamente diffuso. In nessuna parte del mondo esistono, come da noi, cartelli che avvertono, negli stadi, o nei parcheggi, o nei teatri: "Riservato alle Autorità".“ p. 72

„D: Ti accusano di una certa doppiezza nei confronti di Berlusconi, c'è un prima e un dopo.“


„Fra poco sarà il 25 aprile. Una data che è parte essenziale della nostra storia: è anche per questo che oggi possiamo sentirci liberi. Una certa Resistenza non è mai finita.“ da La mia Italia che non si arrende, Corriere della sera, 22 aprile 2007, p. 1

„D: Cosa auguri al nostro Paese?“

„Buonasera, scusate se sono un po' commosso, e magari si vede. C'è stato qualche inconveniente tecnico e l'intervallo è durato cinque anni. C'eravamo persi di vista, c'era attorno a me la nebbia della politica e qualcuno ci soffiava dentro. Vi confesso che sono molto felice di ritrovarvi. Dall'ultima volta che ci siamo visti sono accadute molte cose e per fortuna qualcuna è anche finita. Ci sono momenti in cui si ha il dovere di non piacere a qualcuno, e noi non siamo piaciuti. (dal programma RT – Rotocalco Televisivo, 22 aprile 2007)“ Aprendo la prima puntata della trasmissione, dopo 5 anni di assenza dalla televisione

„D: Lei ha detto che non sarebbe mai entrato in politica. Cosa le ha fatto cambiare idea?“


„D: Come ha fatto, un tiratore scelto come lei, a sbagliare la mira da cinque metri?“

„D: Dicono che presto tornerà a Roma. Sta già pensando al trasloco?“

„D: A chi l'accusa di essere al servizio di Berlusconi in materia giudiziaria, che cosa risponde?“

„Un giovane che aveva sognato di diventare Ferrari e lo è diventato.“

Autori simili