Frasi di Giorgio Bocca

Giorgio Bocca photo
59  2

Giorgio Bocca

Data di nascita: 28. Agosto 1920
Data di morte: 25. Dicembre 2011

Pubblicità

Giorgio Valentino Bocca è stato uno scrittore e giornalista italiano.

Autori simili

Sergio Romano photo
Sergio Romano22
storico, scrittore e giornalista italiano
Enzo Biagi photo
Enzo Biagi200
giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano
Angela Urbano4
giornalista italiana
Dino Basili photo
Dino Basili33
scrittore, giornalista
Emanuela Audisio photo
Emanuela Audisio31
giornalista e scrittrice italiana
Stefano Bartezzaghi photo
Stefano Bartezzaghi2
giornalista e scrittore italiano
Flavio Pagano photo
Flavio Pagano3
scrittore e giornalista italiano
Andrea Scanzi photo
Andrea Scanzi63
giornalista e scrittore italiano

Frasi Giorgio Bocca

„Non tutti i «gentili» – per sfortuna degli ebrei – sono stati degli «ingenui» o «zucche vuote» come essi amano chiamarli. Anche essi, o almeno una parte di essi ha saputo guardare il viso non amabile forse, ma pur tuttavia immutabile, della realtà. Un colpo tremendo deve aver subito il cuore ebreo nel vedere sorgere un movimento, quale quello fascista che denunciava la inconsistenza pratica della parola libertà nel campo politico dove gli uomini sono in tal modo costrutti da trasformare la libertà loro accordata in anarchia. Una rabbia immensa deve aver riempito il cuore degli anziani di Sion, nel sentire dei non ebrei dire che il comunismo è un'utopia irraggiungibile e che le sue applicazioni pratiche sono costruzioni meccaniche e crudeli dove milioni di schiavi lavorano per una minoranza di dirigenti (ebrei). L'odio di chi vede svelati i suoi piani è enorme, l'odio di chi vede rovinati i propri piani è tremendo. Questo odio degli ebrei contro il fascismo è la causa prima della guerra attuale. La vittoria degli avversari solo in apparenza, infatti, sarebbe una vittoria degli anglosassoni e della Russia; in realtà sarebbe una vittoria degli ebrei. A quale ariano, fascista o non fascista, può sorridere l'idea di dovere in un tempo non lontano essere lo schiavo degli ebrei? È certo una buona arma di propaganda presentare gli ebrei come un popolo di esseri ripugnanti o di avari strozzini, ma alle persone intelligenti è sufficiente presentarli come un popolo intelligente, astuto, tenace, deciso a giungere, con qualunque mezzo, al dominio del mondo. Sarà chiara a tutti, anche se ormai i non convinti sono pochi, la necessità ineluttabile di questa guerra, intesa come una ribellione dell'Europa ariana al tentativo ebraico di porla in stato di schiavitù". (da La Provincia grande – Sentinella d'Italia, Foglio d'ordini settimanale della Federazione dei Fasci di Combattimento di Cuneo, 14 agosto 1942).“

— Giorgio Bocca

Pubblicità
Pubblicità
Pubblicità

„Abbiamo poi appreso che la cultura di sinistra, una parte della cultura di sinistra, che dalla nascita della repubblica è andata a senso unico tutte giuste le guerre comuniste, le rivoluzioni comuniste, sempre sbagliate le guerre dell'Occidente massime degli Stati Uniti ora non avendo più la sponda dell'Unione sovietica e del sol dell'avvenir su cui far rimbalzare la sua propaganda e trovare uno zoccolo duro alle sue parole, passa a un pacifismo totale e indiscriminato per cui, pur di contrastare una guerra votata dalle Nazioni unite, si sostiene che non esistono guerre giuste. E se quell'uomo serio, prima che un grande intellettuale, che è Norberto Bobbio si permette di ricordare che le guerre giuste esistono, che combattere il nazismo nella Resistenza fu una guerra giusta come lo sono le guerre in corso dei baltici o dei negri sudafricani o di chiunque si difenda da una ingiusta oppressione lo si attacca come un cattivo maestro. Il filosofo Vattimo, bontà sua, ci ha fatto sapere che forse la Resistenza l'avrebbe fatta anche lui, ma tutti gli altri firmatari del manifesto contro Bobbio non hanno mezzi termini, tutte le guerre per loro sono ingiuste, sono diventati tutti gandhiani, evangelici, se li schiaffeggiano su una guancia porgono l'altra. Ora se il pacifismo e il neutralismo cattolici hanno una giustificazione storica, hanno alle spalle una dottrina coerente, salvo qualche piccola eccezione come la guerra di Spagna con benedizione papale delle truppe franchiste, quelli del filone comunista o come chiamarlo, neo comunista o nostalgico comunista o comunista desiderante? Ci sembrano francamente poco decenti se ritroviamo fra i suoi esponenti degli stalinisti come il professor Gian Mario Bravo catafratto laudatore dei carri armati di Krusciov e di Breznev. Quanto allo squadrismo rosso del Manifesto meglio sorvolare, si sarebbero trovati bene anche a Salò.“

— Giorgio Bocca

Avanti
Anniversari di oggi
Nino Manfredi photo
Nino Manfredi11
attore italiano 1921 - 2004
Marcel Marceau photo
Marcel Marceau1
attore teatrale francese 1923 - 2007
Johann Wolfgang von Goethe photo
Johann Wolfgang von Goethe263
drammaturgo, poeta, saggista, scrittore, pittore, teolog... 1749 - 1832
Sergio Quinzio38
teologo e aforista italiano 1927 - 1996
Altri 81 anniversari oggi
Autori simili
Sergio Romano photo
Sergio Romano22
storico, scrittore e giornalista italiano
Enzo Biagi photo
Enzo Biagi200
giornalista, scrittore e conduttore televisivo italiano
Angela Urbano4
giornalista italiana
Dino Basili photo
Dino Basili33
scrittore, giornalista
Emanuela Audisio photo
Emanuela Audisio31
giornalista e scrittrice italiana